Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 09/12 delle ore 22:31

    GR di lun 09/12 delle ore 22:31

    Giornale Radio - 12/09/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 09/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/09/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 09/12 delle 19:50

    Metroregione di lun 09/12 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 12/09/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di lun 09/12

    From Genesis to Revelation di lun 09/12

    From Genesis To Revelation - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 09/12

    Jazz Anthology di lun 09/12

    Jazz Anthology - 12/10/2019

  • PlayStop

    Basse Frequenze di lun 09/12

    Basse Frequenze di lun 09/12

    Basse frequenze - 12/09/2019

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 09/12

    Jailhouse Rock di lun 09/12

    Jailhouse Rock - 12/09/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 09/12 (prima parte)

    Ora di punta di lun 09/12 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/09/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 09/12 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 09/12 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/09/2019

  • PlayStop

    Esteri di lun 09/12

    Esteri di lun 09/12

    Esteri - 12/09/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 09/12

    Ora di punta di lun 09/12

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/09/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 09/12 (seconda parte)

    Malos di lun 09/12 (seconda parte)

    MALOS - 12/09/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 09/12 (prima parte)

    Malos di lun 09/12 (prima parte)

    MALOS - 12/09/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 09/12 (seconda parte)

    Due di due di lun 09/12 (seconda parte)

    Due di Due - 12/09/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 09/12 (prima parte)

    Due di due di lun 09/12 (prima parte)

    Due di Due - 12/09/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 09/12 (prima parte)

    Senti un po' di lun 09/12 (prima parte)

    Senti un po’ - 12/09/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 09/12 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 09/12 (seconda parte)

    Senti un po’ - 12/09/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 09/12

    Considera l'armadillo lun 09/12

    Considera l’armadillo - 12/09/2019

  • PlayStop

    Radio Session di lun 09/12

    Radio Session di lun 09/12

    Radio Session - 12/09/2019

  • PlayStop

    Tazebao di lun 09/12

    Tazebao di lun 09/12

    Tazebao - 12/09/2019

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 09/12

    Radio Agora' di lun 09/12

    Radio Agorà - 12/09/2019

  • PlayStop

    Cochi e Renato - Bollicine dell'8/12/19 (seconda parte)

    C’erano una volta Cochi e Renato... con galline, corvi, volpi, pecore che passano davanti con il maglione, indiani ma quelli…

    Bollicine - 12/09/2019

  • PlayStop

    Cochi e Renato - Bollicine dell'8/12/19 (prima parte)

    C’erano una volta Cochi e Renato... con galline, corvi, volpi, pecore che passano davanti con il maglione, indiani ma quelli…

    Bollicine - 12/09/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

L’Europa, Maastricht e i nazionalismi/1

Sono passati 25 anni dalla firma del Trattato di Maastricht.

Il 7 febbraio del 1992, i dodici paesi membri della Comunità europea firmarono il trattato costitutivo dell’Unione europea.

Furono poste le basi di un processo che nel 1999 portò alla moneta unica e dal primo gennaio 2002 all’euro come moneta circolante di quasi tutti i paesi dell’unione.

Sullo sfondo di quel trattato restò l’obiettivo dell’unità politica dell’Europa. Un traguardo senza precedenti per quegli stati-nazione che nel ‘900 si erano combattuti in due guerre mondiali facendo milioni di morti.

Venticinque anni dopo, l’Europa di Maastricht è nel pieno di una crisi politica e istituzionale. «Siamo di fronte ad un doppio attacco coordinato: dall’estero e dall’interno», ha detto ieri Romano Prodi in un’intervista. «Trump e Le Pen sono i due volti dello stesso pericolo», ha sostenuto l’ex presidente della Commissione europea.

Austerità e recessione, ridimensionamento del welfare e disuguaglianze. Sono le politiche di questi ultimi anni con i loro effetti disastrosi.

E’ il neoliberismo europeo costruito sull’architettura di Maastricht. Quella dei parametri del 1992 (3% deficit-pil, 60% debito-pil, etc.) a cui si sono aggiunte una serie di strette successive sulle politiche di bilancio, dai nomi per lo più oscuri: “two packs”, “six packs”, “semestre europeo”.

Pier Virgilio Dastoli

Come si può salvare l’Europa da “Maastricht”? Come si contrasta il nazionalismo di Le Pen e della destra “sovranista” europea? A cosa punta l’Europa delle due velocità di Angela Merkel?

Alessandro Somma
Alessandro Somma

Sono alcune delle domande che Memos ha girato ai suoi ospiti di oggi: Pier Virgilio Dastoli, presidente del consiglio italiano del Movimento Europeo, è stato assistente parlamentare di Altiero Spinelli per dieci anni, tra il 1977 e il 1986; e Alessandro Somma, giornalista e professore di diritto comparato all’università di Ferrara.

Ascolta tutta la puntata di Memos

  • Autore articolo
    Raffaele Liguori
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni