Approfondimenti

Fase 2 e prime riaperture: la situazione a Melegnano

Comune di Melegnano

La fase 2 in Italia è ufficialmente iniziata e, seppur in modo graduale, milioni di cittadini sono tornati in circolazione per la ripresa delle attività lavorative o per far visita ai propri congiunti. Com’è la situazione a Melegnano, comune di 18mila abitanti a sud di Milano? Il sindaco Rodolfo Bertoli fa il punto della situazione a Radio Popolare, illustrando le preoccupazioni per i possibili assembramenti e la comparsa di nuovi focolai.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Oggi è il primo giorno della fase 2, come ci arriva il Comune di Melegnano? Vi sentite pronti?

Diciamo di sì. Tutti i cittadini di Melegnano in questi giorni hanno dato prova di senso di responsabilità e sostanzialmente tutti si sono attenuti alle regole e quindi sono fiducioso. Qualche ansia c’è perché purtroppo i dati non sono quelli che avrei sperato e quindi provo un  senso di responsabilità ancora più forte perché oggettivamente si sta rischiando molto.

In che modo il comune di Melegnano è stato colpito dall’emergenza?

Abbastanza duramente. Purtroppo ATS non ci sta comunicando i dati da qualche giorno, ma dalla stampa risulta che siamo a 245-249 persone che sono state colpite da questo virus dall’inizio della pandemia. Anche il bilancio dei morti è abbastanza forte perché, se non ricordo male, ieri erano 40 le persone decedute. Purtroppo a questo dato contribuisce anche una casa di riposo all’interno del comune con più di 350 ospiti. Melegnano è una città che rispetto ad altre ha una densità abitativa molto elevata pur essendo di seconda fascia rispetto alla città di Milano ed è una città che, quando si riversa sulle strade e sugli spazi circostanti, mostra molto affollamento. È stato necessario anche prendere provvedimenti abbastanza duri, come ad esempio la chiusura delle panchine. Abbiamo preventivamente affrontato il problema di evitare l’assembramento. Ricordo a questo proposito che siamo stati fra i primi in Italia a fare un’ordinanza già il 22 febbraio per chiudere il mercato cittadino, uno dei punti di ritrovo principali dell’area sud milanese. Credo sia uno dei pochi mercati domenicali e quindi se si contano 4.000 avventori durante le stagioni più fredde, possiamo arrivare a 7-8 mila persone quando la stagione è migliore. Io mi sono rivolto al Prefetto e alla Regione per avere indicazioni sulle direttive e i giusti provvedimenti da prendere. La risposta è arrivata soltanto dal Prefetto con l’invito ad attenermi alle regole, quelle di evitare assembramenti. Ho deciso in maniera abbastanza difficile e solitaria perché, ripeto, non c’erano precedenti. Poi dopo siamo stati seguiti anche dai colleghi del Sud Milanese. Abbiamo anche deciso di chiudere le scuole anticipatamente rispetto alla decisione che fu presa il 23 febbraio e questo ha permesso sia agli insegnanti sia ai dirigenti scolastici, ma soprattutto alle famiglie, di potersi gestire. Ci siamo accorti subito della gravità di questa epidemia e abbiamo fatto queste scelte molto difficili che purtroppo erano quelle giuste da fare.

In relazione alla fase 2 avete anticipato qualche riapertura e siete stati più restrittivi?

Diciamo che i margini sono quelli consentiti del DPCM, perché i sindaci non hanno più potere di emettere ordinanze urgenti in materia sanitaria se non negli ambiti previsti dalla legge nazionale o regionale. Noi ci siamo attenuti e riapriremo i parchi che siamo condizione di poter controllare in maniera abbastanza semplice, con la nostra polizia locale che è di circa 16 componenti compreso il comandante. È difficile poterli controllare tutti, ne abbiamo parecchi piuttosto diffusi in tutta la città. Abbiamo cercato di aprire quelli che sono più facilmente controllabili e in questo senso ci sono tre parchi comunali o parte di essi che sono ancora chiusi: il parco Borsellino, il parco di Via Repubblica e una parte di quello interno parco del Castello Mediceo, quella dove ci sono i giochi dei bambini.

Come si prospetta questa sua giornata, la prima della fase 2? Quali saranno le cose a cui dovrà prestare più attenzione?

Monitorare la situazione costantemente sentendo la polizia locale che gira per le strade. Stamattina ho già previsto l’incontro con i commercianti, soprattutto i rappresentanti dei parrucchieri che in questi giorni hanno manifestato la necessità di essere ascoltati, Cercherò di capire le loro problematiche perché saranno gli ultimi operatori commerciali, se così li vogliamo chiamare, che potranno aprire e per questo sono effettivamente in difficoltà. Cercherò di capire le problematiche, da un lato cercheremo di capire se ci sono delle risposte che possiamo dare noi o a livello nazionale. Nel pomeriggio poi avremo un altro incontro con la categoria commercianti, gli ambulanti, perché stiamo valutando se e come organizzare la riapertura del mercato comunale, composto da 54 bancarelle. Bisogna rispettare la distanza imposta dalle direttive regionali, tra le quali una arrivata solo ieri sera, che chiede due metri e mezzo di fascia di rispetto per ogni singola bancarella. Questo di fatto comporta una diminuzione delle bancarelle presenti e stiamo valutando con loro quale sia la soluzione migliore nel rispetto delle regole.

La vostra maggiore preoccupazione sono gli assembramenti?

Direi che l’esperienza ci insegna che questa attualmente è l’unica soluzione che abbiamo per poter arginare la diffusione del virus, la distanza fra le persone. Io mi aspettavo qualcosa in più, sono sincero. Lo dico un po’ in rappresentanza anche tutti i colleghi. Quotidianamente guardiamo i numeri e cerchiamo di capire e confrontarci di volta in volta su come interpretare le regole che ci vengono date. La produzione normativa di questi ultimi due mesi è stata massacrante.

Foto dalla pagina Facebook del Comune di Melegnano

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 18/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radiosveglia di giovedì 18/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 18/08/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di giovedì 18/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 18/08/2022

  • PlayStop

    Pin the map di mercoledì 17/08/2022

    Una cartina, uno spillo e 50 minuti di musica per passare da un paese all'altro ascoltando brani da tutto questo…

    Pin the map - 18/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 17/08/2022 delle 20:59

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di mercoledì 17/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poverly Planet - BRUXELLES

    Art Nouveau, moule frites e birrette artigianali, a Bruxelles con Davide

    Poveri ma belli - 18/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di mercoledì 17/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti Live

    Lo show della trasmissione del tardo pomeriggio. Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon vi accompagneranno nella spettacolare giornata del…

    All you need is pop 2022 - 18/08/2022

  • PlayStop

    Cerno: "Letta va al disastro, Renzi alla destra"

    Il PD, l'ex rottamatore, Calenda e Meloni: intervista a ruota libera del senatore uscente

    Clip - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 17/08/2022 delle 15:36

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 3 - Independence Day/Foto di mio padre da giovane a ventidue anni

    B. Springsteen, Darkness on the Edge of Town, Independence Day, My Father’s House (Ben Harper) B. Eno, Ambient 1, Music…

    American Life - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ministri

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Ministri

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di mercoledì 17/08/2022

    quando dall'alto della nostra sportività Olimpionica ci dedichiamo al commento degli Europei di atletica, poi raggiungiamo Davide in smart working…

    Poveri ma belli - 17/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack - 18/08/2022

Adesso in diretta