Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 17/02 delle ore 18:33

    GR di lun 17/02 delle ore 18:33

    Giornale Radio - 17/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 17/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 17/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 17/02 delle 07:15

    Metroregione di lun 17/02 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 17/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 17/02

    Ora di punta di lun 17/02

    Ora di punta – I fatti del giorno - 17/02/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 17/02 (seconda parte)

    Malos di lun 17/02 (seconda parte)

    MALOS - 17/02/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 17/02 (prima parte)

    Malos di lun 17/02 (prima parte)

    MALOS - 17/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 17/02 (seconda parte)

    Due di due di lun 17/02 (seconda parte)

    Due di Due - 17/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di lun 17/02 (prima parte)

    Due di due di lun 17/02 (prima parte)

    Due di Due - 17/02/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 17/02 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 17/02 (seconda parte)

    Senti un po’ - 17/02/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 17/02 (prima parte)

    Senti un po' di lun 17/02 (prima parte)

    Senti un po’ - 17/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 17/02

    Si parla con Dr.ssa Silvia Goggi, medico e nutrizionista, del suo libro E' facile diventare un po' più vegano, Rizzoli…

    Considera l’armadillo - 17/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di lun 17/02

    Radio Session di lun 17/02

    Radio Session - 17/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di lun 17/02

    Tazebao di lun 17/02

    Tazebao - 17/02/2020

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 17/02

    Radio Agora' di lun 17/02

    Radio Agorà - 17/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 17/02

    ARIANNA FARINELLI - GOTICO AMERICANO - Presentato:LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 17/02/2020

  • PlayStop

    Cult di lun 17/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, fabrizio de andré e pfm il concerto ritrovato, walter veltroni, dori ghezzi, barbara sorrentini, luca ronconi l'infinita…

    Cult - 17/02/2020

  • PlayStop

    Cult di lun 17/02 (prima parte)

    ira rubini, cult, fabrizio de andré e pfm il concerto ritrovato, walter veltroni, dori ghezzi, barbara sorrentini, luca ronconi l'infinita…

    Cult - 17/02/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di lun 17/02

    Doppio Click di lun 17/02

    Doppio Click - 17/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/02 (terza parte)

    Microfono aperto: ha fatto bene il candidato di Macron per la poltrona di sindaco di Parigi a fare un passo…

    Prisma - 17/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/02 (seconda parte)

    Cosa rischia Patrick Zaki e come mobilitarsi per salvarlo. Con Francesco Battistini inviato del Corriere della Sera a Mansoura, Chiara…

    Prisma - 17/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 17/02 (prima parte)

    Progetti di unità a sinistra, con Elly Schlein e Daniela Preziosi (il manifesto) (prima parte)

    Prisma - 17/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 17/02

    Rassegna stampa internazionale di lun 17/02

    Rassegna stampa internazionale - 17/02/2020

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 17/02

    Di Lunedi di lun 17/02

    DiLunedì - 17/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

L’Italia non corre per la Palma d’Oro

Niente film italiani in concorso al Festival di Cannes, in un programma che elenca molte opere europee. Lo spagnolo Pedro Almodovar, i belgi Dardenne, i francesi Olivier Assayas, Nicole Garcia e Alain Guiraudie. L’inglese Ken Loach e i due romeni Christian Mungiu e Cristi Puiu. Oltre al danese Nicolas Windinfg Refn, il fiammingo Paul Verhoeven e il tedesco Maren Ade.

In effetti in questo panorama così ricco, sorprende che nessun film italiano sia stato considerato al livello di quelli citati. Nessun Sorrentino, Moretti, Garrone pronti per sfilare a maggio sul tappeto rosso della Croisette. Ma tutti gli altri? Qualche piccola produzione indipendente per esempio? Ci sono e si trovano nelle sezioni parallele: Pericle il nero di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio, L’ultima spiaggia di Davide Del Degan e Thanos Anastopoulos. E ancora Fiore di Claudio Giovannesi e di I tempi felici arriveranno presto di Alessandro Comodin. Ma ci sono anche film un po’ meno “piccoli”, che potrebbero stare in concorso: Fai bei sogni di Marco Bellocchio (già passato in gara a Cannes con Vincere) e La pazza gioia di Paolo Virzì.

Tra gli altri registi selezionati in concorso Sean Penn, Brillante Mendoza, Xavier Dolan, Jim Jarmush.

L’apertura sarà l’11 maggio con Cafè Society di Woody Allen. E la presenza di film dagli Stati Uniti è più consistente del solito: oltre ai già citati ci saranno i nuovi film diretti da Steven Spielberg, Jodie Foster, Jeff Nichols, Shane Black, Matt Ross, Michael O’Shea.

Nonostante il delegato generale Thierry Frémaux abbia dichiarato che “dopo le conferme dei tre autori italiani consacrati lo scorso anno, quest’anno la presenza è certamente meno forte. È andata così, ma l’Italia ci è molto cara e l’affiche del festival lo testimonia, mentre Pericle in nero è testimone del talento della giovane generazione italiana”. Il poster di questa edizione del festival è dedicata al film Il disprezzo di Jean-Luc Godard, tratto dall’omonimo romanzo del 1954 di Alberto Moravia.  

Di questa assenza italiana nella gara per la Palma d’Oro, chissà che la risposta non sia da trovare a casa nostra, piuttosto che in Francia.

Qui il programma completo dal sito ufficiale del Festival di Cannes.

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni