Approfondimenti

“Cosa sarà” in streaming su #IoRestoInSala: intervista a Francesco Bruni

Cosa Sara

Il regista Francesco Bruni rivela a Radio Popolare com’è stato produrre Cosa sarà, il suo nuovo film disponibile in streaming sulle piattaforme #IoRestoInSala e MioCinema.

L’intervista di Barbara Sorrentini a Chassis.

Il titolo del film, “Cosa sarà”, doveva essere un altro, vero?

Sì, era stato battezzato “Andrà tutto bene” a maggio del 2019. Doveva uscire con quel titolo a marzo del 2020 ed è stato bloccato dalla prima ondata di COVID. Durante l’attesa di questa nuova uscita abbiamo deciso di cambiargli il titolo ed è stato trovato questo che mi piace molto, mi sembra anche giusto per l’epoca che stiamo vivendo. Adesso è stato ri-bloccato dalla chiusura delle sale, un giorno dopo che era uscito ed è in streaming un po’ dappertutto. Il cambio di titolo era anche per smarcarlo dalla tematica Covid, oltre che non far pensare che stessimo sfruttando una frase di grande popolarità.

Nel tuo film c’è un grande utilizzo di mascherine, perché siamo anche spesso in ospedale.

Sì, per un motivo totalmente differente da quello di questi giorni, perché si va alla presenza di un personaggio protagonista che sta facendo una chemioterapia molto pesante, quindi è immunodepresso e tutti quelli che lo avvicinano devono usare questa precauzione nei suoi confronti.

È una storia molto seria che ti ha coinvolto personalmente e che hai raccontato in maniera molto delicata ma anche leggera. Quando hai iniziato a scriverla?

La diagnosi era nel 2017, il trapianto di staminali è stato nel 2018, seguito da un lungo periodo di ritorno alla normalità e di ripresa di forze. Verso l’inizio del 2019 ho cominciato a pensare a questa storia, ma solo nel momento in cui ho capito che dovevo allontanarmene, che dovevo inventarmi un racconto di fiction, se no sarebbe stato un bollettino medico. Il set poi è anche molto faticoso, quindi prima di fine 2019 non sarei stato in grado di tornare a girare.

Kim Rossi Stuart ha partecipato alla sceneggiatura. È il protagonista, un po’ il tuo alter ego. Come avete lavorato insieme?

Mi rappresenta, con notevole differenze sia nella biografia del personaggio sia nel suo modo di essere, ma certamente lui ha cercato di ispirarsi a me, anche nell’aspetto, nell’abbigliamento, nella gestualità. Durante il film è costretto a rasarsi i capelli per non perderli, come ho fatto io peraltro. Lui ha dato un’adesione immediata: quando ha letto la sceneggiatura mi ha chiamato il giorno stesso, e questo mi ha dato molta fiducia, oltre che molto appoggio produttivo, perché la sua presenza è stata importante, ha fatto decollare il film. Lui è stato anche un preziosissimo collaboratore artistico, perché abbiamo modificato la sceneggiatura insieme, e sul set ha dato una prova di sé straordinaria, trascinando tutto il cast.

Scegli una struttura che si muove tra l’ospedale, dei flashback e quella che è la conclusione. È un po’ uno stile nuovo rispetto a quello che hai fatto precedentemente.

Sì, ha una struttura ambivaga, si va avanti e indietro nel tempo, fra il pre-diagnosi, la diagnosi e poi il ricovero e la degenza ospedaliera. In più ci sono molti flashback dell’infanzia e ci sono molte visioni allucinate durante la degenza. E’ il mio film più azzardato anche dal punto di vista visivo: finora avevo fatto delle commedie in cui, certo curavo anche l’aspetto specifico-filmico, però la regia era totalmente a servizio degli attori e del copione. Qui c’è qualcosa di più.

Ci sono delle immagini meravigliose di Livorno, si vede che la ami in modo particolare. Quella parentesi si capisce che è molto importante.

A un certo punto è necessario un viaggio nella storia e ho pensato subito di farlo a Livorno perché mi sentivo a casa, era un luogo che conoscevo molto bene e sapevo che avrei potuto filmare in maniera efficace, anche un po’ per rendere omaggio a questa città, che amo moltissimo, sempre di più col passare del tempo. Ne sono andato via a 20 anni perché la sentivo stretta, non potevo fare lì quello che sognavo di fare, però adesso che divento anziano diventa un luogo di elezione, in un certo modo.

Siccome hai una scrittura comica, volevo chiederti un tuo ricordo su Gigi Proietti.

Gigi lo avevo cercato per questo film, era una persona squisita. Purtroppo veniva da due interventi di bypass e non se l’è sentita, però c’è mancato poco che lo avessimo a bordo. Ne ho un ricordo meraviglioso. E’ inutile che aggiunga parole a quelle che vengono dette molto meglio di me, da chi lo ha conosciuto meglio. Un artista straordinario.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 02/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/02/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 02/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/02/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 02/10/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 10/02/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 02/10/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 10/02/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 02/10/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 10/02/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 02/10/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 10/02/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 02/10/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 10/02/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 02/10/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 10/02/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 02/10/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 10/02/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 02/10/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 10/02/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 02/10/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 10/02/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 02/10/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 10/02/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 02/10/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 10/02/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 02/10/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 10/02/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 02/10/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 10/02/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 01/10/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 10/01/2022

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 01/10/2022

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 10/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 01/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/01/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 01/10/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 10/01/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 01/10/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 10/01/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 01/10/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 10/01/2022

Adesso in diretta