Approfondimenti

Erdogan adesso sceglie persino i rettori

E’ dal 7 novembre che gli studenti della Boğaziçi University sono in mobilitazione. Ovvero da quando è stato confermato in via ufficiale che il sistema di elezione dei rettori universitari sarebbe cambiato drasticamente: per effetto di un controverso decreto emesso nell’ambito dello stato di emergenza a fine ottobre, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sarà in grado di nominare direttamente i rettori delle università pubbliche senza considerare le preferenze degli accademici.

Il regolamento mette fine alla pratica introdotta in Turchia dal 1992 che nomina i candidati a rettori delle università turche con una votazione del corpo accademico, seguita dalla mera approvazione presidenziale.

Nel caso della Boğaziçi Üniversity il decreto è diventato effettivo. Ieri gli studenti protestavano contro l’avvenuta nomina del nuovo rettore, il professor Mehmed Ozkan, indicato direttamente dal presidente Erdogan. Secondo il quotidiano di opposizione Birgun, Ozkan è fratello di una deputata dell’Akp, il partito di Erdogan.

Il rettore uscente, la professoressa Gulay Barbarosoglu, aveva ottenuto l’86 per cento dei voti nelle elezioni interne di luglio, poi sconfessate dalla nomina di Erdogan. Dopo la decisione in favore di Ozkan, ha annunciato il suo ritiro dalla vita accademica.

La nomina diretta da parte del presidente era già stata contestata nei giorni scorsi da circa 350 accademici dell’Università del Bosforo, sottolineando tra l’altro che la norma, poi approvata per decreto, era stata ritirata dal dibattito parlamentare ad agosto dopo forti polemiche.

La Boğaziçi , fondata nel 1863, è una delle università più grandi e prestigiose di tutta la Turchia. Il premio Nobel per la letteratura Orhan Pamuk è stato uno dei suoi studenti. Tre professori della Boğaziçi vennero arrestati a gennaio per aver firmato un appello che chiedeva la fine delle operazioni militari nel Sud est del Paese. L’appello venne  sottoscritto da più di seimila accademici e intellettuali  fra cui anche lo statunitense Noam Chomski, e portò al fermo e alla sospesione dall’incarico di decine di docenti e ricercatori.

Gli studenti nella loro protesta hanno segnalato che il nuovo rettore non era nemmeno uno dei  candidati alla nomina e hanno esposto tutta la loro preoccupazione sul pericolo di distruzione dell’indipendenza delle università. Nel momento in cui hanno cercato di raggiungere in corteo la sede del rettorato sono stati attaccati e dispersi con lacrimogeni e idranti. Diversi studenti sono  stati messi in stato di fermo.

Allo stesso modo, con lacrimogeni, cannoni ad acqua e arresti, furono attaccati a settembre gli  studenti che nel Sud est a maggioranza curda protestavano per la decisione del governo di sospendere più di 11mila insegnanti sospettati di avere legami con il Pkk, come conseguenza  delle purghe post golpe.

Il primo giorno di scuola in Turchia mancavano, secondo quanto denunciato dal presidente dell’unione degli insegnanti di Istanbul,  fra i 40-50mila docenti, che Erdogan annunciò avrebbe sostituito. Per altri 137 accademici sono scattati mandati di arresto solo una settimana fa. In totale al momento sono quasi 30mila i dipendenti del ministero dell’Istruzione – per lo più insegnanti di scuole elementari e medie, ma anche molti professori universitari – tra i lavoratori statali licenziati nella ondata di maxi purghe decisa in Turchia dal governo contro presunti appartenenti alla rete golpista guidata da Fetullah Gülen, ma che di fatto si sta riversando su tutta l’opposizione. Con cifre che da più parti riportano la memoria al vero colpo di stato militare che avvenne nel 1980.

  • Autore articolo
    Serena Tarabini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 17/06 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 17-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 17/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 17-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 17/06/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 17-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 17/06/2024

    L’Europa, Gran Bretagna inclusa, vista da lontano. 1. La destra e il pensiero liberale. Chi controlla i poteri economici? 2. I riformisti e le nostalgie neoliberiste. Chi vuole tornare al passato della “terza via”? Pubblica ha ospitato Marzia Maccaferri, storica, ricercatrice alla Scuola di Politica e Relazioni internazionali del Queen Mary University of London; e Mario Ricciardi, professore di filosofia del diritto e teoria della giustizia all’università statale di Milano.

    Pubblica - 17-06-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 17/06/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 17-06-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 17/06/2024

    La campagna primavera volge al fine e anche Giorni Migliori ospita Alessandro Diegoli per chiedervi di sostenere la radio e comprare i biglietti fino a giovedì, poi venerdì la grande estrazione in diretta. Uno dei buoni motivi per sostenerci lo ascolterete in onda da stasera, il podcast "Domani sciopero" da stasera in onda e sulle piattaforme. Le opposizioni alla prova dell'unità contro autonomia differenziata e premierato, in Parlamento e in piazza, con Chiara Braga capogruppo alla Camera del PD e Vittoria Baldino vice-capogruppo dei 5Stelle. Anna Momigliano analizza le proteste contro il governo Nethanyau che sono ripartite stamani per la settimana della resistenza. Simone Renza di Nina (Nè intelligente né artificiale) e Raja Ibnou, Gaza FreeStyle ci presentano un dibattito sull'Ai e la guerra, il paradosso Palestina.

    Giorni Migliori – Intro - 17-06-2024

  • PlayStop

    ARMANDO MASSARENTI - COME SIAMO DIVENTATI STUPIDI

    ARMANDO MASSARENTI - COME SIAMO DIVENTATI STUPIDI - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 17-06-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 17/06/2024

    - La Siria è un posto sicuro. I servizi segreti italiani propongono ad Assad di riprendersi chi è scappato dalla guerra. “Come fidarsi di Assad?” dice il giornalista Fouad Rouheia. - “Non solo io, è l’Europa intera preoccupata dallo smantellamento della sanità pubblica”. Parla a Rights Now il neo-europarlamentare Ignazio Marino che annuncia che per la prima volta il Parlamento Europeo avrà una commissione sanità. - “Ero in giro con un top e mi hanno gridato mignotta”. La consapevolezza del sessismo nel racconto delle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 17-06-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 17/06/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 17-06-2024

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 16/06/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 16-06-2024

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 16/06/2024

    In onda Fabio Barbieri. Musiche: Somesurprises, Sault, Belle and Sebastian, Beirut, Red Hot Chili Peppers, Mary Lattimore, Vermont, Aphex Twin, Tord Gustavsen Ensemble, Charles Lloyd and Jason Moran, Keith Jarrett. Lettura: Mariangela Gualtieri.

    Prospettive Musicali - 16-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 16/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16-06-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 16/06/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 16-06-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 16/06/2024

    Regia: Clarice Trombella Conduzione: Gaia Grassi e Astrid Serughetti La Ragazza delle Stelle Simona Romaniello parla della nova T Coronae e dell’ipotesi seconda cui la gravità può esistere anche in assenza di massa, mentre l’English tutor Samuele Brusca analizza alcune strofe di “This is America” di Childish Gambino. Zeina Ayache racconta del silbo gomero, un linguaggio fischiato delle Canarie dichiarato Patrimonio orale e immateriale dell'Umanità dall’Unesco. Lo Scienziatissimo Andrea Bellati, infine, parla di donne e spazio: secondo una nuova ricerca, infatti, il corpo delle donne sarebbe più adatto ad affrontare lunghi viaggi spaziali.

    Bohmenica In! - 16-06-2024

Adesso in diretta