Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 11/12 delle ore 06:29

    GR di mer 11/12 delle ore 06:29

    Giornale Radio - 11/12/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 11/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 11/12/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 11/12 delle 07:15

    Metroregione di mer 11/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 11/12/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12

    Cult di mer 11/12

    Cult - 11/12/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 11/12

    ..1- Birmania. Di fronte alla corte dell’Aja la nobel per la pace Aung san Suu Kyi nega il genocidio dei…

    Esteri - 11/12/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 11/12

    LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 11/12/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 11/12 (prima parte)

    Ora di punta di mer 11/12 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 11/12/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 11/12 (prima parte)

    Jack di mer 11/12 (prima parte)

    Jack - 11/12/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12 (prima parte)

    Cult di mer 11/12 (prima parte)

    Cult - 11/12/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 11/12 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 11/12 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 11/12/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12 (seconda parte)

    Cult di mer 11/12 (seconda parte)

    Cult - 11/12/2019

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 11/12

    Cosa ne Bici del mer 11/12

    Cosa ne BICI? - 11/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mer 11/12

    Tazebao di mer 11/12

    Tazebao - 11/12/2019

  • PlayStop

    psicoradio di mer 11/12

    psicoradio di mer 11/12

    Psicoradio - 11/12/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 11/12

    Elezioni in Gran Bretagna, sfida tra alternative radicalmente opposte. Domani il voto, favoriti i conservatori. Memos ha ospitato il filosofo…

    Memos - 11/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 11/12

    Radio Session di mer 11/12

    Radio Session - 11/12/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 11/12

    Si parla con Claudio Pomo di Essere Animali, di investigazioni, di allevamenti intensivi, di media, di Onorevole Brambilla, di scelte…

    Considera l’armadillo - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 11/12

    Due di due di mer 11/12

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 11/12

    Jack di mer 11/12

    Jack - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 11/12 (seconda parte)

    Jack di mer 11/12 (seconda parte)

    Jack - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (terza parte)

    la manifestazione "L'Odio non ha futuro" (terza parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

De Magistris-Lettieri, come cinque anni fa

Come cinque anni fa. Il Pd fuori al primo turno e di nuovo vanno al ballottaggio Luigi De Magistris e Gianni Lettieri. Questa volta a parti invertite, il sindaco uscente è nettamente in testa. De Magistris, che si è presentato contro tutti, che ha usato come una clava lo scontro con Renzi su Bagnoli, infatti, ha ottenuto da solo la somma dei voti dell’imprenditore candidato di Forza Italia e di Valeria Valente sostenuta da Pd, Udc, verdiniani, liste civiche.

Attesi a lungo dai giornalisti nei rispettivi comitati elettorali, alle fine De Magistris, Lettieri e Valente hanno rimandato a oggi le dichiarazioni. Lo scrutinio andava molto a rilento e De Magistris, prima di commentare, voleva essere sicuro su chi sarà il suo sfidante. La distanza tra Valente e Lettieri era di pochi punti, tanto che ancora all’una e mezza, da Roma, il vicepresidente del partito, Lorenzo Guerini, diceva che nonostante le difficoltà di partenza poteva essere ancora possibile che andasse al ballottaggio Valente.

Una sconfitta del Pd e dei renziani che hanno tirato la volata a Valente nelle primarie contro Bassolino. Lo stesso Matteo Renzi è venuto più volte a Napoli per farle campagna elettorale senza riuscire a portare ai seggi gli elettori che non volevano votare De Magistris o erano indecisi.

L’astensione è stata molto alta. Praticamente un elettore su due a Napoli non è andato a votare.

Dalle dichiarazioni di oggi si cercherà di capire se c’è davvero un accordo per il ballottaggio tra il Pd e il candidato di Forza Italia contro De Magistris, come si vociferava nei giorni scorsi. Con il rischio, dopo i veleni delle primarie e le divisioni per l’alleanza con i verdiniani, di lacerare ulteriormente il Pd e magari lasciare ugualmente Palazzo San Giacomo all’ex magistrato e alla sua coalizione dichiaratamente antagonista.

Fuori dal secondo turno il consigliere Cinque Stelle Matteo Brambilla, l’ingegnere brianzolo trapiantato a Napoli che, però, è stato l’unico a essere accolto con abbracci e applausi dagli attivisti del movimento con cui ha brindato. “Entriamo in Consiglio a testa alta – ha detto – e per il ballottaggio non daremo indicazioni di voto”.

  • Autore articolo
    Letizia Mosca
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni