Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 24/01 delle ore 10:30

    GR di ven 24/01 delle ore 10:30

    Giornale Radio - 24/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 24/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 24/01 delle 07:15

    Metroregione di ven 24/01 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 24/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di ven 24/01

    Prisma di ven 24/01

    Prisma - 24/01/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 24/01 (prima parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 24/01 (prima parte)

    Il giorno delle locuste - 24/01/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 24/01 (seconda parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 24/01 (seconda parte)

    Il giorno delle locuste - 24/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 24/01

    Il demone del tardi - copertina di ven 24/01

    Il demone del tardi - 24/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 24/01

    Rassegna stampa internazionale di ven 24/01

    Rassegna stampa internazionale - 24/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 24/01 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 24/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 24/01 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 24/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 24/01 (terza parte)

    L'INTERVISTA DEL GIORNO: CITOFONATA AL RAGAZZO TUNISINO..CATHY LA TORRE avvocata, attivista per i diritti civili, che difende il ragazzo accusato da Salvini…

    Fino alle otto - 24/01/2020

  • PlayStop

    Let's spend the night together del gio 23/01

    Let's spend the night together del gio 23/01

    Let’s spend the night together - 24/01/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 23/01

    Rotoclassica di gio 23/01

    Rotoclassica - 24/01/2020

  • PlayStop

    Scandale! di gio 23/01

    Scandale! di gio 23/01

    Scandale! - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 23/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 23/01 (prima parte)

    Ora di punta di gio 23/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/01/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 23/01

    1- A Lesbo il governo greco nega le cure mediche ai piccoli rifugiati. La denuncia di Medici senza frontiere (Tommaso…

    Esteri - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01 (seconda parte)

    Malos di gio 23/01 (seconda parte)

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 23/01 (prima parte)

    Malos di gio 23/01 (prima parte)

    MALOS - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01 (seconda parte)

    Parliamo con gli ascoltatori di programmi televisivi cui hanno partecipato come concorrenti. (seconda parte)

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 23/01 (prima parte)

    Ospite Lorenzo Campagnari, autore, conduttore e direttore artistico del Festival di SanNolo. (prima parte)

    Due di Due - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01 (prima parte)

    Jack di gio 23/01 (prima parte)

    Jack - 24/01/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 23/01 (seconda parte)

    Jack di gio 23/01 (seconda parte)

    Jack - 24/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Elezioni in Emilia. Madre di tutte le battaglie

La sede della Regione Emilia-Romagna a Bologna

Elezioni in Emilia. Dopo che la destra guidata da Matteo Salvini ha sbaragliato il campo avversario in Umbria, l’agone si trasferisce in Emilia-Romagna. Una regione ben più corposa sul piano demografico, economico e sociale, nonchè fino all’altro ieri una regione “rossa”.

Sempre governata dalla sinistra nelle sue diverse rappresentazioni, PCI e PSI, poi attraverso le successive configurazioni, PdS, DS e qualche altra che deve essermi sfuggita, fino all’attuale Presidente Stefano Bonaccini del PD.

È chiaro a tutti che se la destra assiata sulla Lega dovesse conquistare il governo dell’Emilia, avrebbe la strada spianata per una trionfale marcia del potere dai territori fino al governo centrale, che a quel punto posto in stato d’assedio da parte della quasi totalità delle regioni, faticherebbe assai a reggere.

Si tratterà quindi non di una più o meno polemica discussione sul governo della regione, ma di una battaglia di potere, sul potere, per il potere. In questo senso vantare il buon governo e la buona amministrazione, parlare degli asili nido o degli apprezzabili risultati economici, eccetera non inciderà più di tanto sui risultati.

Senza dimenticare che il PD è spesso malvisto se non odiato per la sua gestione spesso arrogante e clientelare del potere, per esempio nella sanità. Salvini in Umbria ha fatto ben cinquantatre comizi, battendo città, cittadine, piccoli paesi, palmo a palmo.

Nessuno ricorda il nome della Presidente eletta, tutti ricordano Salvini, un palco dopo l’altro, da cui scende per abbracciare il suo pubblico, fare i selfie, scambiare due parole, sudato e scamiciato, uno di loro, anzi: il loro capo. Primus inter pares.

Sempre in Umbria in uno dei paesini, Salvini è stato il primo politico a parlare da un palco dopo un lontano comizio di De Gasperi. Oggi non è dato sapere quanti comizi abbia progettato per l’Emilia-Romagna, ma se tanto mi da’ tanto saranno parecchi.

Tutti molto fisici, comizi del corpo oltreché della parola, comizi di lotta contro il PD, “la mafia rossa” – non lo dice lui, per ora, ma i suoi su questo viaggiano. Ne per batterlo basterà riferirsi alla relativa incapacità politico-amministrativa della signora Lucia Bergonzoni, candidata ufficiale della destra, poichè tutti sanno che è Salvini il deus ex-machina.

Insomma il PD concentrato sulla propaganda del buon governo e buona amministrazione, appare inadeguato per contrastare efficacemente la pratica politica di potere sviluppata dalla Lega e dal suo capo.

Allora che fare per respingere l’invasione leghista dell’Emilia Romagna? Credo che dovrebbe manifestarsi una insorgenza della miriade di associazioni della società civile che costella la regione. Migliaia. Dal volontariato alle cooperative – di produzione, consumo, sociali, culturali – tutti i circoli Arci, le associazioni LGBT e delle libertà e diritti civili per cui la vittoria della Lega sarebbe una sciagura, centri sociali, le molte altre realtà sociali, un cumulo di forza/e che se decidesse di opporsi all’invasione leghista, potrebbe metterla in scacco fino a respingerla.

Certo non sarà facile attivarla questa forza, ma non vedo altra strada per sperare di vincere la sfida dell’ex-Emilia “rossa”. Che sarebbe un bel colpo alle sconfinate ambizioni di Salvini e della destra.

Una destra permeata di razzismo e similfascismo, che viola i diritti umani e la Costituzione repubblicana. Perchè nel nostro paese sia potuta crescere fino a andare oltre il 50%, a volte arrivando a sfiorare il 60%, è questione seria e intricata su cui bisognerà tornare.

  • Autore articolo
    Bruno Giorgini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni