Approfondimenti

Quei quattro ragazzini diventati i Beatles

Che cosa si può dire dei Beatles che non sia già stato detto? Che cosa si può ascoltare o vedere che non si sia già ascoltato o visto? Niente, assolutamente niente. Eppure Ron Howard, regista da premi Oscar e da grande pubblico, che ha diretto film memorabili come Apollo 13, Frost/Nixon, Rush, Cinderella Man, A beautiful mind, ma anche Cocoon e Una sirena a Manhattan, volto amatissimo della serie tv Happy Days nei panni di Ricky Cunningham, è riuscito a trovare una chiave appassionante e originale per riportare alla ribalta il successo dei Fab Four.

Il documentario The Beatles – Eight days a week, al cinema solo dal 15 al 21 settembre, ripercorre le storie di John, Paul, George e Ringo dagli inizi di fine anni ’50, all’ultima esibizione sul tetto dello studio della Apple Records il 30 gennaio del 1969. In mezzo, i loro tour incredibili negli Stati Uniti e nel resto del mondo, compreso il passaggio al Vigorelli di Milano nel 1965. Immagini di repertorio, molte rarissime fornite anche dai fan dell’epoca che avevano girato in Super 8. A corredare le immagini, prevalentemente in bianco e nero, tranne le parti dedicate al back stage del film Help! di Richard Lester e quelle relative alla realizzazione e promozione dell’album St Pepper’s Lonely Hearts Club Band, le interviste con curiosissimi e commoventi aneddoti a: Elvis Costello, le attrici Whoopy Goldberg e Sigourney Weaver, Richard Lester, Larry Kane (il giornalista che seguì il tour negli USA), più Paul Mc Cartney, Ringo Starr e d’archivio John Lennon e George Harrison. Inoltre, il documentario uscirà abbinato al filmato del mitico concerto allo Shea Stadium di New York, del 15 agosto del 1965.

La forza e l’originalità di questo documentario, oltre a tavolgere con le esibizioni dal vivo che in pochi hanno avuto la fortuna di vedere, sta nel mostrare quattro ragazzini ancora molto giovani, fiondati nel mondo del successo. La loro voglia di vivere, di scherzare, di spiazzare in modo adolescienziale si mescola con la creazione delle canzoni più famose della musica e con gli show davanti a migliaia di fans scatenati, con le conferenze stampa e le interviste in tv.

Per chi li ha visti sempre come più grandi, meno provocatori dei Rolling Stones e un po’ primi della classe, di fronte alle immagini raccolte da Ron Howard c’è da ricredersi. Sbeffeggiano con garbo il pubblico e i giornalisti trasmettendo allegria. Lo scarto è dovuto all’epoca narrata, in cui prevaleva il cameratismo tra i membri della band, come a proteggersi vicendevolmente da quell’avventura più grande di loro. Oltre allo stupore, senza spiegazioni logiche di fronte al fanatismo del pubblico.

“Perchè ai vostri concerti gridano tutti?”, chiede un giornalista ai Beatles. “Non lo sappiamo”. Rispondono i quattro ridacchiando.
Le immagini con le reazioni del pubblico sono assurde e divertenti. Primi piani su ragazzine morigerate, che si strappano letteralmente i capelli, si asciugano le lacrime facendosi passare i fazzoletti da signore più adulte in stile Marion Cunningham. E’ l’America degli anni ’60, conservatrice e cattolica sorpresa di fronte alla spinta di libertà lanciata dai quattro ragazzini di Liverpool.

Quell’America conservatrice che ancora in alcuni stadi divideva il pubblico tra neri e bianchi. Quando i Beatles fecero tappa a Jacksonville in Florida nel’64, si rifiutarono di suonare in qualsiasi luogo che prevedesse la segregazione razziale. Una presa di posizione che obbligò il Gator Bowl a rivedere la sua politica dei posti a sedere. E una clausola che fu inserita per loro volere nei contratti con chi voleva ospitarli dal vivo.

Le loro esibizioni avevano un altissimo potere contrattuale, come fece notare John Lennon con una frase di cui poi dovette scusarsi davanti ai media: “La musica dei Beatles, sui giovani, ha più presa di Gesù”. La loro popolarità andava di pari passo con i cambiamenti sociologici dell’epoca. “La generazione dei giovani del dopoguerra rifiutava le costrizioni imposte dai genitori e la passione, la creatività e l’inesauribile energia della band erano ciò di cui la gente aveva bisogno”, precisa Nigel Sinclair, tra i produttori di questo documentario.

Il senso del film lo spiega bene Ron Howard, raccontando un suo ricordo personale: “Non li vidi mai dal vivo, li scoprii per la prima volta nel febbraio del 1964 all’Ed Sullivan Show, come gran parte dell’America. Il 1° marzo avrei compiuto 10 anni e chiesi ai miei genitori di comprarmi la parrucca e gli stivaletti alla Beatles. Poi, circa tre anni dopo, una mia insegnante di origini inglesi iniziò a usare le canzoni dei Beatles per insegnare alla classe a comprendere la poesia. E’ stata la prima persona che conoscevo a elevarli al livello dei classici”.

ron-howard-richie-cunningham

 

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 04/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/04/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 04/10/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/04/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Lella Costa ospite di Ira Rubini

    Ospite di Cult, Lella Costa, che ha riflettuto sul ruolo dell'arte e della cultura nel contesto socio-culturale che stiamo vivendo.

    Jack - 10/04/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 04/10/2022

    Intervista a Manuel Agnelli a cura di Niccolò Vecchia.

    Jack - 10/04/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 04/10/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 10/04/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 04/10/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 10/04/2022

  • PlayStop

    Da dove nascono le disuguaglianze socio-economiche con Elena Granaglia

    Nella puntata di Pubblica del 04/10, è stata ospite di Lele Liguori a Pubblica. Granaglia è docente all'università Roma Tre…

    Clip - 10/04/2022

  • PlayStop

    Da dove nascono le disuguaglianze socio-economiche con Elena Granaglia

    Nella puntata di Pubblica del 04/10, è stata ospite di Lele Liguori a Pubblica. Granaglia è docente all'università Roma Tre…

    Clip - 10/04/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 04/10/2022

    Oggi a Cult: Andra Monti intervista Giovanni Di Marco sul suo primo romanzo "L'avversione di Tonino per i ceci e…

    Cult - 10/04/2022

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 04/10/2022

    La disuguaglianza e i suoi limiti. Quanta ne può sopportare una società? Non si tratta di “contare” le condizioni di…

    Pubblica - 10/04/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di martedì 04/10/2022

    E’ tornata Area B con divieti e deroghe, anche i diesel euro 5 non potranno più circolare nel centro di…

    Microfono aperto - 10/04/2022

  • PlayStop

    Andrea Berrini, Metropoli d’Asia. Sguardi su un altro futuro.

    ANDREA BERRINI – METROPOLI D’ASIA. SGUARDI SU UN ALTRO FUTURO – presentato da BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 10/04/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 04/10/2022

    LE BOLLETTE ED I COSTI IMPAZZITI, TRA PROTESTE E PROFITTI Remo Valsecchi, che ha curato per Altreconomia il dossier "Come…

    Prisma - 10/04/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 04/10/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 10/04/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 04/10/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 10/04/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 04/10/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 10/04/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 04/10/2022

    Ancora musica dal 1971: King Crimson e Gravy Train

    From Genesis To Revelation - 10/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 03/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/03/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 03/10/2022

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana…

    La Pillola va giù - 10/03/2022

Adesso in diretta