Approfondimenti

Fase 2: com’è la situazione a Arese? L’intervista alla sindaca Michela Palestra

fase 2 arese

A poco più di una settimana dall’avvio della Fase 2, qual è la situazione nel comuni dell’hinterland milanese? Siamo tornati ad Arese, comune di 19.300 abitanti a nord-ovest di Milano, dove il contagio non si è ancora fermato ed effettuare tamponi e test sierologici non è ancora facile e veloce.

L’intervista di Serena Tarabini alla sindaca di Arese Michela Palestra a Fino Alle Otto.

Come arriva Arese alla Fase 2?

Arese arriva, mi viene da dire, un po’ sotto choc perché a molti non sarà sfuggito che siamo stati protagonisti, assieme ad un altro Comune della Città metropolitana di Milano, di un articolo del Corriere della Sera in cui veniva citato uno studio che faceva risalire ad Arese uno dei primi casi tracciati al 15 gennaio. Per noi una doccia fredda. Al di là di quello, la situazione attuale è di 170 persone positive. Ovviamente crescono i guariti, ma abbiamo avuto anche 29 persone che non ce l’hanno fatta. Siamo arrivati in uno stato di stordimento per voler capire come mai si è arrivati a dire che il 15 gennaio sul territorio il virus c’era già e la fase 2 che ci vede preoccupati perché i casi ad Arese sono nella media, ma con un contagio che non si è mai fermato. Raramente abbiamo avuto un giorno in cui abbiamo comunicato che non c’erano contagi.
Da punto di vista operativo, rispetto quella che sono le facoltà concesse dai DPCM, noi abbiamo cercato di fare un patto di fiducia con i cittadini. Abbiamo riaperto i parchi, gli orti, il cimitero e sabato il primo mercato comunale all’aperto. Si sta cercando di rientrare a una normalità “prudente“, il territorio comincia ad essere frequentato, a volte fin troppo devo dire.

Tornando alla questione che ci ha raccontato, avete chiesto collaborazione alla Regione. Avete avuto risposta?

Io ho scritto una lettera il 1 maggio al Presidente della regione Fontana e all’Assessore Gallera, ho ricevuto la risposta venerdì scorso, ma non è stata quella sperata, perché ci è stato fornito qualche elemento in più sull’aspetto clinico della vicenda, ma non era questo il punto; noi siamo cittadini del mondo, siamo persone che viaggiano, si spostano, attraversano confini, come tutti. Non è dirimente sapere chi era il contagiato, perché poi quello che abbiamo vissuto noi è stata la caccia all’uomo, l’identificare chi fosse; il tema è capire da uno studio che ha rilevato la presenta del virus sul territorio cosa fare di questi dati, come mai ad esempio non si è sviluppato un focolaio, spiegare l’andamento sul territorio, e cosa può voler dire oggi quel dato a fronte del fatto che ci sono ancora dei casi. Quello che continueremo a chiedere con forza è non solo di darci qualche indicazione sulla vicenda specifica, ma soprattutto di approfondire sul territorio dal punto di vista epidemiologico quello che è successo con i necessari tamponi e test sierologici altrimenti da quel dato si sviluppa solo una curiosità non utile a capire cosa è successo, cosa succede e cosa succederà. Vedremo se riusciremo a condurre su questo la Regione Lombardia.

Dal punto di vista di tamponi e test sierologici com’è la situazione ad Arese in questa fase 2? Avete la possibilità di farli?

Su questo bisogna essere chiari: la funzione del Comune non è sanitaria; quello che sta succedendo in questa fase 2 è che finalmente si stanno allargando le possibilità di richieste da parte dei medici di base per fare tamponi e test sierologici. Mi dicevano che proprio ieri è cambiato il modo con cui si può segnalare. La casistica è un po’ più ampia, si va maggiormente verso la prevenzione e ovviamente l’identificazione del virus quando ci sono i sintomi, e questo è un dato positivo. La sorveglianza del territorio è in mano ai medici curanti e ai presidi sanitari. È pur vero che qualche comune ha proceduto facendo anche dei test seriologici a pagamento, patrocinandoli, ma dall’altra come Comuni siamo stati raggiunti da un mail di ATS che ci dice, testuali parole, che “quei programmi di test sierologici attivati sul territorio non sono coerenti con le indicazioni regionali e si pongono al di fuori delle misure di contenimento e di risposta all’emergenza“. Seguono una serie di moniti, per cui io dico che volentieri lasciamo in capo a ATS e a regione Lombardia, che sono i soggetti competenti, il compito di gestire indagini approfondite sui cittadini. Però diciamo anche con chiarezza che le persone chiedono di essere testate, vogliono sapere se sono entrate in contatto con il virus, vogliono sapere se sono pericolose per gli altri. Su questo la linea adottata dalla regione Lombardia era decisamente volta alla cura presso gli ospedali che ha depotenziato la medicina territoriale, o comunque non gli ha fornito gli strumenti sufficienti alla medicina territoriale. Noi abbiamo coltivato il rapporto con i medici curanti e abbiamo vissuto le loro difficoltà.

Foto dalla pagina Facebook del Comune di Arese

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 23/06 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 21/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 23/06/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 23-06-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 22/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 22-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 22/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 22-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 22/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 22/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 22-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 22/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 22-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 22/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 22-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 22/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 22-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 22/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 22-06-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 22/06/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 22-06-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 22/06/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 22-06-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 22/06/2024

    con Enzo d’Alò e Jasmine Trinca dalla 60 Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro; Anna Riitta Ciccone regista di “Gli Immortali”. Martino Liguori parla di “Inside Out 2” di Kelsey Mann. Tra le uscite: “Racconto di due stagioni”di Nuri Bilge Ceylan; “The bikeriders” di Jeff Nichols; “La treccia” di Laetitia Colombani; “L’ Amante dell’Astronauta” di Marco Berger.

    Chassis - 22-06-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 22/06/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 22-06-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 22/06/2024

    Shareradio in tour con la Cargovana; Minatori del Suono Fest; alla Cascina Torchiera torna 𝗗𝗔𝗥 𝗩𝗢𝗖𝗘 𝗔 𝗖𝗛𝗜 𝗦𝗜 𝗩𝗨𝗢𝗟 𝗙𝗔𝗥 𝗧𝗔𝗖𝗘𝗥𝗘- 𝗘𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝟮𝟬𝟮𝟰, festa del Naga; Barbara Sorrentini da Pesaro, alla Mostra del Cinema; il concerto della Chris Obehi Band; Elena Lolli, attrice, regista e drammaturga, sulla nostra Poltrona e l'Humus festival; Lucia Bocchi, referente di "Insieme si può fare", onlus che si dedica agli sfollati e profughi siriani e la cena all'Arci Traverso; teatro, arte, libri. E GialloCrovi su Tito Antonio Spagnol.

    Good Times - 22-06-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 22/06/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 22-06-2024

Adesso in diretta