Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Venerdì 10 luglio 2020

Conte Governo Mose

Il racconto della giornata di venerdì 10 luglio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia alla scontata proroga dello stato di emergenza fino alla fine del 2020. La Lega si accosta alla sinistra per provare a conquistare la Toscana, mentre il Tar di Trento ha accolto il ricorso presentato dai gruppi animalisti contro l’ordinanza di abbattimento dell’orsa JJ4. In Turchia il destino di Aya Sofya è nelle mani di Erdoğan. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Salgono per il terzo giorno consecutivo i contagi in Italia. Sono 276 nelle ultime 24 ore, ieri erano stati 229. Quasi la metà, 135, in Lombardia; 53 in Emilia Romagna e 23 nel Lazio. Quattro le regioni senza nuovi casi: Sicilia, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. Stabile il numero delle vittime 12 come ieri. Calano i ricoveri e i pazienti in terapia intensiva. Gli attualmente positivi in Italia sono 13.428, in calo di 31 unità.
Oggi sono stati comunicati anche i dati del monitoraggio settimanale. Il Ministero della Salute conferma che l’impatto dell’infezione in Italia resta a bassa criticità ma il virus continua a circolare provocando focolai anche di dimensioni rilevanti. 5 le regioni con un indice Rt superiore a 1 dunque sopra il livello di guardia, sono Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Lazio e Piemonte.

Verso la proroga dello stato di emergenza in Italia

(di Anna Bredice)

Ci avviamo verso la proroga dello stato di emergenza fino alla fine dell’anno”. L’annuncio l’ha fatto il presidente del Consiglio Conte questa mattina a Venezia, mentre era in corso la prova di funzionamento del Mose, “non è una passerella” ha aggiunto Conte, e invece aveva proprio tutta l’aria di un evento che lo mette nuovamente al centro della scena, come era accaduto con gli Stati generali. E ora ha fatto l’annuncio della proroga dello stato di emergenza che scade il 31 luglio, un allungamento che potrebbe essere nelle cose, visto che il virus continua a girare e si è deciso di bloccare l’arrivo in Italia dei passeggeri provenienti da 13 paesi con la pandemia in corso, ma per la forma è il modo con cui è stato dato l’annuncio si stanno creando parecchi malumori non solo nell’opposizione come è naturale, ma anche nel Pd e il deputato Stefano Ceccanti ne ha dato voce, “se Conte, ha detto, vuole prorogare lo stato di emergenza venga prima in Parlamento a spiegarne le ragioni”. C’è una pressione da parte del Ministero della Sanità e del comitato scientifico affinché lo stato di emergenza prosegua, per essere in grado, se dovessero in autunno, riaprirsi focolai importanti, di intervenire con i famosi Dpcm. C’è anche il fattore scuola, inoltre, con le decisioni per il rientro a settembre che sono ancora molto indietro, si sa solo che ci sarà bisogno di milioni di mascherine ha detto Arcuri questa mattina. Ma per le opposizioni, e forse il sospetto anche per alcuni nella maggioranza, è che lo stato di emergenza blocchi anche il governo nella condizione attuale, rendendo impossibile un ritorno alla normalità delle dinamiche politiche, che potrebbero verificarsi dopo il voto delle regionali, con una crisi di governo o cambi di maggioranza.

La strategia della Lega per la Toscana

(di Luigi Ambrosio)

Non è la prima volta che spunta il paragone tra la Lega e la sinistra. Lo avevano già proposto Bossi e lo stesso Salvini in passato. Lo fece, 25 anni fa, uno che nel Pci ci era cresciuto, Massimo D’Alema, definendo la Lega “costola del movimento operaio”. Oggi la Lega è uno dei partiti più importanti della destra internazionale e l’accostamento fa scandalo.
Salvini sa che esiste una quota di elettorato che fu di sinistra che oggi guarda alla destra sovranista. In Italia e in tutto il Mondo occidentale. Basti pensare alle dinamiche del voto a Trump o a quelle del referendum sulla Brexit. O alle diffuse simpatie putiniane. E oggi c’è un obiettivo elettorale. Dopo l’estate si voterà per le regionali e per la prima volta la Toscana è diventata terra contendibile. Una regione che dopo gli ultimi appuntamenti elettorali è già finita ampiamente nelle mani della destra, sulla fascia costiera penalizzata dalla crisi e non solo. Ex bastioni rossi come Siena e Pisa sono finiti a destra. La candidata leghista ha rivendicato un Dna familiare resistenziale e di sinistra. Sostiene di riscuotere simpatie a sinistra. La Lega ha una strategia: costringere il centrosinistra al ballottaggio e poi mobilitare tutti i voti di destra, dividendo la sinistra che al primo turno non è unita, non tanto per prendersi quei voti ma per far si che gli elettori di sinistra, delusi, se ne restino a casa. Salvini parla di Berlinguer e non è solo un modo per attirare l’attenzione mediatica. In gioco ci sono elezioni il cui esito potrebbe terremotare il Governo

Trento, sospesa l’ordinanza di abbattimento dell’orsa JJ4

Il Tar di Trento ha accolto il ricorso presentato dai gruppi animalisti contro l’ordinanza di abbattimento dell’orsa JJ4 firmata dal presidente della Provincia autonoma, Maurizio Fugatti, in seguito all’aggressione di due persone. Il tribunale sancisce la sospensione dell’ordinanza richiamando il principio di proporzionalità:
c’è quindi – hanno deciso i giudici – la necessità di mettere in campo altre soluzioni prima di considerare l’uccisione dell’animale.

Marco Galaverni del WWF, una delle associazioni che hanno fatto ricorso al Tar:

 

Turchia, il destino di Aya Sofya nelle mani di Erdoğan

(di Serena Tarabini)

Il consiglio di Stato Turco ha rimesso il destino di Aya Sofya – Santa Sofia nelle mani del Presidente Erdoğan. Si tratta di un pronunciamento storico in quanto annulla una risoluzione che risale al 1934, quando il fondatore della Repubblica Turca, il laico e progressista Mustafa Kemal Atatürk decise che il magnificente edificio nato basilica sotto il Sacro Romano Impero e convertito in moschea dopo la conquista ottomana, doveva diventare un museo. Oggi l’area antistante il monumento è stata transennata dalle autorità turche per scoraggiare eventuali manifestazioni, magari anche accese in quanto il riemergere della questione riconversione a moschea anche in questa occasione, come è ovvio, è stato accompagnato dalle forti lamentele provenienti dalle realtà laiche ed ortodosse del paese e anche di quelle estere. Le motivazioni con cui la massima autorità giuridica turca ha giustificato l’annullamento del decreto precedente sono tecniche, mentre la decisione di Erdoğan avrà una forte valenza politica: un messaggio sia all’elettorato turco di fede islamica in un momento di forte crisi interna del governo, sia a tutto il mondo musulmano. Il presidente per il momento ha firmato un decreto che trasferisce la proprietà dell’edificio al Direttorato degli affari religiosi, e questa sera è atteso un suo discorso in televisione.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 19:52

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 19:52

    Rassegna Stampa - 26/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 26/11/20

    Funk shui di gio 26/11/20

    Funk shui - 26/11/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 25/11/20

    Jazz Ahead di mer 25/11/20

    Jazz Ahead - 26/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 25/11/20

    A casa con voi di mer 25/11/20

    A casa con voi - 26/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 25/11/20

    speciale maradona, giornata contro la violenza sulle donne, paulette

    Esteri - 26/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 25/11/20

    Ora di punta di mer 25/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 25/11/20

    Sunday Blues di mer 25/11/20

    Sunday Blues - 26/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 25/11/20

    Uno di Due di mer 25/11/20

    1D2 - 26/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 25/11/20

    Considera l'armadillo mer 25/11/20

    Considera l’armadillo - 26/11/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 25/11/20

    Jack di mer 25/11/20

    Jack - 26/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 25/11/20

    Stay Human di mer 25/11/20

    Stay human - 26/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 25/11/20

    Giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne. Memos ha ospitato la statistica Linda Laura Sabbadini che dal prossimo primo…

    Memos - 26/11/2020

  • PlayStop

    Stefania Prandi, Le conseguenze

    STEFANIA PRANDI - LE CONSEGUENZE presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 26/11/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 24/11/20

    Alice si risveglia dal paese delle meraviglie. Alice Cavicchioli,“esperta per esperienza” di problemi della psiche, racconta su Facebook il suo…

    Psicoradio - 26/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 25/11/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, sergio ferrentino, radioamarcord, barbara sorrentini, lella costa, invictae podcast, audible, tiziana ricci, il luogo…

    Cult - 26/11/2020

Adesso in diretta