Approfondimenti

Come si curano i pazienti COVID a casa? Le linee guida del Ministero

quarta ondata

La dottoressa Anna Carla Pozzi, Segretaria della sezione provinciale di Milano della Federazione Italiana Medici di Famiglia (Fimmg), spiega a Radio Popolare come si curano a casa i pazienti COVID secondo le recenti linee guida pubblicate dal Ministero della Salute.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni a Prisma.

A distanza di mesi, il Ministero della Salute ha pubblicato un documento che spiega come trattare i pazienti COVID a casa. È un documento che prevede delle cure divise per fasi: cosa prevedono?

È un documento di cui sentivamo la necessità. Era stato preceduto da un documento fatto dalla Federazione italiana degli ordini dei medici, e i due documenti sono pressoché sovrapponibili. Questa circolare del Ministero della Salute suddivide i malati di COVID in tre gruppi di rischio: persone stabili che hanno un rischio basso, instabili che hanno un rischio medio e casi critici a rischio alto. Ovviamente noi trattiamo a domicilio le persone a basso e medio rischio, se non si complicano ulteriormente. È fondamentale il monitoraggio quotidiano della saturazione e questo può avvenire anche attraverso un approccio telefonico. Le cooperative dei medici di famiglia hanno messo a disposizione dei centri servizi e dei saturimetri, che vengono dati al paziente, contattato anche due volte al giorno, a seconda della gravità. Vengono raccolti i dati di saturimetria, di febbre e di frequenza cardiaca, e se scatta l’allerta viene immediatamente contattato il medico di famiglia. Nei casi lievi abbiamo circa un 10-15% di persone che progrediscono verso forme severe, quindi questo monitoraggio è fondamentale. Il documento spiega che quando si arriva a una saturazione del 92% dobbiamo somministrare ossigeno. Raccomanda altresì di continuare ad assumere le terapie che il paziente assume se cronico, e si addentra anche nei discorsi di altri farmaci, oggetto di moltissime discussioni. L’utilizzo del cortisone è raccomandato solo per i casi gravi e che necessitano anche di supplementazione d’ossigeno. Per quanto riguarda l’utilizzo di eparina, raccomanda di utilizzarlo solo se il paziente è immobilizzato per l’infezione: quando una persona è affetta da COVID rimane a letto perché le forze gli vengono meno e quindi non riesce a stare in piedi. Attenzione all’uso degli antibiotici: non servono per curare il virus, ma per le eventuali superinfezioni batteriche, quindi bisogna iniziare con l’antibiotico dopo 72 ore che si ha la febbre e che non scende. Il documento specifica di non usare l’idrossiclorochina perché l’efficacia di questo farmaco non è stata confermata da nessuno studio clinico condotto fino ad ora. Riassumendo sono queste le linee guida della circolare del Ministero.

Che cosa sono il “test del cammino” e il “test della sedia”?

Sono dei test che vengono fatti per capire se la saturimetria è stabile o no, e sono facilmente eseguibili anche telefonicamente, basta che il paziente abbia un saturimetro a casa. Lo deve indossare a riposo, deve comunicare il valore e dopodiché lo si fa camminare. Se la saturimetria scende a questo punto bisogna essere più all’erta, perché vuol dire che sotto sforzo non riesce a compensare gli scambi di ossigeno. Sono dei test importanti e ci aiutano moltissimo per capire se il paziente possiamo continuare a seguirlo a domicilio oppure se dobbiamo attivare l’USCA, che va a visitarlo a domicilio, o addirittura se dobbiamo mandarlo al pronto soccorso.

L’utilizzo degli antinfiammatori e del paracetamolo è complementare nei primi giorni?

La circolare consiglia, nei primi giorni, l’utilizzo del paracetamolo, che serve fondamentalmente per abbassare la febbre. Ci sono linee di pensiero che preferiscono l’uno all’altro. L’antinfiammatorio, oltre ad avere una blanda azione sull’abbassare la febbre, ha anche un’azione antinfiammatoria. Anche se le linee del ministero non citano gli antinfiammatori, questi potrebbero essere comunque utilizzati per abbassare lo stato infiammatorio, che sappiamo esserci in questi casi.

È un po’ tardi per questo vademecum del Ministero.

Sì, ma meglio tardi che mai. Un mesetto fa è arrivata la circolare della Federazione dei medici, che praticamente ricalca questo vademecum, quindi ci siamo regolati di conseguenza. Durante la prima ondata abbiamo usato l’idrossiclorochina, che invece i trial clinici (sia nazionali sia internazionali) hanno dimostrato non essere efficace, e ad oggi tutti sconsigliano l’utilizzo di questa molecola. Il problema è che il paziente ha bisogno di sentirsi curato e per sentirsi curato ha bisogno della somministrazione di medicine. Per cui, generalmente partendo o dal paracetamolo o dall’antinfiammatorio, se vediamo che la febbre non scende si va sull’antibiotico, che non ha molto senso perché non cura il virus ma cura le superinfenzioni batteriche che tavolta ci sono in questi casi.

A volte si è avuta la sensazione di restare in attesa e nel giro di un giorno vedere la situazione aggravarsi e precipitare. Non sarebbe utile anticipare queste cure?

Anch’io mi sono sentita impotente come medico in certe situazioni, perché prendere certe decisioni diventa molto difficile essendo una malattia assolutamente nuova e sconosciuta a tutti. Ho però notato che la precipitazione dei sintomi è indipendente dalla terapia e non è prevedibile, perché nessuno ad oggi è riuscito a trovare un filo logico, tranne nei casi di pazienti cronici, sicuramente più delicati e candidati ad aggravarsi. Certo è che non c’è nessuna medicina preventiva: ho ricevuto tante telefonate di pazienti che richiedevano la prescrizione di certe medicine cosi da non ammalarsi.

Il presupposto di partenza di questo vademecum è che il medico di base possa seguire con continuità il paziente COVID che sta a casa, però sappiamo anche che ci sono stati pazienti che hanno faticato a mantenere un contatto con il proprio medico. Adesso sta andando un po’ meglio, con i numeri che si abbassano?

Sottolinerei, innanzitutto, che i medici di famiglia sono pochi, molti posti sono carenti e ci sono molti sostituti temporanei. I pochi che stanno lavorando si ritrovano con dei massimali aumentati, talvolta fino anche a 2.000 pazienti. Diventa molto difficile dare una risposta efficace a tutti. Io sono arrivata a fino 100 telefonate al giorno, ed è stato veramente difficile. Ho personale che mi aiuta e siamo stati presi tutto il giorno a cercare di evadere tutte le telefonate. Adesso devo dire che si sta mollando un po’ la presa perché i casi sono in diminuzione, e quindi riusciamo a migliorare la comunicazione con tutti i pazienti. Non dimentichiamoci che esistono ancora patologie croniche con le richieste di salute di questi pazienti per altri motivi che non sono il COVID. Noi dobbiamo far fronte a tutte queste richieste, e quindi l’impegno lavorativo in questo momento è molto importante, e molto faticoso.

I dispositivi di protezione e il distanziamento ci aiuteranno anche nei confronti delle influenze stagionali?

Direi proprio di sì. Il distanziamento e la mascherina impediscono la circolazione dei virus, qualunque essi siano. Stiamo completando la vaccinazione antinfluenzale con le dosi di vaccino che mancano, perché non arrivate a sufficienza per tutti. I primi vaccini sono arrivati ad ottobre ma a goccia lenta, e dovrebbero arrivare a breve gli ultimi ma non siamo riusciti a vaccinare tutti perché mancano. Quindi la mascherina e il distanziamento sicuramente ci aiuteranno a completare l’opera.

Vi hanno dato recenti assicurazioni sui tempi d’arrivo degli altri vaccini che servono?

Gli ultimi dovrebbero arrivare penso – e spero – la settimana prossima. I vaccini non vengono più distribuiti dalle farmacie, com’era d’uso, ma si fa richiesta direttamente in ATS. I primi medici che riceveranno i vaccini sono quelli che all’inizio non li hanno ricevuti, perché esauriti, e dopo se ne avanzeranno li daranno a tutti. Ho fatto però un sondaggio tra colleghi e, su 500 richiesti, sono arrivati circa 300 vaccini.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 13/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 13-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 13/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 13-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 13/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 13-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 13/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 13-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 13/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 13-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 13-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 13-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 13-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/07/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-07-2024

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 13/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 12-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-07-2024

Adesso in diretta