Approfondimenti

Il coronavirus ha fatto nascere un nuovo sentimento di unità nazionale?

unità nazionale

Ormai da qualche giorno alle 18 partono dai balconi e finestre di tante città canzoni amplificate per arrivare in tutte le case, servono a dare un senso di unità e di comunità all’isolamento imposto per vincere la sfida al coronavirus. E quasi sempre la play list termina con l’Inno di Mameli.

Può bastare solo questa immagine a mostrare un Paese che si sente unito in questa battaglia, un fatto altamente simbolico, un Inno per significare un’appartenenza comune. Ma spesso in queste settimane questo senso di battaglia condivisa è stata contraddetto, e l’unità di Italia si è frammentata in venti parti, le venti Regioni, dove ognuna ha avuto la tentazione e spesso ci ha provato di pensare a sé, a come proteggere i propri cittadini, come se si fosse tornati indietro di 160 anni, poco prima della nascita dello Stato italiano, quando ancora c’erano i confini interni.

E così per prima sono state le Marche ad annunciare solo tre settimane fa di voler chiudere le scuole, per conto suo, pronta ad essere seguita da molte altre. La centralità e l’autonomia: le regioni del Nord in grande sofferenza e convinte di non essere comprese dal resto di Italia e quelle del Sud, impaurite dall’arrivo di tanti residenti dal Nord, perché temevano il contagio e di non reggere con l’assistenza sanitaria negli ospedali perché la sanità al Sud ha molte più falle di quella del resto del Paese.

E’  stato necessario un decreto veramente unitario per ricompattare tutto, lo stop in tutta Italia di tutte le attività, da quel giorno sono ricomparsi i tricolori alle finestre e anche gli applausi ai medici e agli infermieri che stanno curando i malati. Forse sono proprio questi ora a rappresentare l’Unità d’Italia, tra le immagini più belle di questo momento e di questo 159 anniversario è l’infermiera che tiene tra le braccia un’Italia tricolore.

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 09/08

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/09/2020

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 09/08

    Sacca del Diavolo di dom 09/08

    La sacca del diavolo - 08/09/2020

  • PlayStop

    Yes Weekend di dom 09/08

    Yes Weekend di dom 09/08

    Yes Weekend! - 08/09/2020

  • PlayStop

    Bollicine di dom 09/08

    Bollicine di dom 09/08

    Bollicine - 08/09/2020

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 09/08

    Italian Girl di dom 09/08

    Italian Girl - 08/09/2020

  • PlayStop

    Avenida Brasil di dom 09/08

    Avenida Brasil di dom 09/08

    Avenida Brasil - 08/09/2020

  • PlayStop

    Camera Sud del dom 09/08

    Camera Sud del dom 09/08

    Camera a sud - 08/09/2020

  • PlayStop

    Onde Road di dom 09/08

    Onde Road di dom 09/08

    Onde Road - 08/09/2020

  • PlayStop

    Microfono aperto di dom 09/08

    Microfono aperto di dom 09/08

    Microfono aperto - 08/09/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 09/08

    Favole al microfono di dom 09/08

    Favole al microfono - 08/09/2020

  • PlayStop

    Snippet di sab 08/08

    Snippet di sab 08/08

    Snippet - 08/09/2020

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 08/08

    Conduzione Musicale di sab 08/08

    Conduzione musicale - 08/08/2020

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di sab 08/08

    Gli speciali di Radio Popolare di sab 08/08

    Gli speciali - 08/08/2020

  • PlayStop

    Domino di sab 08/08

    Domino di sab 08/08

    Domino - 08/08/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 08/08

    I Girasoli di sab 08/08

    I girasoli - 08/08/2020

  • PlayStop

    DOC di sab 08/08

    DOC di sab 08/08

    DOC – Tratti da una storia vera - 08/08/2020

  • PlayStop

    Itaca di sab 08/08

    Itaca di sab 08/08

    Itaca - 08/08/2020

Adesso in diretta