Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Mercoledì 6 maggio 2020

Giuseppe Conte

Il racconto della giornata di mercoledì 6 maggio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia diffusi oggi al punto della situazione sul nuovo decreto economico alle previsioni sull’entità della crisi economica nella zona Euro. La situazione a Milano e Lecco a pochi giorni dalle prime riaperture, mentre anche la Germania sta continuando ad allentare la presa. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

I numeri dell’epidemia di coronavirus in Italia, diffusi come ogni giorno dalla Protezione Civile, segnano un piccolo peggioramento oggi. Rispetto agli ultimi giorni sono cresciuti sia il numero dei nuovi tamponi positivi, 1.444, sia quello dei decessi: sono stati 369, dopo giorni in cui il numero si era mantenuto intorno a 200. Il ricorso a ricoveri e terapie intensive, comunque, continua a calare.
Si registrano oggi anche moltissimi guariti, circa 8mila, e di conseguenza una diminuzione molto evidente nel numero delle persone attualmente positive, che calano a 91mila (quasi settemila meno di ieri). Il dato però rappresenta la somma dei guariti di più giorni, una questione di contabilizzazione, dunque.
Tutte le Regioni hanno registrato oggi almeno un nuovo caso. Ma l’andamento dell’epidemia è, come si sa, molto diversificato. Più della metà dei nuovi casi di oggi (764) sono stati registrati in Lombardia. Tra le altre regioni più colpite dal coronavirus, il Piemonte, con 165 casi, l’Emilia Romagna con 104, il Veneto con 77 casi. Da segnalare oggi il caso del Molise, prima regione italiana a non aver più nessun ricoverato in terapia intensiva per COVID.

Decreto economico. A che punto siamo?

(di Anna Bredice)

Bisogna affrettarsi per approvare già questa settimana il decreto“. Sono le parole di Giuseppe Conte che durante uno degli incontri con una associazione industriale ha voluto mandare un messaggio non solo agli interlocutori, imprese e sindacati, ma soprattutto alla sua maggioranza. Vuole superare le divergenze e approvare questo terzo decreto economico, il più ampio nella risorse stanziate, atteso da molti, e soprattutto da chi finora non ha avuto nulla, ad esempio quella categoria di famiglie che attendono il nuovo reddito definito di emergenza, che non riescono ad andare avanti nonostante il bonus spese e altri sostegni.
Un messaggio a tutta la maggioranza, che su poco sembra essere d’accordo. Sulla regolarizzazione dei migranti c’è uno stallo, la Ministra dell’Agricoltura Bellanova attende che la collega Catalfo, dei Cinque Stelle, le indichi una mediazione possibile e mette sul tavolo le dimissioni se non otterrà nulla, l’unica novità e che tra i Cinque Stelle comincia ad emergere una parte favorevole alla proposta di Bellanova di regolarizzare i migranti occupati, ma è meglio dire sfruttati nell’agricoltura. Ma Italia Viva lancia un’altra proposta destinata a far litigare, rivedere il decreto dignità riportando i contratti a termine e i voucher. E poi c’è la partita con le imprese, che chiedono i prestiti a fondo perduto e che non sono d’accordo con la proposta di una riduzione dell’orario di lavoro, ad uguale stipendio, anche se la parte di non lavoro verrebbe pagata dallo Stato con corsi di formazione. Si aspettano molto da questo decreto, un piano di investimenti, così come attendono le famiglie e i lavoratori. Conte non vuole perdere altri giorni, entro fine settimana vorrebbe che il decreto venisse approvato dal Consiglio dei ministri.

La recessione più grande della storia dell’UE

(di Maria Maggiore)

La recessione più grande della storia dell’Unione, l’Italia insieme alla Spagna e alla Grecia i Paesi più colpiti, la nostra ripresa sarà più lenta degli altri, sia perchè abbiamo chiuso il Paese prima degli altri sia per la nostra esposizione con le esportazioni verso i mercati esteri anche loro colpiti. Le previsioni economiche più nere della storia europea sono state appena presentate dal commissario Paolo Gentiloni in una sala stampa vuota a Bruxelles con tutti i giornalisti collegati in video conferenza. Il Pil della zona Euro crollerà del 7,7% nel 2020 con la crisi dell’euro nel 2009 era sceso solo del 4,5 tanto per dare un’idea.
L’Italia perderà 9,5 punti del suo Pil anche se recupererà in parte nel 2021. Il nostro debito sta schizzando al 159% del Pil. Anche la Germania che soffre meno di noi, perde il 6,5% del suo Pil e vede la sua peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale perchè sarà colpita dal calo delle esportazioni. Così anche l’Olanda che si ritrova con Italia e Spagna tra i Paesi che recupereranno più lentamente. Gentiloni ha spiegato come il fondo di ripresa a cui sta lavorando la Commissione potrà alleviare in parte a questa crisi gigantesca e ha insistito sul bisogno di un buon equilibrio tra prestiti e donazioni per aiutare i paesi e anche offrir loro condizioni molto vantaggiose come rimborsi su 30-40 anni. Intanto il piano della Commissione che doveva essere presentato oggi è stato rimandato di qualche settimana perchè non c’è accordo con i governi. Questo ambizioso piano di bond europei sarà legato al bilancio europeo dei prossimi 7 anni che farà da garanzia ai bond, bisogna quindi prima trovare un accordo a 27 su cosa e quanto mettere in questo bilancio.

Milano dopo l’avvio della fase 2

(di Chiara Ronzani)

Se non fosse per la temperatura, potrebbe sembrare una domenica di fine luglio. Solo i lavoratori essenziali, negozi chiusi, mezzi pubblici semivuoti. I cantieri che non si possono fare d’inverno per via del troppo traffico. E invece no, nella Milano fase due mancano i turisti e così in piazza Duomo non c’è nessuno, nessuna fila ai musei, nessun manifesto con gli eventi. Le uniche réclame invitano alla prudenza, alla cura, alla responsabilità. Ad occhio non mancano.
Chi ha continuato a lavorare non nota alcun cambiamento, solo un po’ di traffico in più. Per chi invece è tornato ad uscire in questi giorni, la sensazione è quella di un rallentamento timoroso. Uno sguardo nuovo sul conosciuto, le piccole gioie riconquistate, un caffè da consumarsi fuori, ma intanto ci scappa una chiacchiera col barista, una corsa nel parco, i bambini, ricomparsi nello spazio pubblico che – racconta qualche genitore – manifestano una gioia incontenibile.
Una prima volta, qualcosa da pensare, da commentare tra sconosciuti con la voce filtrata dalla mascherina, da fotografare. Ma tutto a piccoli passi, anzi, a grandi falcate per allontanarsi da chi si rischia di incrociare.

La fase 2 a Lecco

(di Martina Stefanoni)

Anche a Lecco, la vita sembra essere pian piano ripartita. Il lungolago si è ripopolato in fretta di ciclisti, runners e famiglie e il traffico ha ricominciato a spezzare il lungo silenzio che aveva dominato negli ultimi mesi.
Dopo due mesi di stop è tornato anche il mercato cittadino che, per motivi di sicurezza, è stato trasferito – almeno fino al 16 maggio – in centro città. Non possono riprendere, invece, le passeggiate in montagna che per i lecchesi fanno parte della normalità più quotidiana. La decisione del sindaco di Lecco Virginio Brivio di mantenere i sentieri chiusi ancora per due settimane ha infatti già sollevato diverse polemiche. “Ancora non è chiaro – ha spiegato il sindaco Brivio – se da un punto di vista normativo possiamo o meno limitare l’accesso ai soli residenti a Lecco. Aprendo in maniera indiscriminata rischiamo di dover gestire un afflusso significativo di persone provenienti da ogni dove“. Ha aggiunto poi che un’ulteriore preoccupazione nasce dai possibili incidenti che potrebbero avvenire in vetta dopo due mesi di fermo per la popolazione.
Intanto, mentre il trend dei contagiati a Lecco continua ad essere promettente con solo dieci nuovi positivi registrati nella giornata di oggi, gli 84 sindaci della provincia hanno ribadito con una lettera il divieto di spostarsi in macchina per fare sport, nonostante il prefetto di Lecco Michele Formiglio avesse ricordato che il provvedimento andava contro le decisioni governative. Il presidente della Provincia Claudio Usuelli a nome di tutti i colleghi ha precisato: “Vogliamo evitare che alcuni paesi siano invasi da troppe persone con il rischio di una nuova ondata di contagi“. Per ora quindi le ordinanze restano e Lecco riprende con grande prudenza.

La Germania continua gradualmente a riaprire

(di Flavia Mosca Goretta)

La Germania continua gradualmente a riaprire. Lasciando alle Regioni in sostanza l’autonomia sulle decisioni: le situazioni locali sono differenti, si riparte in maniera diversa, è la linea dopo la riunione tra la Cancelliera Merkel e i Laender. Con un limite: i nuovi contagi da COVID-19 devono restare, per distretto, sotto i 50 ogni 100 mila abitanti in una settimana. Lì dove si andrà oltre, si rimetteranno locali restrizioni. In generale, entro l’estate gli studenti torneranno sui banchi. Per i negozi cade la soglia degli 800 metri quadrati di superficie. I ristoranti potranno pian piano riprendere l’attività. Sarà permesso di nuovo andare a trovare pazienti in cliniche o ospizi. E da metà maggio può ripartire la Bundesliga – ma in stadi vuoti. Resta il distanziamento minimo di un metro e mezzo e l’obbligo di mascherine. Le limitazioni ai contatti sono prolungate al 5 giugno – ma ora possono incontrarsi anche gli appartenenti a due famiglie o nuclei diversi. Merkel ha spiegato che è stato raggiunto l’obiettivo di rallentare il diffondersi del virus. La primissima fase della pandemia è alle spalle, ha detto. Avvertendo però: con il Coronavirus avremo a che fare ancora a lungo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 26/05/2022

Adesso in diretta