Approfondimenti

Dai magistrati egiziani tutte le carte

A poco meno di un anno dalla scomparsa e dall’uccisione di Giulio Regeni – e dopo mesi di pressanti richieste – tutti i documenti raccolti dai magistrati egiziani sulla morte del ricercatore italiano sono stati consegnati al procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone e al sostituto Sergio Colaiocco. Lo hanno fatto sapere in un comunicato congiunto le due delegazioni di inquirenti che si sono incontrate a Roma. Si tratta di centinaia e centinaia di pagine scritte in arabo che verranno tradotte e analizzate dai poliziotti dello Sco e dai carabinieri del Ros che coordinano le indagini.

Secondo Amnesty Italia, che sin dall’inizio ha seguito il caso e lanciato la campagna “Verità per Giulio Regeni”, si tratta di un passo importante ma l’obiettivo resta l’ammissione di responsabilità da parte delle forze di sicurezza egiziane.

“Mi pare che da questo incontro emerga sempre una certa lentezza nel fare passo dopo passo”, commenta il portavoce di Amnesty Italia, Riccardo Noury. “Dai documenti emerge questa figura del capo del sindacato degli ambulanti, Mohamed Abdallah, che diventa una sorta di deus ex machina perché, risulta che, sin dall’inizio e poi quasi fino al 25 gennaio, abbia avuto incontri con Giulio Regeni. A volte ha anche registrato questi incontri, ha dato il tutto alla polizia, ha fatto una denuncia. Resta però il fatto che dal 25 gennaio, giorno della scomparsa, Giulio non è stato più soggetto al sindacato degli ambulanti ma è stato portato in centri di detenzione dello Stato, dove è stato torturato e ucciso. Quindi bisogna fare quel salto avanti e arrivare a quella piena ammissione che ci sono delle responsabilità da parte delle forze di sicurezza egiziane”.

Nonostante la collaborazione delle autorità del Cairo nell’inchiesta su Regeni, l’Egitto resta un Paese che viola sistematicamente i diritti umani.

“Proprio mercoledì mattina, il 7 dicembre, – dice Riccardo Noury – c’è stato un arresto molto molto preoccupante, quello di Azza Soliman, fondatrice del Centro per l’assistenza legale alle donne egiziane, una delle più importanti Ong dell’Egitto. E’ stata arrestata per il suo lavoro in difesa dei diretti umani. Lei, tra l’altro, con la sua organizzazione è al centro di quella maxi inchiesta iniziata nel 2011 contro le Ong, a causa di presunti o reali finanziamenti dall’estero – quando non c’è nulla di male a chiederli. Il giudice dovrà decidere, nel giro di poche ore se confermare il suo arresto o se rilasciarla su cauzione. Un’incriminazione ce l’avra sicuramente: consideriamo che Azza Soliman ha già avuto il congelamento dei beni patrimoniali, un divieto di espatrio e da ultimo, il 19 novembre, le è stato impedito di andare in Giordania, dove avrebbe preso parte a un seminario di formazione sui diritti delle donne nell’islam”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 28/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 28/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 29/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 29/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 29/05/2022

Adesso in diretta