Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 23/01 delle ore 13:29

    GR di gio 23/01 delle ore 13:29

    Giornale Radio - 23/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 23/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/01 delle 07:16

    Metroregione di gio 23/01 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 23/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Memos di gio 23/01

    Memos di gio 23/01

    Memos - 23/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao - 23/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 23/01

    MATTEO DELLA BORDELLA - LA VIA MENO BATTUTA - Presentato da:MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 23/01 (prima parte)

    Cult di gio 23/01 (prima parte)

    Cult - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 23/01 (seconda parte)

    Cult di gio 23/01 (seconda parte)

    Cult - 23/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session 22-01-20

    a cura di Giordano Casiraghi

    Radio Session - 23/01/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 23/01

    37 e 2 di gio 23/01

    37 e 2 - 23/01/2020

  • PlayStop

    La transizione, la bolletta e il solarpunk

    Secondo Alessio Cipullo, dell'Ufficio Studi di Elettricità futura (Confindustria) la transizione non farà aumentare le bollette elettriche italiane. Costanza Boggiano…

    C’è luce - 23/01/2020

  • PlayStop

    Radio Grenouille: L'arte è una follia mentale

    E’ venuto a trovarci in redazione Mario Bompart, uno dei responsabili del workshop Radio La, che va in onda su…

    Psicoradio - 23/01/2020

  • PlayStop

    Funk Shui 37

    Tracklist: 1. Izo Fitzroy - Blind Faith..2. Pho Queue - Running Out ..3. Funky Bijou - Come On And Get…

    Funk shui - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (terza parte)

    Prisma di gio 23/01 (terza parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (seconda parte)

    Prisma di gio 23/01 (seconda parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (prima parte)

    Prisma di gio 23/01 (prima parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/01

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/01

    Il demone del tardi - 23/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/01

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/01

    Rassegna stampa internazionale - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (terza parte)

    L'INTERVISTA DEL GIORNO: CITOFONATA AL RAGAZZO TUNISINO..CATHY LA TORRE avvocata, attivista per i diritti civili, che difende il ragazzo accusato da Salvini…

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Funk shui di mer 22/01

    Funk shui di mer 22/01

    Funk shui - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 22/01

    Cosa ne Bici del mer 22/01

    Cosa ne BICI? - 23/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Parigi è più viva che mai

Stade de France, 13 novembre 2015. Alle ore 20.16 una fortissima esplosione è avvertita dai giocatori e dagli spettatori durante la partita Francia-Germania. È l’inizio degli attacchi a Parigi. Quaranta minuti di inferno: 130 morti, più di 500 feriti. Questa sera alle ore 21 lo stesso stadio ospiterà Francia-Romania, partita inaugurale di Euro 2016. Sono passati sette mesi, un’eternità per chi viene travolto ogni giorno dal fiume di brutte notizie. Una ferita ancora aperta per i sopravvissuti del Bataclan, per i parenti delle vittime, per i parigini.

In questi mesi la capitale francese è rimasta fedele al suo motto impresso sullo stemma: Fluctuat nec mergitur, perché la nave Parigi è stata sbattuta dalle onde ma non è affondata.

1- Ha dato una lezione di tolleranza a un’Europa in preda alla xenofobia e al razzismo: si è ribellata alle strumentalizzazioni politiche ripudiando alle elezioni regionali il modello lepenista; Il suo sindaco Anne Hidalgo, in sintonia con la città, ha respinto il “paternalismo” dell’esecutivo dicendo no allo stato d’emergenza permanente e alla revoca della cittadinanza per i francesi con doppia cittadinanza condannati per terrorismo.

2- Molti dei suoi cittadini continuano a scioperare e a manifestare contro la riforma del lavoro ritenuta  ingiusta.

3- Dal 31 marzo scorso migliaia di “indignati” animano la “nuit debout” in Place de la République per ragionare sui fallimenti della sinistra e rifare il mondo.

L’Euro 2016 coincide con un importante movimento sociale, che nemmeno la piena della Senna è riuscita a fermare. Ma quello che preoccupa di più l’Eliseo è la sicurezza dei tifosi provenienti da tutto il mondo. Secondo gli inquirenti francesi e belgi, gli europei di calcio erano l’obiettivo principale degli autori degli attentati di Bruxelles.

Al Champ de Mars è stata allestita una “Fan zone” in grado di ospitare in tutta sicurezza fino a 92mila persone. Potranno vedere le partite su un megaschermo, ai piedi della Tour Eiffel. Albert Camus disse “non c’è un altro posto al mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio”. Se fosse così allora per Parigi sarebbe un’occasione unica per ritrovare il sorriso.

  • Autore articolo
    Chawki Senouci
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni