Approfondimenti

Crêuza de mä pe Zêna, l’abbraccio di 18 artisti a Genova e ai genovesi – Intervista a Mauro Pagani

nuovo ponte genova

Crêuza de mä pe Zêna, lo straordinario brano di Fabrizio De André e di Mauro Pagani, è stato vocalmente riarrangiato con i contributi di 18 artisti italiani – di Mina, Zucchero, Diodato, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Giua, Vinicio Capossela, Vasco Rossi, Paolo Fresu, Vittorio De Scalzi, Jack Savoretti, Antonella Ruggiero, Francesco Guccini, Ivano Fossati, Ornella Vanoni, Giuliano Sangiorgi, Cristiano De André, Sananda Maitreya – in quello che è un grande abbraccio alla città di Genova e ai genovesi dopo la tragedia di ponte Morandi. L’operazione è nata con l’obiettivo di raccogliere fondi per il Memoriale delle vittime e il Parco della Nora e per ricordare ai genovesi che non ci si dimenticati di loro.

Cecilia Di Lieto ha intervistato Mauro Pagani a Tamarindo.

Che effetto ti fa pensare che questo disco è considerato da tutti un capolavoro della musica mondiale?

Ultimamente, forse perchè sto invecchiando, mi emoziona molto.

Raccontaci un po’ come è nata l’avventura di questa versione di Crêuza de mä pe Zêna.

Ho sentito Dori Ghezzi, mi ha detto che volevano utilizzare questo pezzo colonna sonora di “quello che verrà” e da lì è venuta l’idea di coinvolgere più amici possibili per far sentire a Genova che c’eravamo, che volevamo bene a quella città e volevamo fare in modo che la gente si sentisse pensata e amata. Quando fai canzoni fai quello che puoi fare. Quella di Genova è stata una tragedia incredibile e quando abbiamo pensato di realizzare il brano eravamo in pieno lockdown. Tranne pochi amici che sono venuti in studio, tutti hanno cantato da casa. Le righe erano quelle che erano, ma abbiamo cercato di dare spazio a tutti per fare in modo che si esprimessero. E devo dire che il genovese non è una lingua facile. Io sono un bresciano esportato, ma quello di cui mi posso vantare sono i 15 anni di tour con Fabrizio: sentirlo cantare tutte le volte in genovese mi ha fatto imparare per forza. Se vado a Genova e si parla in genovese, io conosco solo le parole che ci sono in Crêuza de mä pe Zêna, tutte le altre non le conosco.

Crêuza de mä pe Zêna, questo abbraccio che avete voluto dare alla città di Genova, è finalizzato alla raccolta di fondi per realizzare dei progetti.

Tutti i soldi che raccoglieremo – tutti hanno lavorato gratis e anche noi autori siamo a disposizione – sono destinati a chi ha perso la casa in quel tragico giorno. Non è molto quello che possiamo fare, ma vogliamo semplicemente ricordare alla gente che non ci siamo dimenticati di loro. È l’abbraccio più forte che potevamo mandare.

Facciamo un passo indietro. Quando è nata Crêuza de mä pe Zêna?

Era il 1984. Io ero in tournée con Fabrizio da un paio d’anni e stavo lavorando da anni sul materiale mediterraneo e sulla musica del mondo. Era il mio grande amore di quegli anni ed era anche una delle ragioni per cui avevo deciso di iniziare il mio tragitto solitario al di là della PFM. Volevo lavorare su quella musica e quando lavoravo con Fabrizio non pensavo a questa cosa sarebbe poi sfociata in un disco così importante. Io semplicemente facevo le mie robe e ogni tanto gliele facevo sentire. Non pensavo che Fabrizio si facesse coinvolgere. Ad un certo punto è arrivato e mi ha detto: “Adesso basta con gli americani, facciamo un disco in cui parleremo dei turchi, degli spagnoli, degli arabi e di tutto quello che sta nel grande mare che è il Mediterraneo. Sul momento non gli ho creduto, ma poi mi sono reso conto che faceva sul serio. Lui ha tenuto nascosto alla Ricordi quello che stavamo facendo fino all’ultimo giorno. Quando il disco è uscito ha vinto tutti i premi che poteva vincere, è stato da subito un disco che mi ha sorpreso. Non mi aspettavo che diventasse così importante e avesse quel successo. Il grande coraggio di Fabrizio mi ha permesso di sperimentare e di realizzare un sogno che da solo non sarei riuscito a realizzare.

Foto dalla pagina Facebook del sindaco di Genova Marco Bucci

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 19/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 19/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 19/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 19/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 19/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 19/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 18/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 18/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 18/05/2022

    Con Fabio Ciconte parliamo della grande industria agricola e alimentare mondiale, con Samantha Pilati, meteorologa dell'Osservatorio Milano Duomo, dell’ondata di…

    Il giusto clima - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 19/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 18/05/2022

    Dove si parla della lettera dell'assessore al turismo della regione Liguria Gianni Berrino a Google perché le recensioni dei ristoranti…

    Muoviti muoviti - 19/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 18/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 19/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 18/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 19/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 18/05/2022

    Live di Bandabardò e Cisco, Live di Galeffi

    Jack - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gianumberto Accinelli, Dagli animali si impara. Le invenzioni tecnologiche che abbiamo copiato dal regno animale

    GIANUMBERTO ACCINELLI - DAGLI ANIMALI SI IMPARA. LE INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE ABBIAMO COPIATO DAL REGNO ANIMALE - presentato da CECILIA…

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 18/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 18/05/2022

    il Festival di Cannes, l'intervista ad Arianna Bacheroni protagonista della serie “Bang Bang Baby“, il libro “Il custode del bosco”…

    Cult - 19/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 19/05/2022

Adesso in diretta