Approfondimenti

Cuba. “La repressione resta forte”

L’arresto di più di 50 dissidenti cubani prima dell’inizio della visita di Barack Obama mostra come il tema dei diritti umani, politici e civili resti un problema aperto nell’isola – e uno tra quelli di più difficile discussione nel momento del disgelo tra Stati Uniti e Cuba.

Le Damas de Blanco e altri gruppi dell’opposizione si sono ritrovati come ogni domenica davanti alla chiesa di Santa Rita, in un sobborgo dell’Avana, Miramar. Gli oppositori pensavano che questa domenica, in omaggio alla visita di Obama, la polizia non avrebbe compiuto arresti. Le “donne in bianco” – mogli, madri, compagne dei dissidenti incarcerati – portavano anche un lenzuolo bianco con una scritta: “Obama, Cuba ha un sogno: Cuba senza i Castro”.

[youtube id=”1Fp0lN0elaI”]

Alcuni tra i manifestanti hanno potuto parlare con i giornalisti, prima che la polizia arrivasse, disperdesse la manifestazione e arrestasse parte dei presenti. “”Sono stato arrestato più di 50 volte nell’anno appena passato – ha detto uno dei leader dell’opposizione, Antonio Rodiles -. La polizia mi ha rotto il naso e il timpano. Ma vogliamo mandare un chiaro messaggio a Obama. Dobbiamo mostrare la realtà di repressione in cui viviamo”.

Berta Soler, una delle fondatrici delle Damas de Blanco, prima di essere arrestata, ha spiegato che “per noi, è molto importante essere qui per le strade, per mostrare al presidente Obama che ci sono delle donne che si battono per la libertà dei prigionieri politici. La repressione resta forte. Obama deve sapere che noi veniamo repressi semplicemente per aver esercitato il nostro diritto alla libera espressione e per aver manifestato in modo non violento”.

Poco dopo l’inizio della manifestazione, la polizia cubana è appunto arrivata e ha arrestato decine di persone. Almeno 50. Presenti davanti alla chiesa di Santa Rita erano comunque anche dei sostenitori del governo cubano, che considerano i dissidenti come degli agitatori al soldo del governo statunitense e degli esuli di Miami. “Questa gente è una disgrazia per la rivoluzione”, ha spiegato un’insegnante in pensione, Teonila Reve, secondo cui i dissidenti ricevano un salario mensile per “indebolire il governo cubano”.

Le denunce da parte dei gruppi per la difesa dei diritti umani si sono comunque in questi mesi moltiplicate. La Commissione cubana per i diritti umani e la riconciliazione nazionale spiega che ci sono stati più 8616 casi di detenzione arbitraria nel 2015, e 2500 nei primi due mesi del 2016. Human Rights Watch afferma che gli arresti di dissidenti cubani, a partire dal riavvicinamento diplomatico con gli Stati Uniti, sono aumentati, non diminuiti. Durante la visita di papa Francesco nell’isola, nel settembre dello scorso anno, ci sono stati tra i 100 e i 150 arresti di carattere politico.

Guillermo Farinas, che come molti altri dissidenti è obbligato agli arresti domiciliari durante la visita di Obama, ha spiegato che il presidente USA ha la “responsabilità morale” di criticare con forza Cuba e spingere il governo dell’Avana a migliorare la situazione dei diritti umani nell’isola, prima di qualsiasi riavvicinamento.

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 30/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Alessandro Baricco, La via della narrazione

    ALESSANDRO BARICCO – LA VIA DELLA NARRAZIONE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 30/09/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 30/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 30/09/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 30/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 30/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/09/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 29/09/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 30/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 29/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/09/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 29/09/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 30/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 29/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 30/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 29/09/2022

    1-Domani Putin certificherà l’annessione del Donbass. L’ Onu ribadisce che non ha valore legale e merita di essere condannata. 2-Francia.…

    Esteri - 30/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 29/09/2022

    (13 - 204) Dove si commenta con Luca Paladini, dei Sentinelli, la sentenza del Tribunale di Trieste che ha condannato…

    Muoviti muoviti - 30/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 29/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/09/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 29/09/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 30/09/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/09/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/09/2022

Adesso in diretta