Approfondimenti

“Cosa facciamo in mare? Rispettiamo la legge”

mediterranea

Sandro Metz, operatore sociale diventato “armatore” di Mediterranea, racconta l’esperienza che ha ripreso il largo ieri e che naviga nel Canale di Sicilia battendo bandiera italiana.

Due barche e 16 persone a bordo per una missione di osservazione e salvataggio. Chi paga? Chi garantisce la solidarietà? L’intervista di Claudio Jampaglia a Giorni Migliori a chi ha deciso di rischiare in prima persona quello che rischiano i migranti mentre l’Organizzazione Mondiale dei Migranti denuncia 1.987 morti in mare nei primi 10 mesi del 2018.

Iniziamo questa avventura nel momento in cui da parte governativa si rivendicava il fatto di aver perso il significato del Mar Mediterraneo. C’era chi festeggiava per il fatto che non ci fossero più Ong, che non ci fossero più navi umanitarie e solidali e quindi si raccontava non senza di quelle non c’erano più partenze e non c’erano più attraversamenti.
La nostra risposta è stata semplice: compriamo una nave. Una banca etica ci ha finanziato per mezzo milione di euro e una serie di associazioni e soggetti politici e sociali hanno messo delle risorse economiche pari a quasi 100mila euro e con quello siamo partiti. Ovviamente adesso c’è una campagna di raccolta fondi che servirà non soltanto a recuperare i soldi messi, ma tentare di dare continuità a questa operazione.

Ci sono delle persone in carne ed ossa, come te, che hanno messo garanzie personali, cioè che hanno messo i loro beni, i loro guadagni e le loro case su questa operazione.

Sì, le firme di garanzia con Banca Etica sono state messe da Nichi Vendola, Nicola Fratoianni, Erasmo Palazzotto, che è anche presente sulla Mar Ionio visto che ha delle competenze anche per quanto riguarda le operazioni di salvataggio, Rossella Muroni e il sottoscritto. Cinque persone che hanno messo le firme per rispondere in solido di quei soldi.

Il mare è una cosa seria e salvare le vite è molto complicato. Se vi doveste incontrare con una barca in difficoltà dovreste voi approcciare il soccorso e la sicurezza. Non è uno scherzo insomma.

Non c’è niente di superficiale o di improvvisato in tutta questa vicenda. Nonostante sia tutto fatto nella maniera più approfondita, seria e precisa possibile, tutte le volte che esci in mare entri in un in un luogo ostile, difficile e complicato. Ci sono sempre più navi commerciali che fanno finta di niente quando incontrano delle imbarcazioni in difficoltà, perché sanno che salvando le persone rischiano di stare ferme per settimane.E per una nave commerciale rimanere bloccata significa sostenere dei costi enormi.

Cosa succederà se avrete dei migranti a bordo della Mar Ionio?

Tu per legge devi salvare le persone che trovi in difficoltà. E noi risponderemo a quelle che sono le leggi internazionali per le operazioni di salvataggio in mare. Se dovesse succedere faremmo le operazioni di salvataggio in modo coordinato, trasparente e registrato con il Centro di Coordinamento Marino di Roma, essendo noi battente italiana, e con il Centro di Coordinamento Marino di Malta nel caso in cui fosse coinvolto direttamente. Noi lo faremo perchè bisogna farlo, perché è la legge che ti impone di farlo.
È ovvio che il clima politico del momento fa sì che sembri illegale salvare le persone, sembra che sia immorale e sbagliato e questo è allucinate.
Noi però non potremmo fare diversamente, non possiamo non salvare quelle persone e richiedere al Centro di Coordinamento Marino di Roma un porto sicuro di approdo. Noi chiederemo dove potremo attraccare per poter portare in sicurezza i naufraghi che abbiamo raccolto.

mediterranea
Foto dalla pagina FB di Mediterranea Saving Humans https://www.facebook.com/Mediterranearescue/

RIASCOLTA L’INTERVISTA

intervista Sandro Metz

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 18/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 18/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 18/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 18/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 18/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 18/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 17/05/2022

    Si parla con Gianluca Felicetti presidente di Lav su ministro Cingolani, Europa, caccia, cinghiali, Roma, ma anche del censimento del…

    Considera l’armadillo - 18/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 17/05/2022

    Novità e approfondimenti con Jack Box a cura di Ilaria Bonelli

    Jack - 18/05/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 15/05/2022

    http://vitowar.blogspot.it/ A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae…

    Reggae Radio Station - 18/05/2022

  • PlayStop

    La famiglia di 2,3 membri

    quando vi chiediamo quanto spendete al mese, poi andiamo a lezioni di cinese e infine torniamo a Singapore a vedere…

    Poveri ma belli - 18/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Per l'omicidio di Luigi Calabresi sono stati condannati Ovidio Bompressi, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, per la cui estradizione proprio…

    Clip - 18/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Per quell'omicidio sono stati condannati Ovidio Bompressi, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, per la cui estradizione proprio domani si terrà…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Valeria Parrella, La fortuna

    VALERIA PARRELLA - LA FORTUNA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 18/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 18/05/2022

Adesso in diretta