Approfondimenti

Dove sarà il prossimo attentato dell’Isis

In quale città europea sarà il prossimo attentato dell’Esercito del Califfato? Dopo la strage di Parigi, dopo gli allarmi e le minacce di nuovi attacchi, l’intelligence di mezzo mondo cerca di capire quale potrebbe essere il prossimo obiettivo dell’Isis. Noi lo abbiamo chiesto a Ely Karmon, uno dei più importanti esperti di terrorismo israeliani.

“L’Isis ha minacciato gli Stati Uniti, la Germania, il Vaticano. Dopo gli attacchi di Parigi, queste minacce devono essere considerate reali. Le autorità francesi sembrano essere riuscite a smantellare la rete di terroristi che faceva capo a  Abdelhamid Abaaoud e questo ha influito sulla preparazione di altri attentati in Francia.  Ci sono stati arresti in Germania, in Grecia e in Svizzera.  Sono certo che ora i controlli in paesi come Italia e Spagna ridurranno sensibilmente il pericolo di attentati. In questo quadro, e conoscendo le capacità militari dell’Isis, penso che potrebbe essere colpito un paese dell’Europa dell’Est”.

Ma l’Isis vuole colpire paesi che sono in guerra contro il Califfato o più in generale l’Occidente?

“L’Isis si sente minacciato seriamente sul suo territorio dagli sforzi della coalizione internazionale e quindi ha deciso di colpire i suoi nemici a casa loro. Ciò che è successo nelle ultime settimane è molto chiaro: la Turchia ha cambiato atteggiamento nei confronti del Califfato, la Russia è entrata nel conflitto (anche se si è impegnata forse di più contro le forze moderate anti Assad che contro l’Isis), i curdi hanno conquistato delle significative vittorie sul terreno. L’Isis si è sentito in difficoltà e ha messo in atto delle ritorsioni: l’attentato contro l’aereo russo, la strage di Beirut per colpire gli Hezbollah filo-iraniani, i massacri di Parigi. Tanto più il Califfato perderà terreno (dal punto di vista militare) tanto più cercherà di colpire i paesi nemici.”

Sulla base di questo suo ragionamento sembra di poter dire che potrebbe essere più facile un attentato in Gran Bretagna piuttosto che un attacco a Roma…

“La Gran Bretagna è ora meno attiva che qualche mese fa. In futuro faranno azioni in Siria, ma per ora agiscono solo in Iraq. I canadesi si sono ritirati, così come hanno fatto i giordani. I paesi che loro hanno indicati sono gli obiettivi prioritari dell’Isis. Roma e il Vaticano sono importanti dal punto di vista simbolico, quindi non bisogna escluderla dalla lista”.

Quanto andrà avanti questa guerra?

“Credo che andrà avanti almeno ancora 10, 20 anni. E’ un groviglio, una serie di conflitti intrecciati tra di loro. Il più importante di questi è la guerra tra sunniti e sciiti. La coalizione sciita è molto forte, unita dietro la leadership dell’Iran. L’asse sunnita si basa sul rapproto tra Turchia, Arabia Saudita ed Egitto, ma è una coalizione più disomogenea. Sotto questo livello di conflitto, ce ne è un altro che vede molti altri attori. In Medioriente sta succedendo quello che è successo nei Balcani 20 anni fa. Per questo penso che sarà molto difficile trovare una soluzione. E anche se dovesse essere trovata un’intesa tra Russia, Stati Uniti, Iran e Arabia Saudita, non è detto che potrebbe essere accettata dalle forze minori presenti nella regione.”

 

 

  • Autore articolo
    Michele Migone
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 25/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 25/01/21 delle 07:15

    Metroregione di lun 25/01/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 25/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 25/01/21

    Considera l'armadillo lun 25/01/21

    Considera l’armadillo - 25/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 25/01/21

    Gimme Shelter di lun 25/01/21

    Gimme Shelter - 25/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 25/01/21

    Jack di lun 25/01/21

    Jack - 25/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 25/01/21

    Record Store di lun 25/01/21

    Record Store - 25/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 25/01/21

    Senti un po' di lun 25/01/21

    Senti un po’ - 25/01/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 25/01/21

    DOC di lun 25/01/21

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/01/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 25/01/21

    Note dell'autore di lun 25/01/21

    Note dell’autore - 25/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 25/01/21

    scuola per librai mauri, libreria IlTrittico, pietro linzalone, tiziana ricci, collezione adler, biblioteca braidense, tiziana ricci, performing italy 2021, carla…

    Cult - 25/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 25/01/21

    Gianfranco Goretti, presidente di Famiglie arcobaleno, presenta la campagna "Non esistono genitori fantasma: dichiariamolo per legge"; è morta Cecilia Mangini,…

    Sui Generis - 25/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 25/01/21

    Prima parte: la crisi di governo. Con il sotto segretario ai rapporti con il parlamento Gianluca Castaldi, il politologo Carlo…

    Prisma - 25/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 25/01/21

    Fino alle otto di lun 25/01/21

    Fino alle otto - 25/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 25/01/21

    Di Lunedi di lun 25/01/21

    DiLunedì - 25/01/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 24/01/21

    Reggae Radio Station di dom 24/01/21

    Reggae Radio Station - 25/01/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 24/01/21

    a cura di Alessandro Achilli. Musiche di Carla Bley, Kazuko Hohki, Fickle Friends, Brodrick-Philippe, Portal, Bartók, Brotherhood of Breath, Tippett,…

    Prospettive Musicali - 25/01/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 24/01/21

    Sacca del Diavolo di dom 24/01/21

    La sacca del diavolo - 25/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 24/01/21

    Sunday Blues di dom 24/01/21

    Sunday Blues - 25/01/2021

  • PlayStop

    Ciao, Phil - Bollicine del 24/1/21

    Ad una settimana dalla morte di Phil Spector, il controverso produttore americano inventore del celebre "wall of sound" e tra…

    Bollicine - 25/01/2021

Adesso in diretta