Approfondimenti

La brutta notte elettorale di Renzi

La notte elettorale è stata molto deludente per il Pd.  Il sapore è quello della sconfitta. Matteo Renzi sapeva di andare incontro a una prova difficile, tanto da prendere le distanze da queste amministrative alla vigilia, ma neppure lui forse immaginava un risultato tanto negativo.  Deve riflettere perché su questo voto hanno giocato molti fattori che lo riguardano.

Milano è probabilmente il punto più dolente. Un sostanziale pareggio non era nelle previsioni. E invece è arrivato a causa soprattutto di un’astensione nata a sinistra e determinata dal profilo del candidato Giuseppe Sala.

Roma veniva considerata già persa e il fatto che Roberto Giachetti vada al ballottaggio è solo una consolazione: Virginia Raggi appare destinata a vincere al secondo turno con l’aiuto della destra. Il gruppo dirigente del Pd ha dato la colpa della sconfitta alla gestione del precedente sindaco Ignazio Marino, ma è evidente che la sconfitta arriva da lontano, dai fatti di Mafia Capitale.

A Napoli, il Pd rimane fuori dal ballottaggio. Anche in questo caso non si tratta di una sorpresa, ma è un risultato che brucia. Tra le grandi città, solo a Torino, il candidato del Partito democratico appare in una solida posizione. Piero Fassino guarda al secondo turno con la ragionevole speranza di essere rieletto.

Se Matteo Renzi piange, il Movimento Cinque Stelle, invece, ride. L’affermazione di Virginia Raggi a Roma è fuori di discussione. Al secondo turno, con l’aiuto dei voti di Giorgia Meloni, la candidata grillina dovrebbe conquistare il Campidoglio. Buona anche la prestazione a Torino (dove il M5s diventa il primo partito) e a Milano dove i suoi elettori rischiano di essere l’ago della bilancia del ballottaggio.

Anche per la destra è stata una serata positiva. Comunque sia, avanza l’ondata lepenista. Laddove è unita, come a Milano, risulta essere molto competitiva. Quando si presenta divisa, come a Roma, rimane fuori dal ballottaggio ma ha la forza numerica potenziale per giocarsi la partita.

Le forze a sinistra del Pd non possono dirsi soddisfatte per l’andamento di queste elezioni. Risultano marginali a Roma e a Torino, con percentuali che non le rendono determinanti in vista del ballottaggio, mentre a Milano possono avere voce in capitolo al secondo turno.

Infine l’astensione. Per molti è fisiologica e le percentuali di questa tornata elettorale ci portano ai livelli della maggior parte dei paesi europei. Può essere. In realtà quello che si intravvede dietro questa disaffezione alle urne è un sempre maggior distacco dalla politica. La sinistra sembra subire i maggiori danni di questa situazione. E’ un dato sul quale è indispensabile riflettere.

  • Autore articolo
    Michele Migone
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 29/06/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 28/06/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 29/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 28/06/2022

    L'ASTENSIONE: UN PROBLEMA SOCIALE E POLITICO. Salvatore Vassallo direttore istituto Cattaneo e Filippo Barbera docente di sociologia economica all'università di…

    Prisma - 28/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 28/06/2022

    L'ASTENSIONE: UN PROBLEMA SOCIALE E POLITICO. Salvatore Vassallo direttore istituto Cattaneo e Filippo Barbera docente di sociologia economica all'università di…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

Adesso in diretta