Approfondimenti

“A uccidere sono stati i soldati di Assad”

Il sito Deir Ezzor 24, un portale di giornalisti-attivisti che si propone di denunciare i crimini commessi sia da Isis che dal regime di Assad, smentisce le ricostruzioni dei principali media mondiali in merito al massacro di Deir Ezzor di sabato 16 gennaio. Secondo fonti locali, le esecuzioni annunciate dallo Stato Islamico via social network non ci sarebbero state e farebbero parte solo di una strategia per innalzare la tensione.

I media mondiali, che avrebbero ripreso tweet e post di account vicini al regime di Assad, sostengono gli attivisti, hanno parlato di almeno 450 civili uccisi. Al contrario a Deir Ezzor 24 risultano dodici civili uccisi durante un bombardamento condotto dalle forze di Bashar al Assad su al Bughayliya, una località nell’area a ovest di Deir Ezzor. Secondo il sito le eprsone uccise dall’Isis “erano solo forze militari di Assad e miliziani della Difesa Nazionale (Ndf)”, una brigata che appartiene sempre ai filo Assad. Il sito riporta anche la notizia di una fuga di massa da al Bughayliya, direzione Ayash, nella zona rurale intorno alla città. Al Bughayliya sarebbe nelle mani di Isis, mentre il regime controllerebbe il campo militare di Sai’qa con la Brigata 137 e il Furaq Hotel. Alcuni abitanti dell’area, pochi secondo il sito, sarebbero nelle mani dei miliziani del Califfato.

Lunedì 18 gennaio gli scontri sarebbero continuati intorno a Deir Ezzor. Il bilancio dei morti di Deir Ezzor 24 parla di 65 soldati del regime ucccisi e 22 miliziani dell’Isis. Sarebbero continuati anche i bombardamenti per mano dell’esercito di Bashar al Assad.

Fin dalle prime ore dopo la diffusione della notizia sul massacro di civili avevano cominciato a circolare notizie contrastanti. L’agenzia governativa siriana Sana aveva parlato di almeno 450 persone uccise da Daesh, poi scese a 300. L’ong Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) aveva fissato la quota delle vittime a 135, aggiungendo che 400 persone erano state sequestrate tra Al Bughayliya, Maadan e Raqqa, tutte città vicino alle rive dell’Eufrate.

  • Autore articolo
    Lorenzo Bagnoli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 14/04/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 14/04/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 15/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 15/04/21

    Funk shui di gio 15/04/21

    Funk shui - 15/04/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 14/04/21

    Jazz Ahead di mer 14/04/21

    Jazz Ahead - 15/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 14/04/21

    News Della Notte di mer 14/04/21

    News della notte - 15/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 14/04/21

    A casa con voi di mer 14/04/21

    A casa con voi - 15/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 14/04/21

    Ora di punta di mer 14/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 15/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 14/04/21

    1-Afghanistan. Con l’annuncio del ritiro dei soldati americani, Joe Biden vuole concludere la guerra infinita. ..( Roberto Festa) ..2- Stati…

    Esteri - 15/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 14/04/21

    Sunday Blues di mer 14/04/21

    Sunday Blues - 15/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 14/04/21

    Uno di Due di mer 14/04/21

    1D2 - 15/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 14/04/21

    Considera l'armadillo mer 14/04/21

    Considera l’armadillo - 15/04/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 14/04/21

    Intervista ad Alex Favaretto di Shervood Festival per l'iniziativa a sostegno del mondo dello spettacolo "Cambiamo Musica, a cura di…

    Jack - 15/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 14/04/21

    Stay Human di mer 14/04/21

    Stay human - 15/04/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 14/04/21

    La giustizia della sorveglianza. Appare così la giustizia esercitata “in nome del popolo italiano” dalle parti delle procure di Trapani…

    Memos - 15/04/2021

  • PlayStop

    Giulia Guazzaloca, Uomini e animali

    GIULIA GUAZZALOCA - UOMINI E ANIMALI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 15/04/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 14/04/21

    ira rubini, cult, piccolo teatro occupato, coordinamento spettacolo lombardia, globe theatre roma occupato, celeste, giada, marco cacciola, tiziana ricci, nerina…

    Cult - 15/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 13/04/21

    Aggrapparsi alle canzoni - Durante la settimana di Pasqua, la redazione di Psicoradio fa una pausa, una boccata di disconnessione…

    Psicoradio - 15/04/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 14/04/21

    Il futuro della rete in Italia; l’attacco alla centrale di Natanz in Iran; i piani USA per contrastare la Cina;…

    Doppio Click - 15/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 14/04/21

    L'allarme dei medici: non riaprite troppo in fretta. Ma il rigorista Speranza rischia il posto, ormai è controcorrente (con microfono…

    Prisma - 15/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 14/04/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 14/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 15/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 14/04/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 14/04/21

    Il demone del tardi - 15/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 14/04/21

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: .. 14 aprile 1991 –…

    Fino alle otto - 15/04/2021

Adesso in diretta