Approfondimenti

Colombia, la Corte Costituzionale ha depenalizzato l’aborto entro 24 settimane

Colombia, le donne esultano per la depenalizzazione dell' aborto

Canti, balli e molte lacrime si sono visti ieri di fronte alle porte della Corte Costituzionale a Bogotà. Il massimo tribunale colombiano si è finalmente espresso sui ricorsi presentati dalle attiviste di Giusta causa intorno alla proibizione dell’aborto nel paese, e 5 giudici su nove hanno votato a favore della depenalizzazione dell’interruzione volontaria della gravidanza entro le 24 settimane di gestazione. Concluso quel periodo saranno comunque valide le causali in vigore dal 2006 che consentono di abortire legalmente quando la gravidanza costituisce un rischio per la salute fisica o mentale della donna, quando prodotto di abusi sessuali o si riscontrino malformazioni del feto incompatibili con la vita.

Un trionfo storico del movimento femminista Colombiano, il secondo paese più popoloso del Sud America e con una tradizione cattolica e conservatrice profondamente consolidata. Si stima che ogni anno vengano realizzati circa 400.000 aborti clandestini nel paese, e che più di 70 donne muoiano a causa delle complicazioni.

La decisione di ieri è definitiva ed ha effetto immediato. Tra le prime misure ordinate dalla corte si trova anche la revisione dei più di 5.000 processi giudiziari cominciati contro donne accusate di aver abortito, e che secondo il codice penale finora vigente rischiavano una condanna di 4 anni di reclusione. Tutti i casi di interruzione della gravidanza portata avanti entro le 24 settimane di gestazione dovranno essere archiviati.

Il Congresso e il governo dovranno ora prendere atto della decisione e modificare la normativa vigente per garantire alle donne colombiane l’accesso al diritto acquisito dopo anni di lotta, con strutture mediche adeguate e personale sanitario preparato. Un cammino che potrebbe comunque presentare seri ostacoli. Nel congresso infatti sono stati presentati negli ultimi anni 17 progetti di legge per la legalizzazione dell’aborto, ma nessuno è mai giunto a discussione a causa dell’ostruzionismo e manovre dilatorie portate avanti da diverse forze politiche di centro e centrodestra. L’attuale governo conservatore poi si è già espresso duramente contro la decisione della corte. Secondo il presidente Ivan Dunque la depenalizzazione dell’aborto lo trasformerebbe in un metodo contraccettivo quotidiano, e ha ribadito la sua opposizione. Il rappresentante della Colombia all’Organizzazione degli Stati Americani Alejandro Ordoñez ha addirittura dichiarato che uno stato che decide di eliminare una porzione di esseri umani nelle loro prime 24 settimane è uno stato totalitario e genocida. La decisione poi arriva a tre settimane dalle elezioni legislative del 13 marzo, a cui seguiranno quelle presidenziali il 29 maggio. Una lunga campagna elettorale dunque, dove le forze conservatrici e le diverse chiese presenti sul territorio colombiano lanceranno durissime campagne contro il movimento femminista e la decisione della corte. Basti ricordare che nel 2016 l’inclusione di un capitolo dedicato alle questioni di genere nell’Accordo di Pace con la guerriglia delle Farc mobilitò milioni di persone in tutto il paese che riuscirono a bloccare il trattato al referendum disposto dal governo di Juan Manuel Santos.

Ma la decisione oramai è presa ed è irrevocabile, e la Colombia si trasforma nell’ennesimo paese latinoamericano a modificare le proprie leggi per riconoscere il diritto all’aborto dopo Cuba, Uruguay e Argentina.

Federico Larsen
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 25/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    ANDREINA SPECIALE - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 25/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 25/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 25/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 25/05/2022

    ....Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 25/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    A Milano, per la prima volta in Italia, sarà istituito un Registro per il riconoscimento del genere di elezione dedicato…

    Jailhouse Rock - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    A Milano, per la prima volta in Italia, sarà istituito un Registro per il riconoscimento del genere di elezione dedicato…

    L’Altro Martedì - 24/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    eccola qui: La formidabile e improbabile app ucraina che sta distruggendo l’esercito russo, gli attacchi ransomware della settimana e i…

    Doppio Click - 24/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 24/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

Adesso in diretta