Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Sabato 8 agosto 2020

Giuseppe Conte MES

Il racconto della giornata di sabato 8 agosto 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia ai contenuti del “decreto agosto”. Il ministero della salute ha reso più facile la procedura per l’aborto farmacologico; manifestazione tesa a Beirut contro il governo; sono passati sei mesi dall’arresto dello studente dell’università di Bologna Patrick Zaki. Morto a 92 anni don Pedro Casaldaliga, una vita dedicata ai più deboli in Brasile. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

I contagi per coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, si sono registrati 347 nuovi casi, 205 in meno rispetto all’aumento di ieri. In aumento, invece, il numero delle vittime: 13 in un giorno a fronte alle 3 registrate venerdì. Dei nuovi casi, 76 sono stati rilevati in Lombardia, 63 in Veneto, 44 in Emilia Romagna, 31 in Piemonte, 28 in Sicilia, 23 in Toscana e 20 nel Lazio; le sole regioni senza nuovi casi sono Sardegna e Molise. Il totale dei contagiati da inizio emergenza è di 250.103. Le vittime sono 35.203. I guariti sono 305: il totale sale cosi a 201.947.

I contenuti del “decreto agosto”

(di Andrea Monti)

La cassa integrazione legata all’emergenza si allunga di 18 settimane, di cui nove saranno utilizzabili gratuitamente solo dalle imprese che nei primi sei mesi dell’anno hanno avuto un calo del fatturato di almeno il 20% rispetto allo stesso periodo del 2019. Le altre aziende dovranno pagare una somma compresa tra il 9 e il 18% degli stipendi non versati nel periodo per cui chiedono l’ammortizzatore. Ancora sospesi i licenziamenti collettivi. Quelli individuali non saranno possibili per i datori di lavoro che non hanno usato tutta la cassa integrazione e l’esonero dai contributi previdenziali resi disponibili dal governo. Il blocco però non salverà il posto di chi è occupato in imprese che interrompono definitivamente l’attività. Confermato l’allentamento delle restrizioni sui contratti a termine: potranno essere rinnovati  senza causale per una sola volta e per un massimo di 12 mesi, fermo restando il limite complessivo di 24 mesi per questo tipo di rapporti. Tra gli altri interventi una proroga del cosiddetto reddito d’emergenza, con altri 400 euro per le famiglie in difficoltà, indennità da mille euro per alcune categorie di lavoratori, come quelli dello spettacolo e gli stagionali del turismo, e mezzo miliardo per recuperare prestazioni sanitarie sospese a causa del coronavirus. Infine le tasse, con misure come le proroghe al 15 ottobre per la sospensione dei termini dei versamenti da cartelle di pagamento e al 31 dicembre per l’esonero dalle imposte sull’occupazione di spazi pubblici per i ristoranti.

Rimossi gli ostacoli all’aborto farmacologico

Presto il ministero della Salute emanerà le nuove linee di indirizzo per l’utilizzo della RU486 nell’interruzione volontaria di gravidanza. Le precedenti risalivano a 10 anni fa e davano molta discrezionalità alle Regioni. Tanto che la presidente dell’Umbria, la leghista Donatella Tesei, a giugno aveva impedito la somministrazione in day hospital e imposto un ricovero di tre giorni, un tempo superiore a quello dell’aborto chirurgico.
Ora il Consiglio superiore di sanità ha fornito su richiesta al ministero della Salute un parere in cui si definisce sicuro l’aborto farmacologico, anche in ambulatorio.
La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa ci anticipa quale sarà il contenuto delle nuove linee di indirizzo

Soddisfatti i movimenti femministi e delle donne, che erano scesi in piazza per protestare contro le restrizioni imposte in Umbria e per chiedere di rimuovere gli ostacoli per accedere all’aborto farmacologico.
Protestano parte delle destre, i movimenti antiabortisti, gli oltranzisti cattolici che organizzarono il congresso delle famiglie a Verona e il quotidiano dei vescovi, Avvenire.
Il tema dell’aborto ha negli anni visto una opposizione trasversale ai partiti.
Ma secondo Sandra Zampa questa volta non ci saranno problemi e le linee di indirizzo dovrebbero essere disponibili a giorni.

Manifestazione antigovernativa a Beirut

A Beirut è stato il giorno della rabbia. Così hanno chiamato la manifestazione anti governativa dopo la catastrofe del porto. Migliaia  nella grande “Piazza dei martiri” e nelle vie adiacenti del centro città devastato dalle esplosioni di martedì. Ci sono stati momenti di scontro tra i manifestanti e le forze di polizia che hanno anche sparato dei gas lacrimogeni. 

Carla Mardini, cittadina libanese, 45 anni, ha studiato in Olanda, lavora nel settore della cultura a Beirut, la sua città. Sta partecipando alla protesta. Alessandro Principe ha raccolto la sua testimonianza. 

Abbiamo poi chiesto a Carla Mardini di spiegarci in cosa consiste il malgoverno che lei, come tanti altri cittadini libanesi, sta denunciando…


Sei mesi dall’arresto di Zaki

Sono sei mesi che Patrick Zaki è stato arrestato. Lo studente egiziano, studente all’università di Bologna, è in carcere in attesa di giudizio. E’ accusato di propaganda sue attività sovversive. Il processo viene continuamente rimandato a e la detenzione preventiva rinnovata.  Amnesty International lancia oggi una campagna per sostenere Zaki e non dimenticare la sua situazione….

Riccardo Noury, portavoce di Amnesty:

 

Morto a 92 anni il vescovo missionario Pedro Casaldaliga

(di Alfredo Somoza)

Era arrivato dalla Catalogna in Amazzonia 52 anni fa Don Pedro Casaldaliga, e divenne presto un punto di riferimento per indigeni e contadini poveri. Una Chiesa che era stata in passato dalla parte dei latifondisti e che con Don Pedro, diventato esponente di spicco della Teologia della Liberazione, si metteva al servizio degli ultimi impegnandosi soprattutto sul fronte del diritto e della tutela della foresta. Ma Casaldaliga era anche scrittore e poeta, suoi i versi scelti da Papa Francesco per illustrare la sua recente esortazione apostolica Querida Amazonia. Era stato vicino a Milano, dove era in stretto contatto con il mondo cattolico progressista, e alcuni suoi versi divennero musica grazie al rimpianto maestro Martinho Lutero. Casaldaliga, che era stato più’ volte minacciato di morte dai latifondisti, aveva anche dovuto trascorrere mesi nascosto per sfuggire ai sicari. Ma non sono mai riuscito a zittirlo, il suo motto era “non possedere niente, non chiedere niente, non tacere niente, e nel frattempo, non uccidere niente”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 7:14

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 17/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 17/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 17/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 16/05/2022

    1- Guerra in Ucraina. Dopo la Finlandia anche la Svezia chiederà di fare parte della Nato. Putin afferma che la…

    Esteri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

Adesso in diretta