Approfondimenti

Un viaggio in due mondi pieni di blues

Il cielo azzurro dell’Alabama ci accompagna lungo la highway 20. Da Birmingham, la città più grande di questo stato del profondo Sud americano, viaggiamo verso ovest. Passata Tuscaloosa, il traffico si dirada e pick-up di tutte le misure e annate diventano i protagonisti della strada.

Lasciamo la highway e un cartello ci dà il benvenuto nella Black Belt, una delle terre più fertili d’America, dove un tempo ogni piantagione era coltivata a cotone. Ora gli allevamenti di cat fish, il pesce gatto, sono a ogni angolo.

Attraversiamo case di legno abbandonate, negozi di campagna da tempo chiusi, e rifornitori di benzina con pompe vintage che ancora funzionano. Lungo la strada sono tanti i cartelli che annunciano l’arrivo e l’esistenza di Gesù Cristo e intimano ad andare in chiesa per non finire nelle mani del diavolo. Perdo il conto delle chiese che incontriamo. Ce n’è per tutti i gusti: chiese battiste, presbiteriane, metodiste, ecc. La Black Belt fa parte della cosiddetta Bible Belt, una delle zone più religiose d’America.

Percorriamo una strada diritta che taglia fattorie e boschi di querce e pini. Il verde intenso domina il paesaggio. La nostra destinazione è Union: una manciata di case di legno e campi a non finire. Il paesino conta poco più di 200 anime e si trova a 40 miglia circa da un altro più piccolo: Old Memphis, dove viveva una delle leggende del blues: Willie King, morto nel 2009.

Willie King chiamava la sua musica “struggling blues”, il blues di lotta, perché teneva a cuore le ingiustizie sociali di questa terra fertile, ma povera e del popolo afroamericano. Il suo popolo.

"Jock Webb ripara il trattore di Clarence Davis, foto Roger Stephenson."
“Jock Webb ripara il trattore di Clarence Davis, foto Roger Stephenson.”

Tutto in questa parte d’America gronda di blues: le enormi case di legno dipinto con le ampie verande sul davanti che riportano alla memoria i tempi delle piantagioni; i muri scrostati degli edifici abbandonati dai quali si intravedono le vecchie pubblicità della coca-cola; gli immensi campi coltivati; i signori e le signore afroamericane seduti nelle sedie a dondolo davanti alle modeste case di legno.

Il blues, nato nelle piantagioni di cotone del Sud, da secoli è lo strumento che aiuta i neri americani a trovare conforto in un paese dove sono stati schiavi, segregati e ora le vittime principali della violenza della polizia.

Birmingham è a solo un’ora e mezza di macchina, ma mi sembra d’aver viaggiato a ritroso nel tempo.

In una modesta casa verniciata di bianco circondata da ettari di campi coltivati, vive Clarence “Bluesman” Davis, 71 anni, di professione contadino e bluesman. Ad accompagnarmi c’è Jock Webb, 53 anni, meccanico d’auto e suonatore d’armonica di Birmingham. Jock e Clarence si sono conosciuti più di 20 anni fa, grazie al loro amico Willie King e da 8 anni suonano assieme.

Clarence Davis ci accoglie con un abbraccio e tanti sorrisi e abbiamo il privilegio di scambiare quattro chiacchiere con lui.

Un documentario su Willie King,  The real baptizing.

 

  • Autore articolo
    Francesca Mereu
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 01/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 01/12/2022 delle 19:52

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 01/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/01/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 01/12/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 12/01/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 01/12/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 12/01/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 01/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 01/12/2022

    1-Ucraina. Al fronte scene da prima guerra mondiale. A Kiev la popolazione al gelo continua a resistere. ( Emanuele Valenti,…

    Esteri - 12/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 01/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 01/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/01/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 01/12/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 12/01/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 01/12/2022

    Ospiti della puntata i Giuditta, che al telefono ci hanno invitato ali live al Bloom di Mezzago, e Max Casacci,…

    Jack - 12/01/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 01/12/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 12/01/2022

  • PlayStop

    Gioielli di famiglia

    quando chiediamo agli ascoltatori di raccontarci delle loro dismissioni patrimoniali al fine di portare a casa la grana e poi…

    Poveri ma belli - 12/01/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 01/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la rassegna Musica nei Cieli, un progetto…

    Cult - 12/01/2022

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 01/12/2022

    La geopolitica del gas e l’inflazione. L’Europa taglia gli acquisti da Mosca, ma al suo posto trova un esoso fornitore…

    Pubblica - 12/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 01/12/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 12/01/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di giovedì 01/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 01/12/2022

    REGIONALI LOMBARDIA, L'ALLEANZA LA DECIDE MILANO O ROMA? Con Michele Usuelli consigliere di +Europa, Vinicio Peluffo segretario regionale PD e…

    Prisma - 12/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 01/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/01/2022

Adesso in diretta