Approfondimenti

COVID-19 e lavoro, il ruolo dei sindacati. Parla Gianna Fracassi della Cgil

CGIL Lavoro - Manovra 2020

Gianna Fracassi, vicesegretaria generale della Cgil, è intervenuta a Radio Popolare per fare il punto della situazione sugli interventi e le misure che i sindacati chiedono per tutelare i lavoratori in difficoltà in questa fase della pandemia, a cominciare dalle categorie più colpite dal nuovo DPCM in vigore fino alla fine di novembre.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni a Prisma.

Che analisi fa delle proteste di ieri sera a Milano?

È evidente che il quadro che abbiamo di fronte e quello che stiamo attraversando è molto preoccupante. Io comprendo il timore per il lavoro, perchè una parte di chi in queste ore e nei giorni scorsi ha manifestato, ha a cuore il tema del lavoro. Questa è la spia di una difficoltà che in questa fase c’è. La protezione del lavoro in questo momento è fondamentale. È fondamentale dare certezze perché a fronte di un intervento come quello dell’ultimo Dpcm, che riduce alcune attività, è un tema da affrontare.
Questa è l’evidenza che la priorità negli interventi che vanno messi in campo deve essere la protezione del lavoro e di alcune filiere particolarmente colpite. Vanno trovati tutti i modi per garantire un sostegno a queste persone. Però credo che in tutto questo ci sia anche un po’ di sfiducia rispetto alla garanzia di avere certezze. Penso a quello che è accaduto nei mesi scorsi con la cassa integrazione. Anche sul versante del sostegno e della tutela vanno date maggiori certezze e soprattutto celerità.

Che ruolo avrà il sindacato in questa fase così delicata?

Noi dobbiamo tenere insieme due temi ed è molto complicato farlo. Dobbiamo tenere insieme oggi una risposta ad una nuova emergenza che nessuno di noi immaginava di dover attraversare con questa ampiezza. La risposta all’emergenza, per quanto ci riguarda, è lavoro, salute e istruzione. L’altro tema che dobbiamo tenere insieme è anche la prospettiva perchè dobbiamo dare uno sguardo a quello che accadrà tra qualche mese rispetto alle risorse che verranno messe in campo, a partire da quelle di Next Generation e le risorse europee in generale. Il lavoro che ci siamo impegnati a fare nell’immediato, e domani pomeriggio abbiamo un incontro con la Presidenza del Consiglio, è chiedere alcune cose molto chiare legate alla tutela del lavoro. Il tema della cassa e la proroga del blocco dei licenziamenti è uno dei temi che poniamo. C’è una questione più generale rispetto agli investimenti che si fanno e, soprattutto, agli investimenti sul versante sanitario perché ci sembra che ci sia bisogno di rafforzare alcuni presìdi e di rafforzare tutti quegli strumenti che possono consentire oggi di abbassare la curva epidemica. La terza questione riguarda le scelte di spesa rispetto alle risorse europee. Dobbiamo tenere insieme il tema della protezione delle persone nel lavoro e negli ambiti sociali e, nel contempo, provare a costruire un orizzonte per i prossimi mesi.

Le proteste dimostrano una grande preoccupazione non soltanto per la salute, ma anche per il proprio portafogli. Come si fa in questa circostanza così particolare a sciogliere questa contraddizione?

Noi questa contraddizione l’abbiamo affrontata nei mesi scorsi assumendoci anche delle responsabilità perché la definizione dei protocolli per garantire salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nella fase del lockdown sono stati il tentativo di rimettere in campo un’idea di protezione della salute dei lavoratori coinvolti con la possibilità di proseguire alcune attività. Non è facile farlo, ma lì abbiamo detto una cosa con grande chiarezza: in un contesto come quello della pandemia deve prevalere la salute rispetto al profitto. L’abbiamo messa proprio così e anche nel definire quelli che dovevano essere nei luoghi di lavoro tutti i criteri per mettere in sicurezza i lavoratori e le lavoratrici abbiamo tenuto a riferimento questo tema. Secondo noi è possibile farlo, ma è chiaro che non lo si fa semplicemente evocandolo. Servono impegno, risorse e serve soprattutto garantire alle persone che non possono proseguire il loro lavoro tutti quegli strumenti che possano consentire di affrontare i prossimi mesi. E sono soprattutto strumenti economici. Poi c’è un tema che dobbiamo ricordarci: il nostro Paese non ha un quadro di ammortizzatori sociali universali che tengano dentro tutte le tipologie di rapporti di lavoro. Quello che dobbiamo fare è ricostruire, attraverso una dimensione di tutela, le svariate e variegate forme di lavoro di questo Paese. È arrivato il momento di uno strumento universale che tenga dentro il lavoro dipendente ma anche il lavoro autonomo. Questo è un obiettivo che abbiamo sempre posto nei mesi scorsi ma che purtroppo, e lo dobbiamo dire, non è ancora all’ordine del giorno della discussione. Noi avremo mesi molto complicati e difficili ed è necessario garantire alle persone che non appena sarà finita la fase acuta della pandemia saranno comunque garantito e tutelate rispetto al loro lavoro.

A voi come CGIL risulta che sul lavoro vengano effettuati tutti i controlli necessari? O ci sono dei punti deboli?

A noi risulta che quel protocollo ha funzionato. È chiaro che a fianco del protocollo è necessario rafforzare anche le attività di tutela. Non ci risulta, a parte alcuni casi, che si siano verificate situazioni di contagio.
Il problema, però, è legato ai mezzi pubblici. Se io sono sicuro a scuola o sul luogo di lavoro, lo sono molto meno nel tragitto per arrivare a scuola o sul luogo di lavoro. E lì, purtroppo, abbiamo visto che non si è fatto abbastanza per garantire la sicurezza e per aumentare anche gli stessi mezzi pubblici e per mettere nelle condizioni chi oggi lavora o va a scuola di avere la certezza non soltanto di poter fruire dello stesso sistema di trasporto pubblico, ma di farlo in sicurezza.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 47)

Foto dalla pagina Facebook di CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 12/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 12/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 12/06/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 12/06/2024

    1-Sudan. La città di El-Fasher, in Darfur, al centro della guerra tra esercito e paramilitari. A rischio centinaia di migliaia di civili, molti profughi interni. Il conflitto va avanti da più di un anno (Irene Panozzo, ex-consigliere del rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Corno d’Africa) 2- Il piano americano per un cessate il fuoco a Gaza è a rischio. Hamas ha chiesto delle modifiche. Secondo gli Stati Uniti alcune sono irricevibili, ma si continua a trattare. Blinken rimane nella regione (Roberto Festa) 3- Iran. Il regime ha scelto i candidati per le elezioni presidenziali di fine mese. Cinque conservatori e un riformista. Ma per capire quanto supporto abbiano ancora gli ayatollah sarà fondamentale l’affluenza (Farian Sabahi) 4- Nel mondo sono almeno 160 milioni i bambini costretti a lavorare e a non andare a scuola. E la metà fa lavori pericolosi. La causa è la povertà. Oggi è la giornata mondiale contro il lavoro minorile (Paola Maceroni, ActionAid International Italia) 5- Graphic novel. Polly, il romanzo a fumetti di Fabrice Melquiot e Isabelle Pralong (Luisa Nannipieri) 6- Come dirti addio. È morta a 80 anni Francoise Hardy, l’icona della cultura pop francese (Chawki Senouci)

    Esteri - 12-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 12/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 12-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 12/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 12-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 12/06/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 12-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 12/06/2024

    Nella prima parte iniziamo con un ricordo di Françoise Hardy a cura di Chawki Senouci. Poi Alessandro Braga ci racconta la terza data di Vasco a San Siro. Nella seconda parte Setak ci racconta il suo ultimo disco Assamannù regalandoci anche due brani live.

    Jack - 12-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 12/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha trasmesso dalla libreria @Ubik Varese e ha ospitato Milo Manica, presidente di @GIO Gruppo Insubrico di Ornitologia per raccontarci il territorio e i suoi abitanti e scopriamo che Milo voleva essere rondone

    Considera l’armadillo - 12-06-2024

  • PlayStop

    Mimmo Lucano torna sindaco di Riace

    Tra i nuovi parlamentari europei eletti nei giorni scorsi c'è anche Mimmo Lucano. L'ex sindaco di Riace ha vinto anche le elezioni amministrative nel suo comune, diventato un simbolo di accoglienza grazie al modello di integrazione da lui promosso. Dopo anni di accuse giudiziarie e politiche da parte della destra, Mimmo Lucano tornerà a guidare Riace.

    Clip - 12-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 12/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 12-06-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 12/06/2024

    Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare, oggi in onda dalla libreria Ubik di Varese, con: Enzo Laforgia, assessore alla cultura, Emiliano Bezzon, responsabile dei progetti culturali; Marta Spanevello, responsabile della valorizzazione di Villa Panza di Biumo; Andrea Chiodi, regista e direttore artistico del Festival al Sacro Monte; l’associazione FilmStudio90 e il critico e selezionatore Mauro Gervasini…

    Cult - 12-06-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 12/06/2024 - ore 11:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 12-06-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di mercoledì 12/06/2024

    Il Piano di pace Biden per Gaza è diventato piano dell'Onu col voto del consiglio di sicurezza ne parliamo con Anna Momigliano giornalista di Haaretz e Ruba Salih antropologa all’Università di Bologna. Il post voto e le sinistre in Europa tra divisioni, fronti popolari e la necessaria sintesi tra movimenti e partiti analizzata da Paolo Gerbaudo sociologo politico alla Computense di Madrid. E il ritorno di Mimmo Lucano sindaco di Riace e neo eurodeputato.

    Giorni Migliori – Intro - 12-06-2024

  • PlayStop

    DANIELE ARISTARCO - COME ESSERE VENTO

    DANIELE ARISTARCO - COME ESSERE VENTO - presentato da Sara Milanese

    Note dell’autore - 12-06-2024

Adesso in diretta