Approfondimenti

È morto Papa Wemba

Nell’ecatombe di grandi protagonisti della musica di questi primi mesi del 2016, che sembra toccare in maniera si direbbe equanime tutti i generi, entra oggi purtroppo anche la musica africana, di cui Papa Wemba era uno degli esponenti più noti a livello internazionale.

A cavallo fra anni Sessanta e Settanta, Wemba è stato uno dei protagonisti della rivoluzione che col gruppo Zaiko Langa Langa ha trasforma la rumba del Congo-Zaire, che fin dagli anni Cinquanta era il più importante filone musicale di tutto il continente nero: accelerando il ritmo, indirizzandosi ad un gusto più giovanile e incrementando gli aspetti coreografici delle esibizioni, Zaiko Langa Langa inaugurò una nuova stagione di grande popolarità della rumba, in cui poi però le novità introdotte da questo gruppo sono state sempre più esasperate, e la rumba – ormai chiamata soukous – si è sclerotizzata in un arido intrattenimento di bassa lega.

Wemba, che negli anni Settanta aveva fondato il proprio gruppo Viva la Musica, è riuscito in maniera significativa a sfuggire a questa deriva, con un soukous sì aggiornato, ma anche governato dal buon gusto, e nobilitato da una elegante vena melodica e dal suo godibilissimo stile come vocalist, molto congozairese ma anche inconfondibilmente personale.

Popolarissimo nel suo paese e nella diaspora congo-zairese, Wemba negli anni Ottanta assurse anche a “re della sape”, il grossissimo fenomeno del dandysmo congolese, fra l’altro abbondantemente imperniato sul culto per firme italiane come Armani, Versace, Ferré.

Negli anni Novanta tre suoi album furono pubblicati dalla Real World di Peter Gabriel, e ci piace ricordarlo nel ’92 protagonista di Extrafesta di Radio Popolare.

Nel 2004 Wemba fu imprigionato per tre mesi in Francia per l’accusa di aver introdotto illegalmente degli immigrati facendoli passare per membri della sua band, e analoghi problemi ebbe in Belgio.

Il rapper francese Youssoupha, figlio di Tabu Ley Rochereau, una delle più grandi figure della rumba zairese, ha commentato in un tweet: Papa Wemba “è stato l’icona della nostra cultura, del nostro stile di vita”.

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 02/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 02/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 02/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/02/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 02/12/2022

    1-Ucraina. La Russia chiede ai membri della nato di riconoscere i territori annessi prima dei colloqui pace. Ma la partita…

    Esteri - 12/02/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 02/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/02/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 02/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 02/12/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 02/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/02/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 02/12/2022

    Ospite Barbara Capponi in arte Babas a parlare del suo libro Come addomesticare un umano, illustrato da Andrea Ferolla, prefazione…

    Considera l’armadillo - 12/02/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 02/12/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 12/02/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 02/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: Marco Baliani parla con Pasolini in „Corpo…

    Cult - 12/02/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 02/12/2022

    Oggi cominciamo con un’intervista speciale su come vengono organizzate le liste d’attesa a Multimedica, un’azienda privata convenzionata con il SS…

    37 e 2 - 12/02/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 02/12/2022

    LA STRAGE DEI CICLISTI Marco Scarponi, fratello del ciclista Michele Scarponi e presidente della fondazione a lui intitolata Claudio Magliulo…

    Prisma - 02/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 02/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 02/12/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 02/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/02/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 02/12/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 12/02/2022

Adesso in diretta