Approfondimenti

Tutti i limiti di questo governo, prima e dopo il coronavirus

Giuseppe Conte Protezione Civile governo

“Tratteremo il coronavirus come se fosse il colera”, era il primo febbraio quando il ministro della Salute, Roberto Speranza pronunciò queste parole. A rileggerla oggi, con gli occhi del poi, in quella frase c’era già tutto. 

L’impegno del governo nella gestione dell’emergenza è stato totale. Quando il governo afferma che mai uno sforzo più grande fu compiuto, ha ragione. Oltre l’emergenza però, non si è riusciti ad andare.

Si è puntato tutto sulle misure fisiche, vecchia maniera, come ai tempi del colera. Gli italiani sono stati due mesi chiusi in casa e oggi possono uscire ma con le limitazioni che conosciamo. Le mascherine, le distanze, il contenimento della vita sociale. 

Secondo Conte, è un modello che tutto il mondo ha copiato. Sarà. 

Senza dubbio, l’Italia non ha copiato il modello di paesi come la Corea del Sud, dove è stata la tecnologia a dare i risultati maggiori. “La fase 2 sarà fondata su Test, Tracciamento, Trattamento” dissero i rappresentanti dei comitati scientifici che hanno consigliato il governo. La fase 2, a maggio, è iniziata senza nulla di tutto questo. 

La dichiarazione dello stato d’emergenza è del 31 gennaio. Da allora, lo Stato non è riuscito nemmeno a fornire a tutti gli italiani le mascherine promesse. Ce le siamo dovute procurare da soli. La famosa App immuni è sparita. I test sierologici sono affidati alle regioni e tutti vediamo cosa accade in Lombardia, ad esempio. Sul fronte delle cure a domicilio, della medicina del territorio, nulla è cambiato. 

Sono mancanze gravi cui si è cercato di porre rimedio con il richiamo alla responsabilità dei cittadini, a volte con il buon senso, a volte con il paternalismo, a volte con pasticci come la storia dei congiunti che si potevano andare a trovare.

A un governo nato per caso, figlio del delirio del Papeete di Salvini, composto da partiti così diversi, il cui collante è la paura del nemico, forse non si poteva chiedere di più. O forse sì. 

Si poteva chiedere, e si può continuare a chiedere, di comportarsi come ai tempi del colera, appunto. Quindi fare un salto e trovare nuovi equilibri. Non è stato così sul Mes, i soldi per la sanità che non riusciamo a farci dare per le divisioni tra Pd e  5 Stelle. Rischia di non essere così sui soldi del recovery fund che arriveranno visto che già si levano proposte bizzarre, tipo usarli per abbassare le tasse. 

La macchina burocratica non sta funzionando al meglio, in troppi i soldi non li hanno ancora visti e la rabbia cresce. Emergono nella crisi i limiti del sistema. Come sulla scuola. In altri Paesi è già ripresa. Da noi riprenderà a settembre, promette la ministra, ma ancora non ci sono le assunzioni e gli adeguamenti strutturali necessari. 

I ritardi italiani non sono stati superati con il Covid: lo sforzo finanziario fino a qui è stato importante. Soldi usati per tappare le falle. Per cercare di arginare l’impatto della crisi. Non basta e rischia di non servire. I soldi che arriveranno dovranno essere l’occasione per un grande piano strategico di rilancio. Magari quel green new deal enunciato e mai applicato. Perché il bonus bici va bene, ma è un’altra la scala di cui l’Italia ha bisogno. Su questo si misurerà il fallimento o il successo del governo Conte.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 23/11/20 delle 19:49

    Metroregione di lun 23/11/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 24/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 24/11/20

    From Genesis to Revelation di mar 24/11/20

    From Genesis To Revelation - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 23/11/20

    Jailhouse Rock di lun 23/11/20

    Jailhouse Rock - 24/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 23/11/20

    A casa con voi di lun 23/11/20

    A casa con voi - 24/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di lun 23/11/20

    1-Stati Uniti: tutti gli uomini di Joe Biden per la restaurazione della politica estera americana...( Roberto Festa) ..2-Il triste primato…

    Esteri - 24/11/2020

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 23/11/20

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 23/11/20

    Gli speciali - 24/11/2020

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 23/11/20

    La pillola va giu di lun 23/11/20

    La Pillola va giù - 24/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 23/11/20

    Considera l'armadillo lun 23/11/20

    Considera l’armadillo - 24/11/2020

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 23/11/20

    Puntata 14 - Città rumorose e le emozioni della materialità del mattone 1. Bob Geldolf “The Great Song Of Indifference”..2.…

    Gimme Shelter - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jack di lun 23/11/20

    Erica Mou a cura di Monica Paes

    Jack - 24/11/2020

  • PlayStop

    Record Store di lun 23/11/20

    Record Store di lun 23/11/20

    Record Store - 24/11/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 23/11/20

    Senti un po' di lun 23/11/20

    Senti un po’ - 24/11/2020

  • PlayStop

    DOC di lun 23/11/20

    DOC 17 - AMERICAN MURDER - Un fatto di cronaca che nel 2018 sconvolse il Colorado raccontato esclusivamente attraverso filmati…

    DOC – Tratti da una storia vera - 23/11/2020

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 21/11/20

    Slide Pistons Jam Session, Slide Pistons, Jam Session, Radio Popolare, Luciano Macchia, Raffaele Kohler, Feyzi

    Slide Pistons – Jam Session - 24/11/2020

  • PlayStop

    Francesco Castelnuovo, 7 chiavi per Ennio Morricone

    FRANCESCO CASTELNUOVO - 7 CHIAVI PER ENNIO MORRICONE - presentato da BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 24/11/2020

  • PlayStop

    Cult di lun 23/11/20

    ira rubini, cult, beniamino catena, vera de verdad, torino film festival 2020, barbara sorrentini, tiziana ricci, giovanna calvenzi, letizia battaglia,…

    Cult - 24/11/2020

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 23/11/20

    Parliamo con Valeria Palumbo, autrice di "Piuttosto m'affogherei. Storia vertiginosa delle zittelle", di cui è appena uscita una nuova edizione;…

    Sui Generis - 24/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 23/11/20

    Prima parte: Patrick Zaki resta in carcere. Il commento alla vicenda dello studente egiziano di Riccardo Noury portavoce Amnesty Italia.…

    Prisma - 24/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 23/11/20

    Rassegna stampa internazionale di lun 23/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 24/11/2020

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 23/11/20

    Di Lunedi di lun 23/11/20

    DiLunedì - 24/11/2020

Adesso in diretta