Approfondimenti

Cinesi? Cittadini del mondo. Gli europei? No

Vi sentite cittadini di un Paese o cittadini del mondo? Come cambia l’identità degli abitanti del pianeta? L’istituto di ricerca Globescan – per conto della tv britannica Bbc – lo ha chiesto a 20mila abitanti di 18 Paesi. Per la prima volta in 15 anni il numero di chi si sente cittadino “globale” supera quello di chi si sente cittadino di uno Stato (il sondaggio viene regolarmente ripetuto dal 2001).

Questa tendenza è guidata dai Paesi delle economie emergenti in Asia, Africa e Sudamerica, mentre nella vecchia Europa il trend è contrario: la gente pone sempre di più la sua identità all’interno dei confini nazionali. Eppure prima della crisi finanziaria del 2008 non era così. Anche in Europa l’identità “globale” era in espansione. Dal 2009 in poi i cittadini europei si “chiudono” dal punto di vista identitario. E’ interessante notare che prima di quella data le percentuali in Europa e nel resto del mondo erano simili.

L’identità globale è particolarmente forte (e in rapida crescita) in Paesi come la Nigeria (73%), la Cina (71%), il Perù (70%) e l’India (67%). Per contrasto solo il 30% dei tedeschi si sente cittadino del mondo. La percentuale era del 43% nel 2009. In Europa l’identità globale più forte è fra gli spagnoli. I russi sono i più nazionalisti, fra tutti i Paesi del sondaggio.

Eppure la popolazione mondiale è pronta per una società multietnica. Il sondaggio rivela che la maggior parte degli interpellati nei 18 Paesi approva matrimoni multienici (75%) e l’arrivo – nel proprio Paese – di immigrati (63%) e rifugiati che scappano da una guerra (62%). L’istituto di ricerca sottolinea un risultato anomalo per i tedeschi, che rispetto all’accoglienza dei rifugiati quest’anno rispondono con un’alta percentuale di “non so” o “dipende”. Tuttavia una maggioranza di tedeschi continua ad approvare l’accoglienza dei rifugiati siriani (54%).

Nell’elenco dei paesi oggetto della ricerca non c’è l’Italia, ma ci sono diversi Paesi a noi vicini. Gli spagnoli sono fra i popoli che più si sentono cittadini globali in Europa (54%). Gli indonesiani sono i meno nazionalisti di tutti, ma il motivo è che si identificano fortemente con la loro comunità locale (56%) piuttosto che con il loro Paese; per i pakistani l’identità religiosa (43%) è più forte di quella nazionale. Ma l’identità religiosa è importante anche negli Stati Uniti (15%) mentre è minima in Europa (5%).

Global - Criteri di identità

Ma cosa vuol dire sentirsi cittadini del mondo? Il termine può avere molteplici significati. Per alcuni può essere l’impulso altruistico ad affrontare problemi globali, come il riscaldamento climatico o le disuguaglianze economiche. Per altri può essere la possibilità di sentirsi in contatto – tramite la rete o i social media – con altre parti del pianeta e condividere idee, valori o esperienze. Può essere la possibilità di emigrare o di viaggiare perché il costo dei viaggi aerei è sempre più accessibile anche nei paesi in via di sviluppo. Può essere l’esperienza di vivere in una famiglia multietnica, multinazionale o con radici in nazioni diverse. O tutte queste cose insieme.

Fonte dei grafici: Globescan

  • Autore articolo
    Michela Sechi
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

Adesso in diretta