Approfondimenti

Dall’Italia all’Egitto oltre 30mila pistole

Nel 2015 c’è stato un lieve decremento nella vendita di armi italiane. Ma ci sono Paesi tristemente celebri per la brutalità delle azioni repressive con i quali l’Italia continua ad avere floridi traffici. Come l’Egitto. Lo denuncia l’Opal, Osservatorio permanente sulle armi leggere di Brescia, nel suo ultimo rapporto. La richiesta dell’Opal è sempre sospendere le licenze dell’esportazione di “ogni tipo di materiale che possa essere utilizzato per repressione interna”. Il dato 2014, però, evidenzia che il governo Renzi ha approvato la vendita verso Il Cairo di oltre 30 mila pistole prodotte in provincia di Brescia e nel 2015 di 3.661 fucili, per la maggior parte prodotti da un’azienda in provincia di Urbino. L’Italia è l’unico Paese dell’Unione europea ad avere fornito nel biennio 2014-2015 “pistole e revolver” e “fucili e carabine” alle forze agli ordini di Al Sisi.

Il rapporto di Opal è un’elaborazione dei dati Istat ed Eurostat in cui si citano i dati delle esportazioni sia di armi di tipo militare (destinate agli eserciti), sia ad armi e munizioni comuni (armi per la difesa personale, sportive, destinate alle forze di sicurezza pubbliche e private). Rispetto al 2014 il rapporto Opal ha un segno meno per il 3,6 per cento per “armi e munizioni”. C’è da sottolineare però che il 2014 è stato un anno record, con oltre 1,3 miliardi di fatturato con l’expert (contro gli 1,25 miliardi del 2015).

L’Italia è il Paese leader in Europa per l’esportazione di armi comuni, non militari: fruttano 307 milioni di euro, il doppio dei 151 milioni che valgono per la Germania.

“Quando Al Sisi fece il colpo di Stato l’Ue prima ad agosto 2013, poi a febbraio 2014, definì una norma non vincolante ma molto significativa con cui sospendeva l’export verso l’Egitto del materiale utilizzabile per la repressione interna – spiega ai nostri microfoni l’analista di Opal Giorgio Beretta -. Pistole e fucili servono proprio a quello. Nonostante la posizione dell’Unione, l’Italia è l’unico Stato membro che ha continuato a vendere armi”.

Ascolta l’intervista completa a Giorgio Beretta a cura di Omar Caniello

Giorgio Beretta armi Egitto

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 02/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/02/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

Adesso in diretta