Approfondimenti

Il petrolio si è ingoiato la libertà di stampa

Arzu Geybulla è una giornalista azera che non può più tornare nel suo Paese. Dal 2014 vive in esilio volontario in Turchia, dove scrive per varie testate fra cui Al Jazeera, Open Democracy, Radio Liberty, Osservatorio Balcani e Caucaso e Radio Free Europe. Sempre nel 2014, la BBC l’ha inclusa fra le cento donne più influenti del mondo. L’abbiamo intervistata in occasione del Festival dei Diritti Umani in corso a Milano, di cui è ospite.

“Me ne sono andata per la prima volta nel 2001 per studiare all’università in Turchia, poi sono tornata in Azerbaijan per lavoro, successivamente sono tornata a Istanbul, continuando però a viaggiare in a Azerbaijan e a scriverne come giornalista.

Dal 2014 non posso più tornare in Azerbaijan perché sono stata oggetto di una grande campagna diffamatoria da parte delle autorità azere. Scrivevo della mancanza di libertà di stampa nel mio Paese, tenevo conferenze in giro per il mondo, anche nelle università. Allo stesso tempo a Istanbul collaboravo con una rivista turco-armena e le autorità azere hanno usato proprio questo pretesto per attaccarmi.

I media di stato e quelli vicini al governo mi hanno accusato di tradimento, mi hanno etichettata come ‘traditrice’. Questa campagna diffamatoria ha avuto subito effetto. Ho ricevuto minacce di morte, sono stata insultata, sia a voce sia sui social media. Ero scioccata dal fatto che un sacco di persone che nemmeno mi conoscevano, credessero così facilmente alle accuse delle autorità e scrivessero cose così orribili sui social media.

Così dal 2014 ho deciso di non tornare più in Azerbaijan, non tanto per la paura di essere arrestata, ma per la paura che le autorità non mi avrebbero poi più permesso di ritornare in Turchia, o di lasciare il Paese.

Poi nel 2016, quando pensavo che le acque si stessero calmando, la magistratura nel mio Paese ha avviato un’inchiesta penale contro una testata giornalistica online con cui io collaboravo, scrivendo articoli in inglese. E’ stata resa nota una lista di una quindicina di giornalisti sotto inchiesta e c’era anche il mio nome.

Questa è stata la conferma che non sarei tornata a casa per un bel po’. Così sto vivendo in una sorta di esilio auto-imposto a Istanbul”.

 Qual è la situazione dei giornalisti che sono rimasti a lavorare in Azerbaijan?

“E’ molto difficile: un sacco di giornalisti che sono lì sono soggetti ad intimidazioni e abusi. Solo ieri il manager di una tv online è stato condannato a 30 giorni di detenzione amministrativa con l’accusa di aver resistito alla polizia. Ma secondo il suo avvocato, il motivo del suo arresto era che lui assomiglia a un’altra persona ricercata con cui lui non ha nessuna connessione. Malgrado questo è stato condannato.

Alcuni giorni fa tutte le testate indipendenti che rimangono in Azerbaijan sono state portate in tribunale con l’accusa di incitare proteste, di fare propaganda religiosa. E stiamo parlando di 5-6 testate che erano rimaste indipendenti.

Il governo sta sempre più raffinando la sua strategia. Prima perseguitava i singoli giornalisti con accuse strumentali, come l’evasione fiscale o l’abuso di potere, o cercava di chiudere le testate scomode. Adesso sta emendando alcune leggi e usa queste modifiche contro i giornalisti e i giornali”.

 Il fatto che l’Azerbaijan sia un Paese ricco di petrolio, che impatto ha sulla libertà di stampa e di espressione?

“Il petrolio ha inghiottito la libertà di stampa in Azerbaijan. Il mio Paese ha vaste risorse energetiche ma il governo le usa non a beneficio della popolazione: le usa per suo proprio profitto. C’è un’enorme corruzione nel Paese, e questo porta al fatto che se non hai soldi o non sei vicino al governo non puoi fare molto e non puoi neppure criticare.

Penso che davvero il petrolio abbia danneggiato la libertà di espressione e soppresso tutto quello che avrebbe potuto fiorire in termini di libertà di stampa in Azerbaijan, comprese le sacche di libertà che resistevano nel mio Paese.”

  • Autore articolo
    Michela Sechi
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 28/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 28/10/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 28/10/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di gio 28/10/21

    1- Verso la Cop26. Mentre Glasgow si prepara ad accogliere la conferenza sul clima, Biden annuncia un piano per il…

    Esteri - 28/10/2021

  • PlayStop

    The Game di gio 28/10/21

    Pensioni, in attesa delle decisioni del governo, Roberto Artoni, professor emerito all’università Bocconi, ha commentato l’ipotesi di un compromesso tra…

    The Game - 28/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di gio 28/10/21

    Il problema delle capesante del canale della Manica fra Francia e Gran Bretagna e la minaccia dei transalpini di usare…

    Muoviti muoviti - 28/10/2021

  • PlayStop

    Ciaj Rocchi e Matteo Demonte, La macchina zero. Mario Tchou e il primo computer Olivetti

    CIAJ ROCCHI E MATTEO DEMONTE - LA MACCHINA ZERO. MARIO TCHOU E IL PRIMO COMPUTER OLIVETTI – presentato da IRA…

    Note dell’autore - 28/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di gio 28/10/21

    Di tutto un boh di gio 28/10/21

    Di tutto un boh - 28/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 28/10/21

    Si parla, grazie alla segnalazione dell'ascoltatore Alberto, con Toni Farina, rappresentante delle associazioni ambientaliste nel Consiglio Direttivo del Parco Nazionale…

    Considera l’armadillo - 28/10/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 28/10/21

    intervista con La Rappresentante di Lista per l'uscita del libro Maimamma, collegamento con i Marlene Kuntz da Ostana dove stanno…

    Jack - 28/10/2021

  • PlayStop

    Cercatori d'oro

    quando andiamo a setacciare il Ticino alla ricerca del metallo più prezioso, tra una commovente cerimonia e due sordide puntate…

    Poveri ma belli - 28/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 12:47

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 12:47

    Seconda pagina - 28/10/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 28/10/21

    ira rubini, cult, festival letteratura migrante 21, palermo, davide camarrone, escape room gianni rodari, verbania, we are muesli, matteo pozzi,…

    Cult - 28/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di gio 28/10/21

    Tutto scorre di gio 28/10/21

    Tutto scorre - 28/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 28/10/21

    LA FINE DEL DDL ZAN. E ADESSO? Microfono aperto con Luca Paladini portavoce dei Sentinelli. CANNABIS TERAPEUTICA, CARENZA CRONICA NELLE…

    Prisma - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/10/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/10/21

    Il demone del tardi - 28/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 28/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 28/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 28/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 28/10/2021

Adesso in diretta