Approfondimenti

Crisi. Dietro le parole, la lotta per le poltrone, dai soldi europei ai vaccini

renzi crisi

Ascoltando le parole pronunciate in pubblico dai leader politici dopo le consultazioni con il presidente della Camera, una sintesi la si poteva immaginare. Anzi, si poteva immaginare un “punto di caduta”, espressione che è tornata a circolare con forza nel Palazzo.

Siamo disposti a fare la nostra parte su un documento scritto” ha detto Renzi. Prima di lui aveva parlato Vito Crimi: “Solennemente e pubblicamente sottoscritto” aveva detto il portavoce dei 5 Stelle a proposito del programma del nuovo governo. Quasi che i due si fossero divisi una frase da pronunciare un pezzo per uno. Stabilire tutto prima, scrivere tutto. Il contratto, insomma, l’altra parola che ritorna per dire che, a parole, si vorrebbe definire anzitutto il cosa fare e poi il chi lo debba fare. Nella cornice del “no ai veti”. Anche Zingaretti ha elencato un che fare e dai soldi europei alla sanità alle riforme, chi non lo sottoscriverebbe?

Allora perché litigano? Verrebbe da chiedersi ascoltandoli Per i soldi europei. E per gli “assetti”. Cioè i posti di potere.

Renzi vuole cambiare il Recovery Plan, la gestione della pandemia e in particolare le vaccinazioni. La scuola e la giustizia. Ma come si fa a fare queste cose senza il potere, è la domanda rivolta a Renzi. Lunghissima risposta per dire che no, ora si discute delle cose. Poi dei nomi. Quindi, tradotto, i posti sono tema cruciale. Da Conte in giù. Zingaretti cita Conte solo per dire che si deve ripartire dalla maggioranza che lo ha sostenuto. Il 5 Stelle aveva appena finito di dire che Conte non si discute. Renzi ha detto che va bene Conte o un istituzionale. Ecco, qui le parole divergono parecchio.

Conte è in discussione, circolano nomi, a sera spunta Gentiloni, commissario europeo all’economia, critico col recovery ma piddino. Un “punto di caduta”, appunto. E poi Boschi al posto di Azzolina alla scuola e i due cavalli di battaglia di Renzi, i soldi europei, per cui Italia Viva vuole un ministero o una figura creata ad hoc, tipo un ministro del recovery plan, magari, indicibile adesso, con lo stesso Renzi.

E un commissariamento del commissario al COVID, Arcuri, magari con l’attuale consulente del ministero della Salute, Ricciardi, a cui dare la gestione dei vaccini. Recovery e vaccini sono le vetrine che Renzi sogna. Gli altri lo sanno e non gliele vogliono concedere.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 29/06/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 28/06/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 29/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 28/06/2022

    L'ASTENSIONE: UN PROBLEMA SOCIALE E POLITICO. Salvatore Vassallo direttore istituto Cattaneo e Filippo Barbera docente di sociologia economica all'università di…

    Prisma - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

Adesso in diretta