Approfondimenti

Considera le magliette rosse

Mentre la ministra Giannini segnava uno dei più clamorosi autogol comunicativi di sempre, mentre i giornali tornavano a riempire le loro pagine di storie di “cervelli in fuga”, mentre un giovane ricercatore italiano veniva torturato e ucciso facendo il suo lavoro di ricerca, il Parlamento italiano prorogava la silenziosa “guerra” ai suoi ricercatori. L’ultimo atto è stato la mancata estensione del sussidio di disoccupazione ai ricercatori precari.

È a questo punto che in decine di università sono comparse le magliette rosse dello sciopero alla rovescia della ricerca precaria. Sono coloro che restano a fare ricerca in Italia nonostante l’Italia faccia di tutto per spingerli altrove.

L’ultimo incentivo a lasciare il Paese è arrivato il 15 dicembre 2015, quando la commissione Bilancio della Camera ha bocciato l’estensione dell’indennità di disoccupazione (Dis-Coll) agli assegnisti di ricerca, ai dottorandi e ai titolari di borse di studio, nonostante versino i contributi alla gestione separata dell’Inps. Con quale motivazione? Tenetevi forte: quello del ricercatore non è un vero lavoro perché “fortemente connotato da una componente formativa”. È il ministero del Lavoro guidato da Giuliano Poletti a spiegarlo rispondendo a una interrogazione della Cgil. A metà gennaio rincarava la dose il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, del Pd: “Tali soggetti svolgono attività non riconducibili alle collaborazioni coordinate e continuative”. Sommerso dalle critiche il giorno dopo ha precisato, smentendosi: “Ci assumiamo l’impegno di prevedere adeguati ammortizzatori sociali di cui possano beneficiare al termine del loro rapporto con l’ateneo. Perché la ricerca è lavoro vero”. Bingo.

Un lavoro vero, la ricerca, in Italia. Ma quale lavoro?

La storia di Paola, ma potrebbe chiamarsi Claudia, Mauro, Giovanna, è emblematica: dopo dieci anni di lavoro precario nelle università, passate le varie fasi della ricerca, fatte le esperienze all’estero, ricevuto premi e incentivi, ecco, dopo dieci anni Paola si ritrova disoccupata. Con quale prospettiva? Un concorso per un posto da 2.000 euro l’anno, ha raccontato al microfono di Silvia Giacomini…

Paola

Sigle, ruoli e contratti diversi, raccomandazioni, pochi soldi. Il governo italiano nel 2015 ha destinato 6,9 miliardi all’Università, pochi se confrontati con i 26 della Germania. Più in generale negli ultimi sette anni c’è stato un disinvestimento in ricerca e formazione, meno 22 per cento secondo un rapporto della Fondazione Res. È lo Stato il primo a non credere nella ricerca e nei sui ricercatori. La varietà di contratti, di ruoli, di sigle usate per inquadrare chi lavora negli atenei, pare fatto apposta per mantenere un sistema da gioco dell’oca, dove basta un tiro di dadi sfavorevole per ritrovarsi alla casella di partenza.

È così che la ricerca italiana è diventato un tetris impazzito e precario. Problemi e storture di sempre si sono sommate a riforme inadeguate. “Paghiamo ancora la riforma Gelmini del 2008”, spiegano i ricercatori. Quella che produsse l’ultima protesta diffusa, e di piazza, del mondo della scuola, l’Onda.

[youtube id=”pbgz1bupa0I”]

Oggi i ricercatori e le ricercatrici hanno scelto di fare uno sciopero alla rovescia, ispirandosi a quanto fatto nel 1956 da Danilo Dolci. Così hanno fatto incrociare le braccia su una maglietta rossa a un ricercatore e a una ricercatrice, per rendere visibile chi fa cosa dentro l’Università. Basterà? Probabilmente no, ma è un primo passo per uscire dall’invisibilità. “Sono coloro che svolgono attività funzionali, necessari, vitali all’andamento dell’Università”, dice Chiara Martucci, ex ricercatrice, oggi collaboratrice della Statale di Milano e tra le responsabili degli sportelli dei ricercatori precari della Flc Cgil. L’intervista è di Silvia Giacomini:

Chiara Martucci

Il sito internet dei ricercatori non strutturati lo trovate qui, la loro pagina Facebook qui, quella milanese qui.

Le foto sono tratte dalle pagine Facebook della campagna.

precaria1precaria10precaria9 precaria8 precaria7 precaria6 precaria5 precaria3 precaria2precaria11

 

  • Autore articolo
    Roberto Maggioni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 23/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 23/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 23/06/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 23-06-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 23/06/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 23-06-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 23/06/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 23-06-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 23/06/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 23-06-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 23/06/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 23-06-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 23/06/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 23-06-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 23/06/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 23-06-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 23/06/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 23-06-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 23/06/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 23-06-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 23/06/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 23-06-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 23/06/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 23-06-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 23/06/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 23-06-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 22/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 22-06-2024

Adesso in diretta