Approfondimenti

Continua la guerra al diritto all’aborto negli Stati Uniti

Proteste pro aborto negli Stati Uniti

Nel 1973, quando la Corte Suprema degli Stati Uniti d’America si pronunciò sul caso “Roe contro Wade”, l’aborto entro i 7 mesi di gravidanza venne riconosciuto come diritto costituzionale. Ma, oggi, 50 anni di progresso potrebbero venir spazzati via in pochi mesi. Ne è convinta Emma Hernandez, attivista di “We Testify”, un’organizzazione nata per dare alle persone che hanno scelto di abortire la possibilità di raccontare la loro storia.

“In questo momento, negli Stati Uniti, stiamo assistendo all’emersione di tutta una serie di leggi che vietano l’aborto, come quella del Texas, dove è proibito dopo le 6 settimane. Si tratta di una legge che pone un limite ancora prima che le persone scoprano di essere incinte. E, sfortunatamente, di recente, lo stato vicino dell’Oklahoma, che fino a poco tempo fa era un luogo dove le donne del Texas potevano andare per abortire, ha istituito un altro divieto che dovrebbe entrare in vigore ad agosto.
Stiamo avendo una crescente difficoltà nell’accesso all’aborto anche se in questo momento, secondo la Costituzione, l’aborto dovrebbe essere accessibile e legale. Ci sono però alcuni singoli Stati che stanno creando leggi restrittive e divieti che rendono l’aborto praticamente impossibile. L’effetto che potrebbe avere nel tempo è che, anche se gli Stati liberali manterrano la possibilità di abortire, aumenterà il numero di persone che devono spostarsi da uno Stato all’altro per farlo. Gli Stati che hanno divieti di questo tipo sono concentrati nel Sud e nell’Midwest degli Stati Uniti. Se una donna si trova nel sud del Paese e ha la possibilità di viaggiare solo con la macchina, quello che l’aspetta è un viaggio di 8 ore per raggiungere il New Mexico, dove l’aborto è legale.
Ci aspettiamo il peggio con la decisione che verrà presa a giugno dalla Corte Suprema e ci stiamo preparando a una situazione dove l’aborto entro i sette mesi non sarà più legale in quasi tutti gli Stati Uniti”.

Quello che Hernandez e le attiviste di tutto il Paese temono, è infatti la decisione che la Corte Suprema, attualmente a maggioranza repubblicana, prenderà a giugno sulla sentenza “Dobbs contro Jackson”. Il caso riguarda una legge approvata nel 2018 dal Mississippi (ma non entrata in vigore) che vieterebbe l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza. E se alla Corte dovesse passare potrebbe ribaltare completamente la “Roe contro Wade”. Già da alcuni anni diversi Stati repubblicani hanno provato ad aggirare la sentenza del ’73, legiferando in materia con l’obiettivo di ostacolare o impedire alle donne di abortire. I casi più recenti sono quelli del Texas, dell’Oklahoma, della Florida e del Kentucky.

“Io posso parlare della mia esperienza personale. Quando ho abortito la prima volta, in Indiana, c’erano delle restrizioni ma sono riuscita comunque ad abortire. A ogni modo, una persona deve affrontare diverse forme di violenza, anche solo nell’andare in clinica, anche se sono strutture che praticano l’aborto.
Davanti a questi luoghi si riuniscono persone che fanno parte di associazioni anti-abortiste che intimidiscono e insultano chi si sta recando in clinica per accendere a un servizio utile per la loro salute. E sappiamo anche che le persone che abortiscono vengono spesso insultate online.
In diversi Stati viene fatta richiesta di sottoporsi a tante visite, prima di poter effettivamente abortire. Così le donne sono costrette a muoversi il più rapidamente possibile per rientrare nelle tempistiche. In altri Stati, invece, bisogna per legge fare un’ecografia e avere l’immagine dell’embrione. Vengono mostrate queste immagini nella speranza che ti possano far cambiare idea.
Quindi, che siano le proteste degli antiabortisti fuori dalla clinica o leggi restrittive che rendano ancora più difficile prendere questa decisione, ci sono tanti ostacoli che impediscono di procedere con un aborto, anche se per chi sceglie di farlo si tratta della decisione migliore. La crudeltà è scritta nelle leggi, sta nell’essere sicuri di aver reso ancora più difficile per qualcuno la scelta di abortire”.

Quanto sta avvenendo negli Stati Uniti, e in molti altri Paesi, ci mostra come i diritti sessuali e riproduttivi delle donne siano ancora estremamente in pericolo.

“L’aborto negli Stati Uniti non è assolutamente qualcosa di equilibrato, e manca anche una rappresentanza politica adeguata. Perché se si osservano le statistiche, i dati, la maggior parte delle persone supporta l’aborto ma si tratta di una cosa che non si riflette nel nostro sistema legislativo.
Esiste uno stigma fortissimo intorno all’aborto che fa pensare alle persone che ci abortisce stia facendo qualcosa di moralmente sbagliato. Quando, in realtà, sappiamo perfettamente che l’aborto è una delle procedure mediche più sicure, che ci sono medicinali sicuri per abortire. Abbiamo così tante informazioni oggi per fare questa scelta senza rischi per tutti coloro che sono coinvolti.
Eppure, assistiamo a un rinnovato interesse nel legiferare sul corpo delle persone e sulle scelte personali che queste vogliono fare per se stesse.
Ma sappiamo perfettamente che le persone, che sia legale o meno, cercheranno sempre di abortire se ne hanno bisogno. E quindi, limitandolo in questo modo, stanno trasformando una procedura medica sicura in qualcosa di estremamente rischioso”.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta