Approfondimenti

Tutti i limiti di questo governo, prima e dopo il coronavirus

Giuseppe Conte Protezione Civile governo

“Tratteremo il coronavirus come se fosse il colera”, era il primo febbraio quando il ministro della Salute, Roberto Speranza pronunciò queste parole. A rileggerla oggi, con gli occhi del poi, in quella frase c’era già tutto. 

L’impegno del governo nella gestione dell’emergenza è stato totale. Quando il governo afferma che mai uno sforzo più grande fu compiuto, ha ragione. Oltre l’emergenza però, non si è riusciti ad andare.

Si è puntato tutto sulle misure fisiche, vecchia maniera, come ai tempi del colera. Gli italiani sono stati due mesi chiusi in casa e oggi possono uscire ma con le limitazioni che conosciamo. Le mascherine, le distanze, il contenimento della vita sociale. 

Secondo Conte, è un modello che tutto il mondo ha copiato. Sarà. 

Senza dubbio, l’Italia non ha copiato il modello di paesi come la Corea del Sud, dove è stata la tecnologia a dare i risultati maggiori. “La fase 2 sarà fondata su Test, Tracciamento, Trattamento” dissero i rappresentanti dei comitati scientifici che hanno consigliato il governo. La fase 2, a maggio, è iniziata senza nulla di tutto questo. 

La dichiarazione dello stato d’emergenza è del 31 gennaio. Da allora, lo Stato non è riuscito nemmeno a fornire a tutti gli italiani le mascherine promesse. Ce le siamo dovute procurare da soli. La famosa App immuni è sparita. I test sierologici sono affidati alle regioni e tutti vediamo cosa accade in Lombardia, ad esempio. Sul fronte delle cure a domicilio, della medicina del territorio, nulla è cambiato. 

Sono mancanze gravi cui si è cercato di porre rimedio con il richiamo alla responsabilità dei cittadini, a volte con il buon senso, a volte con il paternalismo, a volte con pasticci come la storia dei congiunti che si potevano andare a trovare.

A un governo nato per caso, figlio del delirio del Papeete di Salvini, composto da partiti così diversi, il cui collante è la paura del nemico, forse non si poteva chiedere di più. O forse sì. 

Si poteva chiedere, e si può continuare a chiedere, di comportarsi come ai tempi del colera, appunto. Quindi fare un salto e trovare nuovi equilibri. Non è stato così sul Mes, i soldi per la sanità che non riusciamo a farci dare per le divisioni tra Pd e  5 Stelle. Rischia di non essere così sui soldi del recovery fund che arriveranno visto che già si levano proposte bizzarre, tipo usarli per abbassare le tasse. 

La macchina burocratica non sta funzionando al meglio, in troppi i soldi non li hanno ancora visti e la rabbia cresce. Emergono nella crisi i limiti del sistema. Come sulla scuola. In altri Paesi è già ripresa. Da noi riprenderà a settembre, promette la ministra, ma ancora non ci sono le assunzioni e gli adeguamenti strutturali necessari. 

I ritardi italiani non sono stati superati con il Covid: lo sforzo finanziario fino a qui è stato importante. Soldi usati per tappare le falle. Per cercare di arginare l’impatto della crisi. Non basta e rischia di non servire. I soldi che arriveranno dovranno essere l’occasione per un grande piano strategico di rilancio. Magari quel green new deal enunciato e mai applicato. Perché il bonus bici va bene, ma è un’altra la scala di cui l’Italia ha bisogno. Su questo si misurerà il fallimento o il successo del governo Conte.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 02/07

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 07/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 02/07 delle 07:14

    Metroregione di gio 02/07 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 07/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Best of Cult (22/06 - 26/06) (seconda parte)

    descrizione: I migliori momenti della settimana del quotidiano culturale di Radio Popolare in onda da lun a ven dalle 11,30…

    Gli speciali - 07/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 02/07

    Radio Session di gio 02/07

    Radio Session (Stay Human) - 07/02/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 02/07

    Responsabilità, cause, colpe della pandemia da Covid-19. Memos ne ha parlato con l’epidemiologo Paolo Vineis, dell’Imperial College London, co-autore di…

    Memos - 07/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 02/07

    Note dell'autore di gio 02/07

    Note dell’autore - 07/02/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 02/07

    Cult di gio 02/07

    Cult - 07/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 02/07

    Prisma di gio 02/07

    Prisma - 07/02/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di gio 02/07

    Favole al microfono di gio 02/07

    Favole al microfono - 07/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/07

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/07

    Rassegna stampa internazionale - 07/02/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 02/07

    Il demone del tardi - copertina di gio 02/07

    Il demone del tardi - 07/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 02/07

    Fino alle otto di gio 02/07

    Fino alle otto - 07/02/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 02/07

    Tracklist: 1. Vaudou Game - Tata Fatigué..2. Speedometer - Abuja Sunrise..3. Professor Wouassa - Yobale Ma..4. The Haggis Horns -…

    Funk shui - 07/02/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead 80

    Playlist: 1. Love and Love Again, Double Cut, Mappe, Parco Della Musica Records, 2017..2. Dreamscape, Roger Rota, Reality In Illusion,…

    Jazz Ahead - 07/02/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 01/07

    A casa con voi di mer 01/07

    A casa con voi - 07/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 01/07

    Ora di punta di mer 01/07

    Ora di punta – I fatti del giorno - 07/01/2020

Adesso in diretta