Approfondimenti

Crisi in Tunisia, secondo l’ex ambasciatore Armando Sanguini non si tratta di un colpo di Stato

Tunisia proteste

Il presidente della Tunisia Kaïs Saïed ha sospeso il Parlamento per 30 giorni e ha rimosso il primo ministro Hichem Mechichi. Il capo dello Stato ha dichiarato che “non si tratta di un colpo di Stato” e di aver agito nei limiti della Costituzione del Paese. Ai microfoni di Radio Popolare Martina Stefanoni ha intervistato Armando Sanguini, ex ambasciatore e senior advisor Medio Oriente e Nord Africa dell’ISPI. L’intervista è riascoltabile nel podcast di Ora di Punta

La decisione del presidente Kaïs Saïed è rischiosa, ma coraggiosa. Da tempo la situazione era diventata insostenibile sia per le conseguenze del Covid (la Tunisia aveva un ottimo servizio sanitario e si è ritrovata ad avere pochissimi vaccini, poche attrezzature e un tasso di infettività altissimo) sia per la situazione economica e sociale disastrosa.
C’è forte malumore nel Paese. La classe dirigente, espressa in questo governo, ha dimostrato tutta la sua incapacità di far fronte all’emergenza e di risolvere i problemi fondamentali del Paese: corruzione e incompetenza. È una situazione molto delicata, ma secondo me non si tratta di un colpo di Stato. Il Parlamento non è stato sciolto. È solo stato “mandato a casa” il governo, cosa che rientra fra le potestà del presidente. In questi minuti Saïed sta ricevendo il capo dei sindacati tunisini. Possiamo aspettarci la nomina di un nuovo primo ministro, il quarto in un anno.
È una situazione delicata che rischia di far saltare quello schema democratico conquistato grazie alla rivoluzione dei  gelsomini del 2011.
La strada intrapresa da Saïed è stata criticata da molti paesi tra cui Francia, Italia, Algeria e Arabia Saudita.
Credo che questa sia una circostanza eccezionale che ha indotto Saïed a decidere di cambiare rotta molto rapidamente. Ovviamente è una manovra rischiosa, perché purtroppo in questi casi si sa come si inizia, ma non come si finisce. La situazione politica è frammentata e litigiosa e che rischia di rimetterci è la popolazione tunisina.

Il presidente si è appellato all’articolo 80 della Costituzione. Questo articolo prevede che dopo 30 giorni intervenga la Corte Costituzionale, che però in Tunisia non è mai stata nominata…

Il presidente ha sospeso per 30 giorni l’attività parlamentare per dare la possibilità ai partiti di trovare un intesa e soprattutto una compagine di governo degna di questo nome. Fra 30 giorni il Parlamento riprenderà la sua attività. La sospensione non è lo scioglimento delle Camere.

Una volta che il potere sarà concentrato nelle mani di una persona sola non c’è il rischio che ci rimanga?

Questo sarebbe il rischio totale. Tuttavia ritengo che Saïed non sia un uomo da colpo di Stato. Credo che si sia stufato dei litigi interni e dell’ingovernabilità del Paese. La Tunisia ha bisogno di una sferzata, ma sempre rimanendo in un contesto di democrazia. Il fatto stesso che Saïed abbia chiamato il presidente dei sindacati a palazzo è l’indicazione di rotta di un uomo che vuole trovare un a soluzione pratica a questo delicato problema economico e sociale.
Questa ovviamente è la mia opinione. Non posso sapere quello che succederà fra 30 giorni .

Come dobbiamo leggere la chiusura della sede locale di Al Jazeera?

Al Jazeera ha 2 facce. Ha delle caratteristiche occidentali che tutti apprezziamo, è un luogo aperto e pieno di discussione, ma è un media che ospita anche l’islamismo più radicale.
Al Jazeera ha preso una posizione nettissima a favore di Rached Ghannouchi, che è il responsabile di Ennahda.
Non dimentichiamoci che Al Jazeera viene dal Qatar che è intimo sodale della Turchia. Faccio questi riferimenti per far capire come, nel mondo arabo, le cose vengano vissute in maniera diversa da come le vediamo noi. In tutta probabilità il giornale si era fatto portavoce di Ghannouchi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 08/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/08/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 08/02/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/08/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 08/02/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 02/08/2023

  • PlayStop

    Saluti da Sanremo. La cartolina di Vittorio Cosma – 2

    Vittorio Cosma ci racconta la prima esibizione sul podio dell'orchestra di Sanremo

    Clip - 02/08/2023

  • PlayStop

    Sounds and the City di mercoledì 08/02/2023

    Musica, suoni e gli artisti più interessanti e innovativi della scena musicale indie insieme ai grandi classici che li hanno…

    Sounds and the City - 02/08/2023

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 08/02/2023

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist…

    Jack - 02/08/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 08/02/2023

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 02/08/2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 08/02/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 02/08/2023

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 08/02/2023

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il doc sull’Archivio Piero Bottoni, il premio…

    Cult - 02/08/2023

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 08/02/2023

    Pandemia, lockdown, catene del valore spezzate, de-globalizzazione, protezionismo, inflazione, disuguaglianze. Sono passati tre anni dall’inizio dell’era Covid-19. “Nulla sarà più…

    Pubblica - 02/08/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 08/02/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 02/08/2023

  • PlayStop

    NICCOLO' AMMANITI - LA VITA INTIMA

    NICCOLO' AMMANITI - LA VITA INTIMA - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 02/08/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 08/02/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 02/08/2023

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 08/02/2023

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 02/08/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 08/02/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 02/08/2023

  • PlayStop

    Fresh Nights di martedì 07/02/2023

    1. You’re the One for Me – Great Good Fine Ok, Digital Farm Animals 2. Morale – Brucherò nei pascoli…

    Fresh Nights - 02/07/2023

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 07/02/2023

    Playlist: Sigla: Av.Brasil (M. Lima/A. Cicero), Marina Lima, Todas, 1985) Sottosigla: Embaixada africana, Mestre Môa do Katendê feat. Criolo, singolo…

    Avenida Brasil - 02/07/2023

  • PlayStop

    News della notte di martedì 07/02/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/07/2023

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 07/02/2023

    SPECIALE LIBRI Parliamo di schwa Ə. Siamo sicuri e sicure che sia così inclusiva? Quali sono i costi e i…

    L’Altro Martedì - 02/07/2023

Adesso in diretta