Approfondimenti

Cosa sarà della sinistra dopo le primarie?

La prima tappa del cammino politico che ridisegnerà la sinistra in Italia sono le urne aperte oggi e domani a Milano. Comunque vadano, le primarie milanesi lasceranno in eredità alcune questioni politiche molto grandi che non sarà semplice affrontare. Prima tra tutte, l’esistenza stessa del centrosinistra. Il candidato renziano Giuseppe Sala (il quale paradossalmente è il solo non iscritto al Pd) è visto da settori della coalizione come un alieno. E non è affatto detto che, se vincesse, verrebbe sostenuto da tutti.

Sinistra Ecologia e Libertà, che dopo aver rivolto un iniziale appoggio a Pierfrancesco Majorino si è schierata quasi al completo con Francesca Balzani, in caso di vittoria di Sala farebbe fatica a fronteggiare la spinta ad abbandonare la coalizione. La cosiddetta rivoluzione arancione, l’unità delle sinistre che sconfisse le destre nella capitale economica dopo 20 anni, non avrà continuità. Quantomeno non nelle forme in cui la abbiamo conosciuta. L’avvento di Renzi ha cambiato tutto anche a Milano, dove i critici del segretario del Pd avevano sperato che Pisapia potesse rappresentare un modello alternativo esportabile a livello nazionale. Non è stato così e, anzi, in un certo senso è già il contrario.

Al di là dei rapporti con le altre forze politiche che Sala dovesse tenere se diventasse sindaco, la sua candidatura rappresenta una discontinuità dichiarata con lo schema precedente. Balzani e Majorino affermano al contrario di esserne gli eredi. Eppure, se vincessero, non potrebbero non tenere conto del peso di quello che è in ogni caso il loro partito.

E poi le sinistre antirenziane, da Sel alle minoranze interne del Pd all’arcipelago dei comitati che sostennero Pisapia nel 2011, hanno la responsabilità di essersi divise tra le candidature Balzani e Majorino favorendo oggettivamente Sala. Una frattura che nemmeno la vittoria di uno dei due potrebbe, da sola, ricomporre. Perché nessun risultato potrà far venire meno la domanda politica di fondo a cui non è finora stata data una risposta soddisfacente: come sia nata e perché si sia consolidata la divisione.

Questo voto è solo il primo di una stagione politica che si preannuncia lunghissima. A marzo le primarie a Roma e Napoli, a primavera le amministrative, in autunno il referendum sulla riforma della Costituzione. E in prospettiva l’ipotesi di elezioni politiche anticipate nel 2017. È la stagione in cui Renzi si gioca la consacrazione definitiva o il declino e in cui alla sua sinistra si dovrà tentare di trovare una soluzione alla frammentazione e al rischio reale di essere inconsistenti.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

Adesso in diretta