Approfondimenti

Delegazione italiana incontra Svetlana Tikhanovskaja. Intervista all’onorevole Lia Quartapelle

Svetlana Tikhanovskaja

Una delegazione italiana composta dalle deputate del Partito Democratico Laura Boldrini e Lia Quartapelle, si è recata a Vilnius, in Lituania, per incontrare la leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaja, costretta a fuggire dal Paese dopo i risultati delle elezioni dello scorso 9 agosto per il timore di finire in carcere e per poter continuare a portare avanti la sua battaglia contro Lukashenko, al potere ormai dal 1994, in totale sicurezza mentre milioni di cittadini bielorussi continuano a protestare per chiedere elezioni libere.

L’onorevole Lia Quartapelle è intervenuta a Radio Popolare per raccontare del suo incontro con Svetlana Tikhanovskaja e spiegare cosa dovrebbero fare l’Italia, ma anche l’Unione Europea e la comunità internazionale tutta. L’intervista di Claudio Jampaglia a Prisma.

È stato un incontro molto interessante. Abbiamo trovato una donna determinata, molto consapevole di una sfida difficile e complicata, anche più grande di lei. Svetlana Tikhanovskaja è una donna pronta a fare tutto il possibile perché la voce degli elettori che l’hanno votata, e di fatto l’hanno eletta presidente, possa essere ascoltata, Lukashenko se ne vada e possano esserci delle nuove elezioni libere in Bielorussia.

Questa determinazione è sorretta da manifestazioni molto importanti. C’è qualche preoccupazione che riguarda una maggiore repressione da parte delle forze dell’ordine negli ultimi tempi o no?

Sì, Svetlana Tikhanovskaja ci ha denunciato una situazione in peggioramento e ha detto che non si hanno più notizie di almeno 70-100 manifestanti e non si capisce se sono rinchiusi nelle carceri, se sono morti, se sono stati picchiati così duramente da non essere più presentabili. La sua determinazione, però, deriva anche dalla natura straordinaria di queste proteste, che sono delle proteste continue e in crescita di settimana in settimana e che restano comunque estremamente pacifiche. Non ci sono stati scontri, non ci sono stati momenti di violenza di nessun tipo. La determinazione di Svetlana Tikhanovskaja nasce anche dall’elemento straordinario che è la sua campagna elettorale: lei è una donna che è stata sostenuta da altre donne.
Questi tre sono degli elementi che fanno della vicenda Bielorussia un unicum in un panorama del Paese che, invece, è un panorama in peggioramento e che a noi ha destato grande preoccupazione.

Cosa può fare la comunità internazionale?

Con Svetlana Tikhanovskaja abbiamo convenuto sulla necessità che le proteste restino totalmente indipendenti, che le cittadine e i cittadini della Bielorussia possano esprimersi liberamente in nuove elezioni con la supervisione di osservatori neutrali e internazionali e che il Paese possa avviarsi lungo un percorso deciso dai suoi cittadini senza nessuna interferenza esterna, di nessun tipo. Svetlana Tikhanovskaja ci ha tenuto a chiarire che non è che la protesta è vicina all’Europa o lontana da Mosca, la protesta è una protesta bielorussa, patriottica per il futuro del Paese. E credo che noi su questo punto dobbiamo continuare a ripetere questo: vogliamo che i cittadini bielorussi possano decidere del proprio futuro e per questo serve sicuramente una mediazione internazionale, quella dell’OSCE gestita dal primo ministro albanese Edi Rama.

Al suo ritorno cosa proverà a raccontare in Commissione e al Ministero degli Esteri? C’è qualche passo in più che l’Italia dovrebbe fare?

Sì, sicuramente. Noi dobbiamo continuare a tenere alta l’attenzione su queste proteste. Abbiamo anche incontrato il vicepresidente del parlamento lituano, che è stato molto contento di incontrare una delegazione italiana e ci ha detto che eravamo la prima delegazione di un grande Paese europeo che arrivava a incontrare Svetlana Tikhanovskaja e ci ha incoraggiato a continuare, anche in collaborazione con loro, a tenere alta l’attenzione su queste proteste. Io credo che l’Italia, così come l’Europa, debbano insistere sui tentativi di mediazione in corso. Lukashenko non vuole riconoscere l’opposizione, ma l’opposizione non sono tre donne, non sono dei piccoli partiti divisi tra di loro, ma la stragrandissima maggioranza del popolo bielorusso che alle elezioni ha votato contro di lui. Continuare a persistere nel cercare di prolungarsi una vita politica che ormai sta giungendo al termine è il modo peggiore di fare un servizio alla Bielorussia. E su questo dobbiamo insistere, dobbiamo far sentire la nostra voce, come Italia e come Parlamento. Il governo deve continuare a spendere delle parole chiare e l’Unione europea deve continuare a stare dalla parte giusta.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 26)

Foto dalla pagina Facebook dell’onorevole Lia Quartapelle

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 23/09

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/09/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 23/09 delle 07:15

    Metroregione di mer 23/09 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 23/09/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di mer 23/09

    Vito War, Bob Marley, Ultimo Concerto, Pittsburgh 1980

    Jack - 23/09/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 23/09

    Considera l'armadillo mer 23/09

    Considera l’armadillo - 23/09/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 23/09

    Ray Chareles, Bruce Springsteen, Gulino, Paul Mac Cartney, Leggende metropolitane, Musica Maledetta

    Stay human - 23/09/2020

  • PlayStop

    Music Revolution 11

    Playlist: 01 Bob Dylan – Don’t Think Twice, It’s All Right - Album: “The Freewhilin’ Bob Dylan”..02 Led Zeppelin –…

    Music Revolution - 23/09/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 23/09

    Un parlamento più piccolo, con 345 deputati e senatori in meno, dopo la vittoria dei SI al referendum. Cosa cambia…

    Memos - 23/09/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 23/09/20

    ANDREA FRANZOSO - VIVA LA COSTITUZIONE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 23/09/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 23/09

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, festival verdi 2020, teatro regio parma, anna maria meo, vitaliano trevisan, il delirio del…

    Cult - 23/09/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 23/09

    Prisma di mer 23/09

    Prisma - 23/09/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 23/09

    Rassegna stampa internazionale di mer 23/09

    Rassegna stampa internazionale - 23/09/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 23/09

    Il demone del tardi - copertina di mer 23/09

    Il demone del tardi - 23/09/2020

  • PlayStop

    Stile Libero: Culture in Movimento 23-09-20

    Spiderman, Stan Lee, Steve Ditko, Marc Millar, Tommy Lee Edwards, Duncan Fegredo, Panini Comics, Image Comics, Millarworld, Netflix

    Stile Libero - 23/09/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 22/09

    Con Alessandro Diegoli. - punto quotidiano metro..- intervista con il responsabile di Swapfiets, servizio olandese di bici..- festa di riapertura…

    A casa con voi - 23/09/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 22/09

    Ora di punta di mar 22/09

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/09/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 22/09

    1-Schiaffo della Palestina alla lega araba. L’Anp ha rifiutato di assumere la presidenza per i prossimi sei mesi “ non…

    Esteri - 23/09/2020

Adesso in diretta