Approfondimenti

Europa, futuro cercasi

Bandiera dell'Europa

Il 9 maggio è la festa dell’Europa. La prima domanda che viene spontanea è: cosa c’è da festeggiare? Ma tant’è: il 9 maggio si ricorda il discorso del ministro degli esteri francese Robert Schuman.

Era il 1950, l’Europa tentava di uscire dalle macerie della guerra, quelle fisiche, quelle morali e quelle politiche. Schuman, quel pomeriggio a Parigi, fece quello che viene considerato il primo discorso politico che prospetta un’Europa unita. Un punto di partenza. Schuman prospetta il superamento dell’ostilità tra Francia e Germania con la messa in comune di carbone e acciaio. Un anno dopo nacque la Ceca, il primo nucleo di quella che oggi conosciamo come Unione europea. Prima di Schuman c’erano stati il Manifesto di Ventotene le visioni di Jean Monnet. Ma fu quel 9 maggio che venne abbozzato un primo, concreto, progetto di condivisione di interessi cruciali: le materie prime.

Non sono passati nemmeno 70 anni e oggi l’Europa è una realtà consolidata e imprescindibile. Che però fatica a trovare un’idea di sé per il futuro. Ed è dilaniata da forze centrifughe.

La debolezza politica dell’asse franco-tedesco, proprio quello avviato da Schuman. Merkel è sul viale del tramonto e Macron non decolla.

I partiti antieuropei e nazionalisti crescono in diversi stati membri

A est si è formato un gruppo guidato dal naizonalista ungherese Orban che guarda più a Mosca che a Bruxelles.

La gestione dei flussi migratori è stata non solo inefficace ma anche palesemente contraria agli stessi valori e ideali a cui l’Europa dice di guardare.

Le istituzioni europee sono deboli: il parlamento rappresenta poco e la commissione è spesso sdraiata sui dictat dei governi nazionali.

Cosa accadrà nei prossimi anni non lo sappiamo: se l’Europa imploderà fiaccata dalle proprie malattie o se troverà una cura capace di rilanciarla. Di certo oggi, rispetto anche solo a 5 o 6 anni fa sappiamo che l’Unione non la possiamo dare per scontata.

Al tempo di Schuman c’erano gli ideali e l’aspirazione al futuro. Ma fu la concretezza di carbone e acciaio a dare la spinta decisiva. Oggi, forse, quella spinta ci viene dalla necessità di non restare stritolati tra i due giganti globali: Cina e Stati Uniti.

Bandiera dell'Europa

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 27/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 27/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 16 anni e può uscire da sola la…

    Il Suggeritore Night Live - 27/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 16 anni e può uscire da sola la…

    Il Suggeritore Night Live - 27/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 27/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 27/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Dove ci si interroga sulla suoneria del neo eletto sindaco di Verona Damiano Tommasi. E' Britney Spears o no? Poi…

    Muoviti muoviti - 27/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Si parla con Emanuele Biggi del suo ultimo libro Micromondi. Storie di animali, piante e forme di vita nascosti in…

    Considera l’armadillo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 27/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 27/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 27/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la nuova edizione di Suoni Mobili a…

    Cult - 27/06/2022

  • PlayStop

    Carla De Bernardi, Storia di Milano. Guida per curiosi e ficcanaso

    CARLA DE BERNARDI - STORIA DI MILANO. GUIDA PER CURIOSI E FICCANASO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 27/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 27/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 27/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 27/06/2022

    Commentiamo i risultati delle elezioni comunali con Daniela Preziosi, Carlo Galli e Claudio Jampaglia. Covid, la nuova ondata spiegata da…

    Prisma - 27/06/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 27/06/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 27/06/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 27/06/2022

Adesso in diretta