Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 19/02 delle ore 18:29

    GR di mer 19/02 delle ore 18:29

    Giornale Radio - 19/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 19/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 19/02 delle 07:15

    Metroregione di mer 19/02 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 19/02

    Ora di punta di mer 19/02

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 19/02 (seconda parte)

    Malos di mer 19/02 (seconda parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 19/02 (prima parte)

    Malos di mer 19/02 (prima parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 19/02 (seconda parte)

    Due di due di mer 19/02 (seconda parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mer 19/02 (prima parte)

    Due di due di mer 19/02 (prima parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 19/02 (seconda parte)

    Jack di mer 19/02 (seconda parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 19/02 (prima parte)

    Jack di mer 19/02 (prima parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 19/02

    Considera l'armadillo mer 19/02

    Considera l’armadillo - 19/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 19-02-20

    a cura di Giordano Casiraghi, con Barbara Volpi.

    Radio Session - 19/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mer 19/02

    Tazebao di mer 19/02

    Tazebao - 19/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 19/02

    Quante “Italie” ci sono in Italia? E quali sono le differenze tra loro? E se quelle differenze sono dei veri…

    Memos - 19/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore 19/02/20

    MARCO PASTONESI - IL MIO CALCIO LIBERO - presentato da MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 19/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, cimitero monumentale, carla de bernardi, passeggiata con quiz, tiziana ricci, indifesa, contro la violenza…

    Cult - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 19/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, cimitero monumentale, carla de bernardi, passeggiata con quiz, tiziana ricci, indifesa, contro la violenza…

    Cult - 19/02/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 19/02

    Il profilo di Socrates e la Democrazia Corintiana, la squalifica del Manchester City dalla Champions League, rubrici libri e sport…

    Barrilete Cosmico - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (terza parte)

    Prisma di mer 19/02 (terza parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (seconda parte)

    Prisma di mer 19/02 (seconda parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/02 (prima parte)

    Prisma di mer 19/02 (prima parte)

    Prisma - 19/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/02

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/02

    Rassegna stampa internazionale - 19/02/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 19/02

    Il demone del tardi - copertina di mer 19/02

    Il demone del tardi - 19/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Chiuderò la mia fabbrica a Dacca”

E’ appena tornato a Bitonto, in Puglia, e vuole dimenticare. Gennaro Cotugno era uno degli italiani di Dacca e per alcune ore è stato dato per disperso, perché quella maledetta sera di venerdì anche lui doveva essere nel ristorante Holey Artisan Bakery insieme agli altri. “E’ stato un caso – ha raccontato – perché non mi sono sentito bene e ho deciso di rimanere in casa con altri tre amici, altrimenti le vittime italiane sarebbero state dodici”.

In quella capitale ferita, Gennaro ci viveva da tre anni, perché proprio lì, come tanti altri connazionali, aveva aperto la sua azienda tessile, ma ora non vuole più tornarci. “Non è che sono scappato, però appena si è normalizzata la situazione ho chiamato la mia famiglia che era sconvolta e poi ho preso l’aereo”. Dice di essere dispiaciuto per i suoi dipendenti bengalesi e per tutti i cittadini di Dacca che non hanno mai avuto atteggiamenti ostili verso gli italiani, anzi… Eppure la situazione è diventata complicata e l’orrore vissuto in 24 ore lo ha fatto diventare razzista. “Non lo sono mai stato, ma ora non riuscirò a guardare queste persone con gli stessi occhi e questi terroristi ora hanno un nemico in più”.

Nei giorni scorsi a Dacca non si respirava un’aria di pericolo, ha raccontato, né la Farnesina aveva dato indicazioni particolari e per questo l’attentato di venerdì è stato come un fulmine a ciel sereno. “Anche se da quando è stato ucciso il cooperante Cesare Tavella abbiamo capito che le cose si stavano mettendo male”, ha ammesso Gennaro. Eppure la comunità italiana ha continuato a vivere la capitale normalmente, incontrandosi quando possibile per chiacchierare in italiano. “Li conoscevo tutti, mi dispiace tantissimo… Simona – ricorda – aspettava un bimbo e Marco, una bravissima persona. Io ora voglio dimenticare”, ha concluso Gennaro, che ha detto di voler avviare le pratiche per chiudere definitivamente la fabbrica. Stanno pensando di fare lo stesso anche altri italiani che, per il momento, sono rimasti in Bangladesh.

Intanto ieri sera alle 19 sono arrivate le salme delle vittime. Ad accoglierle il Ministro degli esteri Paolo Gentiloni e il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che si è intrattenuto a parlare con i parenti.

Ascolta l’intervista a Gennaro Cotugno

Gennaro Cotugno

  • Autore articolo
    Bianca Senatore
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni