Approfondimenti

Fase 2: le ragioni sanitarie sono più importanti di quelle economiche

Governo Conte

A più di un mese dall’inizio dell’epidemia di coronavirus COVID-19 in Italia e dopo settimane di piena emergenza in cui più di 17mila persone hanno perso la vita e sono stati ufficializzati più di 139mila casi di contagio in tutto il Paese, gli ultimi bollettini diffusi quotidianamente dalla Protezione Civile lanciano dei messaggi molto positivi e ormai da giorni non si fa che parlare dell’avvio della cosiddetta Fase 2, quella della convivenza col coronavirus.

Le misure restrittive confermate con l’ultimo DPCM sono in scadenza il 13 aprile e nei prossimi giorni sarà firmato un nuovo decreto che prolungherà tali misure. Non ci sono certezze, però, sulla configurazione del nuovo DPCM: ci si limiterà ad estendere il periodo di chiusura dell’Italia così come attualmente in vigore e verranno disposte delle prime riaperture per alcune fabbriche ed aziende o particolari categorie di lavoratori?

Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni ne hanno parlato a Prisma con Antonio Misiani, viceministro dell’Economia e delle Finanze:

I dati epidemiologici e sanitari mostrano che le misure drastiche assunte dal Governo, compresa la chiusura di gran parte delle attività produttive, stanno producendo finalmente risultati. Sarebbe però del tutto sbagliato immaginare una riapertura in blocco delle attività produttive e un allentamento generalizzato delle misure di distanziamento sociale. La verità è che dovremo convivere con il coronavirus COVID-19 per un certo tempo e per questo la riapertura che ci sarà sarà decisa nella tempistica suggerita dalle autorità medico scientifiche che hanno e devono avere un peso nelle decisioni oggettivamente superiore rispetto ai legittimi interessi economici che si stanno facendo sentire in queste ore.
La riapertura sarà graduale e interesserà prima alcuni settori. Credo che sia necessario procedere con la massima prudenza perché l’errore peggiore che possiamo fare in questo momento è andare verso una riapertura generalizzata con il rischio che l’epidemia riprenda. E questo sarebbe disastroso anche dal punto di vista economico. È un errore che il Paese non può permettersi.
Noi dobbiamo guardare a quanto stanno facendo i Paesi che prima di noi hanno dovuto fare i conti con l’epidemia. In Cina la chiusura totale è stata decisa il 23 gennaio e solo oggi, all’inizio di aprile, sono state rimosse gran parte delle restrizioni a Wuhan e nell’Hubei. Questo creda che debba indicarci la strada da seguire anche in Italia.

È possibile ipotizzare una fase 2 differenziata da Regione a Regione?

Le ipotesi sul tavolo sono molte e non siamo in grado di dare delle anticipazioni.

Nonostante i primi segnali positivi, però, è fondamentale non affrettare i tempi. Ne è convinta la comunità scientifica italiana e lo ha confermato a Radio Popolare il dottor Massimo Galli, direttore Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano:

Credo che non programmare la fase 2 sarebbe stupido, anticiparla sarebbe diabolico. Ci vuole del tempo per organizzare questa cosa. Per arrivare alla riapertura o abbiamo un potenziale diagnostico maggiore o altrimenti sarà un pericolo.
Prima di riaprire dobbiamo avere una maggiore disponibilità per i test diagnostici, senza i quali avremo seri problemi per poter dire alle persone come sono messe e come si dovranno gestire e comportare per poter tornare a lavorare. Dovremo riuscire a capire chi sono gli infettati che sono guariti, chi sono quelli ancora infettati e chi sono quelli che non si sono mai infettati e potranno tornare a scaglioni alle loro attività di sempre, ma ovviamente con le debite precauzioni: mascherine e distanziamento.

Si dovrebbero fare i tamponi e poi i test sierologici?

Prima il test rapido per vedere quanti hanno avuto un’esposizione. Non saranno tutti e non sarà perfetto, ma è un pre-screening molto più semplice. Poi, a seguire, bisognerà fare il tampone a chi risulterà positivo al test rapido, perché purtroppo una certa percentuale di chi è positivo al test rapido è ancora infettata.

Quando si potrà iniziare a fare questi test rapidi?

La mia sensazione è che i test sierologici da sangue venoso richiederanno almeno ancora 2-3 settimane per avere un’ampia disponibilità.

Sembra però che la politica abbia intenzione di riaprire almeno alcune fabbriche ed aziende dal 14 aprile, senza quindi attendere queste precauzioni.

A me una riapertura per il 14 aprile sembra qualcosa di assolutamente infattibile e ridicolo. I dati ci dicono che il numero degli infettati in Lombardia è di almeno dieci volte superiore al numero ufficiale perché i test sono stati effettuati solo a chi stava molto male. È importante il fatto che negli ultimi giorni abbiamo avuto un netto calo della pressione sul pronto soccorso e del numero di casi che hanno richiesto il ricovero. Questo è il vero segnale positivo: stiamo esaurendo i fuochi della prima e grande ondata dell’epidemia e il distanziamento sociale sta portando i suoi risultati.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 09/12/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/09/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 09/12/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 09/12/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 09/12/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 09/12/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 12/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 09/12/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 09/12/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 12/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 09/12/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 09/12/21

    Rassegna stampa internazionale - 12/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 09/12/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 09/12/21

    Rassegna stampa internazionale - 12/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 09/12/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 12/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 09/12/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 12/09/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di gio 09/12/21

    Indie-Re di gio 09/12/21

    Radio Muse Indie-re - 12/09/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 08/12/21

    Jazz Ahead di mer 08/12/21

    Jazz Ahead - 12/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 08/12/21

    News Della Notte di mer 08/12/21

    News della notte - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 08/12/21

    Gimme Shelter di mer 08/12/21

    Gimme Shelter - 12/08/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 08/12/21

    Il giusto clima di mer 08/12/21

    Il giusto clima - 12/08/2021

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di mer 08/12/21

    Conduzione Musicale di mer 08/12/21

    Conduzione musicale - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 08/12/21

    Gli speciali - 12/08/2021

Adesso in diretta