Approfondimenti

Dieci anni fa cadeva Berlusconi. Ma il futuro non è stato quello che sognavamo. Ed è anche colpa nostra

dimissioni berlusconi 2011 ANSA

Quello che avete ascoltato è un pezzo della diretta di Radio Popolare del 12 novembre 2011. Un ragazzo stappava una bottiglia di spumante davanti al Quirinale per festeggiare la caduta di Berlusconi.

Sono trascorsi dieci anni oggi.
Sembra sia trascorso un secolo.

Berlusconi lasciava Palazzo Chigi verso le 20.50, e andava al Quirinale dove lo aspettava il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, pronto ad accettare le sue dimissioni da presidente del Consiglio.
Lungo il tragitto una folla di migliaia di persone accompagnava il corteo di auto con fischi e insulti.

Per tutto il giorno, davanti al Quirinale, c’era stata una festa. Era comparsa perfino una banda musicale.
Chissà dove sarà oggi quel ragazzo, la cui gioia avevamo colto durante la diretta di Radio Popolare. Chissà se i successivi dieci anni avranno nei suoi pensieri giustificato la felicità di quella notte.

Dieci anni in cui sono arrivati Monti con le politiche dell’austerità, il renzismo, il populismo dei grillini con le sue promesse tradite, la crescita impetuosa della destra radicale detta “sovranista”, il governo gialloverde, timide e poco fruttuose esperienze di centrosinistra, Draghi. Non il futuro che chi era in piazza quella sera si sarebbe immaginato.

Chi era in piazza quella sera sognava una sinistra laica e plurale che avrebbe finalmente potuto affermarsi.
Probabilmente sarà stata una delusione, il futuro, per quel ragazzo.

Ma forse lo sapeva che quella bottiglia conservata fin dal 1994 per poterla stappare in una notte di novembre del 2011 conteneva un’attesa che ha rappresentato anche una comfort zone durata 17 anni. Forse il solo vero “miracolo italiano” di Berlusconi è stato quello di tenere insieme un’opposizione politica e sociale che altrimenti non sarebbe riuscita a rimanere unita.

Il berlusconismo ha generato l’antiberlusconismo, e se oggi non esiste un progetto di società e di politica a sinistra solido e capace di guardare al futuro, lo si deve anche a questo. Perché l’antiberlusconismo è stato una gigantesca rendita di posizione che ha consentito ai suoi depositari, di vivere senza pensare al domani.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 08/12/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 12/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/12/2022

  • PlayStop

    This must be the place - Episodio 10

    Chapter 10 - Murazzi (Torino) E improvvisamente, una città grigia, triste e repressa scopre che il futuro è possibile. Per…

    This must be the place - 08/12/2022

  • PlayStop

    This must be the place - Episodio 10

    Chapter 10 - Murazzi (Torino) E improvvisamente, una città grigia, triste e repressa scopre che il futuro è possibile. Per…

    This must be the place - 08/12/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di venerdì 12/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 08/12/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di venerdì 12/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 08/12/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di venerdì 12/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 08/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/11/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 11/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/11/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 08/11/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 11/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 08/11/2022

  • PlayStop

    Presentazione del libro “Fai rumore”, 9 storie per osare

    A cura del collettivo Moleste ed. Il Castoro. Grandi nomi del fumetto italiano in una antologia unica e potente per…

    All you need is pop 2022 - 08/11/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 11/08/2022 delle 15:37

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/11/2022

  • PlayStop

    Episodio 9 - 1855 giorni dopo

    Una lunga pausa dai riflettori precede la pubblicazione del nuovo album di Kendrick Lamar, Mr. Morale & The Big Steppers,…

    The Good Kid from Compton - 08/11/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 11/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/11/2022

Adesso in diretta