Approfondimenti

Così il mondo poteva evitare la pandemia

origine COVID Cina fuga laboratorio

Questo è un disastro ancora in corso, che noi pensiamo sarebbe potuto essere evitato. Le prove dimostrano come un’epidemia sia diventata pandemia a causa della risposta fallimentare e una mancata preparazione, dovute in parte alla incapacità di imparare dal passato.

A parlare è Ellen Johnson Sirleaf, ex presidente della Liberia e presidente – insieme all’ex prima ministra della Nuova Zelanda Helen Clark – di The Independent Panel, una commissione indipendente istituita dall’Oms che oggi ha presentato un rapporto dal titolo: “Covid19: make it the last pandemic”, facciamo in modo che sia l’ultima pandemia. Il Panel, composto da 13 esperti, negli ultimi 8 mesi ha esaminato la diffusione della pandemia nel mondo e le misure adottate dall’Oms e dagli stati per affrontarla. Ciò che emerge chiaramente è che poteva andare diversamente: migliaia di vite sarebbero potute essere salvate, i sistemi sanitari nazionali avrebbero potuto evitare il collasso e la crisi economica poteva essere contenuta. Tutto questo se il mondo avesse saputo imparare dal passato. “Ci sono moltissimi rapporti risultati dalle passate crisi sanitarie che includono numerose, utili raccomandazioni. Ma sono rimasti a prendere polvere sugli scaffali dei governi e delle Nazioni Unite”, ha detto Ellen Johnson Sirleaf presentando il report. “La nostra ricerca mostra che molti paesi, semplicemente, non erano pronti”. Non lo erano,ma avrebbero potuto e dovuto esserlo. Il mese di febbraio 2020, viene identificato come “il mese perso”, il mese che avrebbe potuto cambiare le sorti e il corso della epidemia, che in poco tempo ha assunto i caratteri della pandemia, raggiungendo ogni angolo del globo. Il sistema di allarme è stato troppo lento e troppo docile.

L’Oms è arrivato in ritardo nel dichiarare l’emergenza: secondo il report, la Cina è colpevole di molti ritardi, ma ha rilevato e identificato il virus tempestivamente, quando è emerso nel paese alla fine del 2019 comunicando la presenza di focolai. La risposta dell’Oms, però è stata tardiva. Ogni giorno, nel diffondersi di un virus respiratorio come il covid 19, conta. L’emergenza sanitaria è stata dichiarata con una settimana di ritardo, il 30 gennaio invece del 22. Una settimana che avrebbe potuto permettere ai paesi di organizzarsi. Il problema, però, è stato anche l’inazione dei paesi, anche una volta dichiarata l’emergenza. La tecnica utilizzata da molti governi di “aspettare e vedere” o – peggio – quella di screditare la scienza e sottovalutare il virus, ha fatto si che il mese di febbraio venisse sprecato.

Il rapporto evidenzia come i paesi che hanno agito immediatamente per contrastare l’epidemia – forti delle esperienze passate – hanno avuto un impatto nettamente ridotto rispetto ad altri. Tra gli stati virtuosi, la ricerca cita la Cina, la Nuova Zelanda, la Corea, Singapore, la Thailandia e il Vietnam. Non nomina, invece, i paesi più negligenti, ma rende chiaro come l’inazione e la negazione del rischio da parte di alcuni governanti abbia condannato determinati paesi più di altri. Scopo finale del report è quello gettare le basi per far sì che un disastro del genere non accada mai più. Per fare ciò, il panel presenta una serie di raccomandazioni, partendo dalla creazione di un Comitato per le minacce alla salute globale, in grado di identificare possibili pandemie e istruire gli stati per tempo ad agire, fino a rendere l’Oms più forte e meglio finanziato, per evitare che – come successo nell’anno passato – le sue indicazioni vengano ignorate dai governi.

In ultimo, rimane chiaro che le disuguaglianze globali hanno avuto e continuano ad avere un ruolo importante su come il virus colpisce i diversi paesi e per uscire dalla pandemia, il panel ripete ancora una volta, come un mantra, che nessuno sarà salvo finché tutti non saranno salvi. L’accesso per tutti al vaccino non è qualcosa a cui aspirare nel futuro, è un’urgenza e va affrontata adesso.

Foto | Le preghiere durante la cerimonia di Saraswati nel tempo di Denpasar, Bali, Indonesia

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 08/12/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di venerdì 12/08/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 08/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/12/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/12/2022

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 08/12/2022

  • PlayStop

    La Portiera di venerdì 12/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 08/12/2022

  • PlayStop

    Il mondo dello spettacolo dopo la pandemia

    Ne parlano: Roberto Rampi – Senatore PD, Roberto D’Ambrosio, sindacalista CUB Spettacolo e lavoratore Scala, Silvia Comand, presidentessa Bauli in…

    All you need is pop 2022 - 08/12/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/08/2022 delle 15:37

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/12/2022

  • PlayStop

    Episodio 10 - Mr. Morale & The Big Steppers

    Forse il suo disco più personale, Mr. Morale & The Big Steppers aggiunge un nuovo capitolo al grande romanzo dell’America…

    The Good Kid from Compton - 08/12/2022

  • PlayStop

    Episodio 10 - Mr. Morale & The Big Steppers

    Forse il suo disco più personale, Mr. Morale & The Big Steppers aggiunge un nuovo capitolo al grande romanzo dell’America…

    The Good Kid from Compton - 08/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 12/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/12/2022

  • PlayStop

    This must be the place - Episodio 10

    Chapter 10 - Murazzi (Torino) E improvvisamente, una città grigia, triste e repressa scopre che il futuro è possibile. Per…

    This must be the place - 08/12/2022

  • PlayStop

    This must be the place - Episodio 10

    Chapter 10 - Murazzi (Torino) E improvvisamente, una città grigia, triste e repressa scopre che il futuro è possibile. Per…

    This must be the place - 08/12/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di venerdì 12/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 08/12/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di venerdì 12/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 08/12/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di venerdì 12/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 08/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/11/2022

Adesso in diretta