Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 25/02 delle ore 22:30

    GR di mar 25/02 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 26/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 25/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 25/02 delle 19:50

    Metroregione di mar 25/02 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 26/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 25/02

    Stile Libero di mar 25/02

    Stile Libero - 26/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 25/02 (terza parte)

    Ora di punta di mar 25/02 (terza parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 25/02 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 25/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 25/02

    1- Il coronavirus prima della diffusione in Cina. Grazie allo studio del genoma del Covid 19 uno studio italiano è…

    Esteri - 26/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 25/02 (prima parte)

    Ora di punta di mar 25/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 25/02 (seconda parte)

    Malos di mar 25/02 (seconda parte)

    MALOS - 26/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 25/02 (prima parte)

    Malos di mar 25/02 (prima parte)

    MALOS - 26/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 25/02 (seconda parte)

    Due di due di mar 25/02 (seconda parte)

    Due di Due - 26/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 25/02 (seconda parte)

    George Harrison, Jackie, Alanis Morisette, Beyonce, Asian Dub Fondation (seconda parte)

    Jack - 26/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 25/02 (prima parte)

    Due di due di mar 25/02 (prima parte)

    Due di Due - 26/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 25/02 (prima parte)

    George Harrison, Jackie, Alanis Morisette, Beyonce, Asian Dub Fondation (prima parte)

    Jack - 26/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 25/02

    Considera l'armadillo mar 25/02

    Considera l’armadillo - 26/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 25-02-20

    a cura di Claudio Agostoni

    Radio Session - 26/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 25/02

    Covid-19, il virus e le sue paure. L’isolamento contro il contagio nella società iperconnessa. A Memos lo storico della medicina…

    Memos - 26/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 25/02

    FRANCESCO COSTA - QUESTA E' L'AMERICA - presentato da MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 26/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 25/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, Fiorenzo Grassi, Elfo Puccini, AGIS, chiusura teatri. Orchestra Piazza Vittorio, David di Donatello, Il Flauto Magico di…

    Cult - 26/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 25/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, Fiorenzo Grassi, Elfo Puccini, AGIS, chiusura teatri. Orchestra Piazza Vittorio, David di Donatello, Il Flauto Magico di…

    Cult - 26/02/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 25/02

    A come America del mar 25/02

    A come America - 26/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 25/02 (terza parte)

    La quotidianità che cambia nei giorni del coronavirus. Le telefonate degli ascoltatori, ospite Roberta brivio, psicologa e membro del Sipem,…

    Prisma - 26/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 25/02 (seconda parte)

    Scontro Regione Lombardia-Governo sulla gestione del coronavirus, ospite l'assessore regionale alla sanità lombarda Giulio Gallera che attacca il presidente del…

    Prisma - 26/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Gbagbo a processo per crimini contro l’umanità

Aperto alla Corte penale de L’Aia il processo all’ex-Presidente ivoriano Laurent Gbagbo, a cinque anni dalle violenze che hanno sconvolto il Paese. Gbagbo, 70 anni, è accusato di crimini contro l’umanità per aver fomentato la rivolta nel 2010 in occasione delle elezioni vinte da Alassane Ouattara. Le vittime furono circa tremila.

Il processo è un passaggio importante non solo per la Costa D’Avorio che deve mettere definitivamente fine a dieci anni di guerra civile di cui Laurent Gbagbo ha essenzialmente la responsabilità. Era stato eletto nel duemila ma con una percentuale di votanti che, di fatto, rendeva nulle le elezioni. Nel 2010 ha perso e, pur di non lasciare il potere, aveva scatenato una rivolta che l’intervento francese ha sedato mettendo al potere Alassane Ouattara.

Gbagbo non era solo. Al suo fianco aveva la moglie Simone, una delle maggiori fomentatrici del presidente. Catturata nel 2011 è stata condannata in Costa D’Avorio a venti anni di prigione. La Costa D’Avorio si è sempre rifiutata di estradarla all’Aja. Alla Corte Penale Internazionale è sotto processo anche Charles Blè Goude, capo delle milizie giovanili e uomo di fiducia del presidente. Nato nel 1972 e, di fatto, uno dei maggiori responsabili delle violenze.

In Costa d’Avorio di fatto era in corso uno scontro tra la cricca di Gbagbo al potere, che voleva azzerare l’influenza francese e i business che Parigi puntava ad ottenere nel Paese, aprendo alle pressioni delle economie emergenti asiatiche e arabe. La Francia non poteva accettare di perdere un paese cruciale in una regione, l’Africa Occidentale, fondamentale per i suoi interessi.

Ma il processo all’Aja è importante anche per la stessa Corte Penale Internazionale, accusata di mettere sotto accusa solo presidenti africani. Una corte che in questi anni ha visto disattendere tutte le sue indicazioni e richieste. la più clamorosa: aveva chiesto l’arresto del presidente sudanese Omar Al Bashir che invece ha fatto visite in Africa senza mai rischiare di essere fermato. Il processo a Gbagbo, dunque, dovrebbe anche ripristinare la credibilità della Corte.

Il processo poi è importante perché dovrebbe restituire alla Costa D’Avorio un ruolo regionale che, dopo la scomparsa dalla scena regionale dell’ex presidente del Burkina Faso Blaise Compaorè, è sempre più importante anche nei confronti delle posizioni da assumere contro il possibile estendersi del terrorismo jihadista.

Il processo a Gbagbo infatti lacera la società civile ivoriana e fino a che non sarà chiuso definitivamente costituirà una sorta di zavorra per la ripresa politica, economica e diplomatica del paese.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni