Approfondimenti

Coronavirus: perché tanti casi di contagio in Italia?

casi di contagio italia coronavirus

Per tutti gli aggiornamenti sulle disposizioni per il contenimento dei casi di contagio in Italia da Covid-19 ascoltate i podcast dei nostri notiziari.

Questa mattina è stato ospite a Prisma Walter Ricciardi, membro del consiglio esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Lo hanno intervistato Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni.

Ci sarà una missione OMS in Italia?

Sì dopodomani arriverà il direttore regionale europeo dell’OMS per approfondire quello che sta succedendo in Italia.

Cosa sta succedendo nel nostro Paese?

L’italia è passata dall’avere pochissimi casi di contagio a essere il terzo Paese al mondo, ha lo stesso numero di casi dei Paesi limitrofi alla Cina. E’ una situazione che merita attenzione e un grande lavoro di squadra, merita grande coesione nazionale, perché con questa epidemia non si scherza. Non bisogna nemmeno esagerare, perché su cento pazienti ottanta guariscono, quindici hanno qualche problema e, anche se solo cinque hanno problemi gravi, proprio per questo non va sottovalutata. Perciò bisogna agire come si fa nei casi di epidemia, cioè attraverso un approccio scientifico e “quasi militare”, con un’unica catena di comando che speriamo oggi sia messa in moto.

“Unica catena” nel senso che le singole regioni si stanno muovendo in ordine sparso?

Sì, si muovono troppo in ordine sparso. Non ci possono essere l’approccio lombardo che chiude i bar alle 18, l’approccio veneto che prevede tamponi in tutti i comuni, quello della Toscana che lascia maggiore libertà: c’è bisogno di un’unica linea di comando che faccia riferimento al ministro della Salute che per dettato costituzionale ha la responsabilità di tutelare la salute su tutto il territorio nazionale. Ministro e viceministro stanno facendo un lavoro splendido, però in questo momento, come nel caso di una guerra, si assumano tutta la responsabilità: nelle guerre non si chiede ai colonnelli cosa fare, le decisioni sono prese dal vertice, in modo rapido e su tutto il territorio nazionale. Auspico che oggi si faccia così.

Perché in Italia ci sono così tanti casi rispetto agli altri Paesi europei? Può essere dovuto all’alto numero di test?

Può derivare anche da questo: quando si cerca, in caso di virus e batteri, spesso si trova. Però probabilmente questa non è la causa principale, è più probabile che un paio di settimane fa qualcuno (verosimilmente una singola persona) sia entrato in Italia da zone ad alto rischio senza essere identificato. Quello che sta succedendo è che l’esordio sintomatologico è contemporaneo, quindi è probabile che la fonte di contagio sia “puntuale”, molto molto limitata. Il contagio comincia così, poi ci sono dei cosiddetti “superspreader” cioè persone che non contagiano due o tre persone (come avviene abitualmente), ma ne contagiano dieci o dodici. Questo determina un’accelerazione. Quello che è avvenuto con ogni probabilità è che non abbiamo intercettato questi primi casi di contagio.

Non è servito chiudere i voli con la Cina?

Io e l’OMS siamo sempre stati critici riguardo questa misura, perché l’evidenza scientifica ci dice che nell’era dei viaggi rapidi con treni, aerei e navi, questa misura ha senso soltanto se viene fatta da tutta l’Europa. Perché se si bloccano i voli diretti, ma una persona arriva facendo scalo, non si riesce a individuare. In questo senso anche le proposte di sospendere il Trattato di Schengen e bloccare la circolazione sono un controsenso perché isolandosi si riesce meno a tenere sotto controllo la situazione. Il bandolo della matassa va ritrovato con l’unità di tutti i Paesi.

È possibile fare previsioni su quanto durerà la fase di blocchi emergenziali?

Per quanto riguarda la SARS che aveva una capacità infettiva inferiore, ma una gravità superiore, la questione durò fino a maggio/giugno, perciò dobbiamo prevedere che sarà una battaglia lunga da fronteggiare, non sarà certamente una battaglia di giorni o di settimane, ma probabilmente di mesi. È chiaro che le prossime due settimane sono quelle decisive, perché attraverso misure che devono essere chiare e inderogabili in tutta Italia, possiamo chiudere questa “finestra” e quindi eseguire gli interventi più importanti, ma la previsione è che questa situazione durerà mesi. Siamo in “territori inesplorati”, mai avremmo immaginato che la Cina bloccasse sessanta milioni di persone, quindi data la situazione non si può escludere niente: l’importante è limitare il numero dei contagi ai due focolai epidemici di Veneto e Lombardia ed evitare che si propaghi nelle altre regioni. Se ci riusciamo è probabile che il periodo di misure eccezionali si accorcerà.

La pur bassa percentuale di pazienti che hanno bisogno di assistenza diventa un numero ingestibile se una larga parete della popolazione è contagiata…

Certo e proprio per questo bisogna fare un piano di contingenza. Bisogna far sì che chiunque ne abbia bisogno riceva le cure adeguate, ma siccome parliamo di pazienti contagiosi, ci vuole una gestione che non faccia diventare l’ospedale una fonte di contagio. Occorrono indicazioni precise al personale sanitario. Non è un caso che si siano infettati i medici e gli infermieri: evidentemente sono arrivati a questo appuntamento non pienamente consapevoli della straordinarietà di questa situazione.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 13/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 13/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 13/08/2022

  • PlayStop

    L'ingrediente segreto di sabato 13/08/2022

    Un programma di musica alla ricerca di quell’elemento nascosto che rende una canzone così speciale Perché “Walk on the Wild…

    L’ingrediente segreto - 13/08/2022

  • PlayStop

    HiSporty di sabato 13/08/2022

    Storie di sport e società a cura di Andrea Cegna.

    HiSporty - 13/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/08/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 13/08/2022

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/08/2022

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare…

    Sing Sing Sing - 13/08/2022

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/08/2022

    Oggi a Letti e Lettini, il settimanale estivo di Radio Popolare dedicato ai libri in onda il sabato alle 11.00,…

    Letti e lettini - 13/08/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/08/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13/08/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di venerdì 12/08/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 08/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/12/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/12/2022

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 08/12/2022

  • PlayStop

    La Portiera di venerdì 12/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 08/12/2022

  • PlayStop

    Il mondo dello spettacolo dopo la pandemia

    Ne parlano: Roberto Rampi – Senatore PD, Roberto D’Ambrosio, sindacalista CUB Spettacolo e lavoratore Scala, Silvia Comand, presidentessa Bauli in…

    All you need is pop 2022 - 08/12/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/08/2022 delle 15:37

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/12/2022

  • PlayStop

    Episodio 10 - Mr. Morale & The Big Steppers

    Forse il suo disco più personale, Mr. Morale & The Big Steppers aggiunge un nuovo capitolo al grande romanzo dell’America…

    The Good Kid from Compton - 08/12/2022

  • PlayStop

    Episodio 10 - Mr. Morale & The Big Steppers

    Forse il suo disco più personale, Mr. Morale & The Big Steppers aggiunge un nuovo capitolo al grande romanzo dell’America…

    The Good Kid from Compton - 08/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 12/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/12/2022

Adesso in diretta