Approfondimenti

E’ nato il governo più a destra della storia repubblicana, due bimbi morti nel Mediterraneo e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 21 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sarà la prossima presidente del Consiglio, la prima premier nella storia della Repubblica. Nel pomeriggio ha ricevuto e accettato l’incarico per formare un nuovo governo dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. C’è già l’elenco dei ministri e delle ministre del nuovo governo, Matteo Salvini e Antonio Tajani sono vice presidenti del Consiglio. La cerimonia di insediamento del nuovo governo si terrà domani alle 10.30, mentre per le 12 è previsto il primo Consiglio dei ministri. Guerra in Ucraina. C’è stata oggi una telefonata tra i ministri della difesa russo Shoigu e quello americano Austin. Secondo Washington, il capo del Pentagono ha chiesto all’omologo di mantenere aperte le linee di comunicazioni in questa fase della guerra. Dopo i bombardamenti russi sulle infrastrutture elettriche, a Kiev e in altre città dell’Ucraina sono iniziate le interruzioni forzate di energia, per razionare l’elettricità. Due bambini, di uno e due anni, sono morti in un incendio scoppiato su un barcone in viaggio verso l’Italia. 

Tutti i ministri del governo Meloni

Affari esteri: Antonio Tajani, che sarà anche vicepremier
Interno: Matteo Piantedosi
Giustizia: Carlo Nordio
Difesa: Guido Crosetto
Economia: Giancarlo Giorgetti
Imprese e made in Italy: Adolfo Urso
Agricoltura e sovranità alimentare: Francesco Lollobrigida
Ambiente e sicurezza energetica: Paolo Zangrillo
Infrastrutture e mobilità sostenibili: Matteo Salvini, che sarà anche vicepremier
Lavoro e politiche sociali: Marina Calderone
Istruzione e merito: Giuseppe Valditara
Università e ricerca: Anna Maria Bernini
Cultura: Gennaro Sangiugliano
Salute: Orazio Schillaci
Turismo: Daniela Santanché

Ministeri senza portafoglio
Rapporti con il Parlamento: Luca Ciriani
Pubblica amministrazione: Gilberto Pichetto Fratin
Affari regionali e Autonomie: Roberto Calderoli
Sud e mare: Sebastiano Musumeci
Sport e Giovani: Andrea Abodi
Famiglia, Natalità e Pari opportunità: Eugenia Roccella
Disabilità: Alessandra Locatelli
Riforme: Elisabetta Casellati
Affari europei, Coesione territoriale e Pnrr: Raffaele Fitto

Sovranità, Natalità e Merito: anche i nomi dei ministeri dicono molto sul nuovo governo

(di Luigi Ambrosio)

Ci sono i nomi di alcuni ministeri, anzitutto, a dire tantissimo. Qualche esempio: Agricoltura e Sovranità alimentare, Famiglia Natalità e Pari opportunità, Imprese, Istruzione e Merito. Ma non sono i nomi in sé, sono le persone che faranno i ministri a dire che sarà un Governo dall’alto tasso ideologico di destra.Pensiamo a Eugenia Roccella, cattolica reazionaria, già portavoce del Family Day. Della famiglia, della natalità, delle pari opportunità si occuperà lei.O pensiamo a Gennaro Sangiuliano alla Cultura. Arriva dal Movimento Sociale, ha diretto fino a oggi il Tg2 che con lui è diventato una punta di lancia del sovranismo italiano.
Si commenta da solo Calderoli agli Agli Affari Regionali e alle Autonomie: la tentazione di un ritorno al passato, alla vecchia Lega di prima il nord, scenario che tra parentesi rappresenta anche uno dei potenziali conflitti nella maggioranza e nel Governo.C’è il ministero dello Sport che tiene dentro anche le Politiche Giovanili. Lo aveva detto Meloni che voleva combattere le devianze giovanili con lo sport. Il ministro è Andrea Abodi che è stato tra le altre cose consigliere della Federazione Gioco CalcioAll’Istruzione una vecchia conoscenza: Giuseppe Valditara. Anche lui cattolico integralista, fu allievo di Miglio, è consigliere di Salvini, ha militato in An, ha collaborato alla contestatissima riforma Gelmini della scuola. Come interpreterà il concetto di merito uno che pensa che la scuola debba soprattutto preparare al lavoro? Un altro esempio del tasso ideologico di destra del governo Meloni è Alessandra Locatelli che va alla disabilità. E’ famosa a Como, dove ha iniziato a fare politica nella Lega, e in Lombardia. E’ famosa perché è una salviniana di ultra destra. Una che si è battuta contro le persone senza casa, contro le Ong, contro le moschee, contro il Ramadan. A Como mandò la polizia locale contro chi dormiva in strada e contro chi vendeva mimose. Si occuperà di disabilità. I ministeri che si dovevano blindare sono stati blindati. Dagli Interni agli Esteri, dall’Economia all’Europa le tentazioni di uscire dal solco sono state stoppate. Per il resto, arriva il governo più a destra della storia della Repubblica.

Una barca stracolma e due bimbi morti nel Mediterraneo

Una barca stracolma, bidoni di benzina come carburante di scorta, un incendio a bordo al confine tra acque territoriali italiane e maltesi. C’è stato un grave incidente marittimo oggi nel Mediterraneo. Due bambini, di uno e due anni, sono morti in seguito all’incendio scoppiato sul barcone su cui viaggiavano alla volta dell’italia. Le due madri sono una dispersa e l’altra ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Palermo, insieme ad altre due persone che erano a bordo e hanno riportato ustioni. Gli altri migranti sono stati medicati al pronto soccorso di Lampedusa. L’imbarcazione era stata segnalata in difficoltà questa mattina “in area di responsabilità Sarmaltese, ma in prossimità delle acque italiane” da un peschereccio tunisino che ha contattato la guardia costiera dell’isola e prestato i primi soccorsi.

 

In Calabria gli autisti di bus pagano la crisi con la metà dei loro stipendi

(di Massimo Alberti)

La crisi economica e le aziende che si fermano, o rischiano di farlo. Uno dei settori più in difficoltà è quello dei trasporti, a causa dell’aumento dei carburanti. Non solo l’autotrasporto o la logistica, ma anche il trasporto pubblico locale che costringe molte amministrazioni a fare i conti sulla sostenibilità dei servizi. Il governo ha prorogato fino a metà novembre il taglio sulle accise, ma potrebbe non bastare.
Una storia simbolica arriva dalla Calabria, dove gli autisti di un’azienda del crotonese si sono trovati le buste paga dimezzate. O così o chiudiamo, ha detto loro l’azienda. I trasporti sono uno dei settori più a rischio dagli aumenti dei beni energetici. Gli aiuti non bastano, sostengono da mesi le associazioni delle imprese del trasporto pubblico locale e di pullmann, il cui parco mezzi è ancora al 98% a gasolio. 6000 imprese, aumenti dei costi totali per centinaia di milioni di euro. E’ tra le pieghe dei giornali locali che si misura l’impatto reale del problema, nelle piccole aziende in difficoltà, nei comuni che fanno i conti con gli aumenti dei costi. E così se a Rimini si chiede aiuto al governo per non dover tagliare i servizi, a Macerata ad esempio le corse sono già state tagliate per fronteggiare perdite di 700mila euro. In Calabria, a Crotone, lunedì i 230 dipendenti della Autolinee Romano, che opera su tratte regionali, quando hanno aperto le buste paga si son trovati solo metà stipendio. L’azienda lo ha motivato con mancanza di liquidità dovuta all’aumento dei costi che li fa lavorare in perdita. Hanno iniziato uno sciopero spontaneo, ma il prefetto li ha precettati e da oggi hanno ripreso il lavoro. Per tutti i 3000 circa lavoratori dei trasporti calabresi la situazione non è rosea. “Le aziende per ora scricchiolano, ma non ci sono altre crisi. La domanda è: per quanto reggeranno?” Si chiede Giuseppe Larizzan segretario regionale della Fit-Cisl. Il problema, ovviamente, non sta solo nei trasporti. “Dati Caritas, crisi aziendali, sfruttamento del lavoro. La Calabria rischia l’implosione se non si adottano misure straordinarie” è l’allarme del segretario generale della Cgil Calabria, Angelo Sposato.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 23/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 23/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-05-2024

Adesso in diretta