Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Martedì 4 agosto 2020

numeri COVID-19 - Indicazioni governo

Il racconto della giornata di martedì 4 agosto 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia alla devastante esplosione in un deposito di fuochi d’artificio nell’area del porto di Beirut. 4 indagati in Campania nell’inchiesta sugli ospedali COVID, mentre la Procura di Como indaga sui decessi nelle RSA della città durante la pandemia di COVID-19. La legge contro l’omotransfobia è arrivata al Senato e si preannuncia qualche difficoltà e sulla questione dei migranti il Ministero dell’Interno annuncia che dal 10 agosto saranno rimpatriate in Libia fino ad 80 persone a settimana. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Risalgono i contagi per coronavirus in Italia: secondo i dati del Ministero della Salute nelle ultime 24 ore si sono registrati 190 nuovi casi (ieri erano 159). I morti sono 5, in calo rispetto alla giornata di lunedì quando se ne erano registrati 12. Tre le regioni senza nuovi casi: Valle d’Aosta, Molise e Basilicata.
In Lombardia c’è stato un morto e 44 nuovi positivi, di cui 14 debolmente positivi e 4 a seguito di test sierologici, su un totale di circa 5600 tamponi effettuati. Tra le province, la più colpita Milano, con 19 casi, di cui 16 in città.

Libano, fortissima esplosione al porto di Beirut

(di Chawki Senouci)

Una fortissima esplosione ha devastato l’area del porto di Beirut. Secondo un portavoce del governo libanese ci sono almeno 10 morti e centinaia di feriti. L’esplosione sarebbe avvenuta in un deposito di fuochi d’artificio.
Le immagini sono molto impressionanti: si vede prima una colonna di fumo rossa e poi un onda d’urto che colpisce diversi palazzi. Quasi tutte le vetrine della parte orientale della capitale sono state distrutte.
Secondo il corrispondente della France press molte persone ferite stanno camminando, a piedi, per le strade dirette agli ospedali della città. Ancora nessuna certezza sulle cause.
La tremenda esplosione è avvenuta mentre il paese attraversa una delle più gravi crisi finanziarie degli ultimi anni. Il Libano è in default, Beirut è spesso al buio perché il governo non ha nemmeno i soldi per comprare del combustibile per le centrali elettriche.
E come se non bastasse venerdì prossimo sarà pronunciata dal Tribunale dell’Aja la sentenza sull’omicidio dell’ex premier Rafiq Hariri, ucciso 15 anni fa a Beirut. Alla sbarra quattro membri del movimento sciita Hezbollah.
Ed è per questo che l’esplosione di oggi ha fatto pensare subito al peggio, agli anni della guerra civile e agli attacchi israeliani. La pista dell’esplosione accidentale sarebbe il male minore per la popolazione libanese già stremata dalla crisi economica.

Il Viminale intensifica i rimpatri verso la Libia

(di Anna Bredice)

Fino a qualche settimana fa era stata solo la Ministra dell’Interno Lamorgese ad occuparsi dei migranti, era andata a Lampedusa e dopo aver incontrato alcuni medici aveva riferito che dai test sierologici erano risultati pochissimi casi di contagi COVID tra i migranti sull’isola, ma con il passare dei giorni pian piano la questione migranti legata al rischio dei contagi è diventato un argomento quasi fuori controllo, utilizzato dalla Lega, che ha preso di mira alcuni piccoli focolai nelle strutture di accoglienza per gridare nuovamente al pericolo, malgrado Salvini per giorni si sia mostrato abbracciato ai sui sostenitori senza mascherina. L’argomento è di una grande utilità per il capo leghista, non a caso oggi ha accusato il governo di incapacità e complicità sulla questione migranti proprio mentre in Liguria ha cominciato il suo tour elettorale. In questo modo il rischio è che si perdano le vere proporzioni di un problema, il responsabile di Euromed Rights oggi ha rivelato che a Lampedusa non c’è nessuna invasione. Se mai si stanno verificando degli arrivi di piccoli gruppi dalla Libia e dalla Tunisia su barchini, migranti che nel caso della Tunisia da qualche giorno vengono riportati indietro con dei voli charter, due alla settimana con 80 persone in totale. Il Partito Democratico ha accusato Conte di essere rimasto in silenzio troppo a lungo mentre Salvini iniziava la sua campagna contro il governo sull’immigrazione, un tema troppo scomodo forse per Palazzo Chigi mentre i sondaggi volevano a favore di Conte. Solo qualche giorno fa improvvisamente ha usato toni duri, parlando di migranti che sfuggirebbero alla sorveglianza sanitaria e da qui la necessità di essere duri e inflessibili, ma l’impressione è che Conte vorrebbe che fossero i partiti a gestire la questione, senza metterci troppo la faccia.

Campania, inchiesta sugli ospedali COVID: 4 indagati

Ospedali prefabbricati destinati a malati COVID, mai entrati in funzione o rimasti vuoti. Una vicenda che sotto molti aspetti ricorda quanto avvenuto in Lombardia con l’ospedale in Fiera, o nella Marche. Stavolta, a poche settimane dalle elezioni, la regione coinvolta è la Campania.
Nell’inchiesta sono indagati dirigenti regionali legati al potere politico e al presidente della regione del PD, Vincenzo De Luca. Con l’ipotesi di reato di turbativa d’asta e frode in pubbliche forniture, i 4 indagati dalla Procura di Napoli sono il consigliere regionale della lista “De Luca Presidente” Luca Cascone, il direttore generale dell’Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva, il presidente della società della Regione che gestisce gli appalti Corrado Cuccurullo, e Roberta Santaniello, membro della direzione nazionale del Pd e dirigente dell’ufficio di gabinetto di De Luca. Cascone avrebbe fatto da mediatore per gli approvvigionamenti di materiale sanitario, Santaniello era invece colei che doveva seguire tutte le procedure. Gli ospedali di Caserta e Salerno non sono mai entrati in funzione, per quello di Napoli la ditta appaltatrice aveva iniziato la costruzione prima ancora che fosse assegnato l’appalto. In tutto una spesa di oltre 20 milioni di euro.
L’indagine giudiziaria è nata grazie ad un’inchiesta giornalistica di FanPage del cronista Antonio Musella:

 

La legge contro l’omotransfobia arriva al Senato

La legge contro l’omotransfobia è appena arrivata in aula al Senato, ma è già a forte rischio. A rendere ancora più difficile la sua approvazione è un piccolo fatto politico: il passaggio di Enrico Costa da Forza Italia ad Azione, il partito di Calenda. Costa infatti è stato il garante dell’accordo in commissione tra FI e maggioranza che ha permesso alla legge di passare senza ostacoli, grazie ad un emendamento molto ambiguo che, testualmente, non ritiene punibile “la libera espressione delle idee”.
Ma o senza Costa di fatto quell’accordo non c’è più. Forza Italia ormai si schiera duramente contro la legge, Berlusconi in persona lo ha ribadito anche oggi in un’intervista. I voti di Forza Italia al senato servono, contando le defezioni già previste tra PD ed Italia Viva. Ed al momento, i numeri per farla passare non ci sono. “Serve tenere alta la mobilitazione” l’appello di Simone Alliva, giornalista e attivista LGBT:

 

Epidemia e omicidio colposo nelle case di riposo comasche

(di Fabio Fimiani)

Tutti le cartelle dei 363 morti nelle case di riposo comasche durante la pandemia COVID-19 saranno verificate dalla Procura della Repubblica della città. I magistrati nei giorni scorsi hanno mandato i carabinieri del nucleo antisofisticazioni ad acquisire la documentazione in diciassette residenze socio assistenziali della provincia e all’ospedale di Cantù.
L’indagine per epidemia e omicidio colposo è nata da ventisei esposti soprattutto di familiari delle vittime, ma anche del personale, compreso un medico, e vista l’entità è stata affidata a tre pubblici ministeri.
L’accusa di omicidio è dovuta per i casi di esposti dei familiari.
Tra le segnalazioni dei parenti quella di ritardi nel trasferimento dalle Rsa agli ospedali degli anziani ospiti ammalati durante l’emergenza.
I carabinieri del NAS hanno anche acquisito documentazione in altre otto strutture su richiesta del Ministero della Salute.
Tra il materiale sottoposto a indagine tutti i protocolli usati nell’emergenza, compresi quelli stabiliti da Ats Insubria, l’Agenzia Territoriale per la Salute delle province di Como e Varese, emanazione della Regione Lombardia.
La verifica riguarderà oltre all’organizzazione delle strutture sanitarie, anche la dotazione dei dispositivi di sicurezza individuale del personale. I problemi riscontrati in tante case di riposo in tutta la Lombardia e non solo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 23/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 23/04/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 23/04/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 23/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 23/04/21

    Serve And Volley di ven 23/04/21

    Serve&Volley - 23/04/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 22/04/21

    Rotoclassica di gio 22/04/21

    Rotoclassica - 23/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 22/04/21

    News Della Notte di gio 22/04/21

    News della notte - 23/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 22/04/21

    A casa con voi di gio 22/04/21

    A casa con voi - 23/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 22/04/21

    Ora di punta di gio 22/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 22/04/21

    1- Giornata della Terra. Per far dimenticare gli anni Trump, gli Stati Uniti hanno promesso di ridurre le emissioni di…

    Esteri - 23/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 22/04/21

    Sunday Blues di gio 22/04/21

    Sunday Blues - 23/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 22/04/21

    Uno di Due di gio 22/04/21

    1D2 - 23/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 22/04/21

    Considera l'armadillo gio 22/04/21

    Considera l’armadillo - 23/04/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 22/04/21

    Jack di gio 22/04/21

    Jack - 23/04/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Gianrico Carofiglio

    Settimo incontro del nuovo ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 23/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 22/04/21

    Stay Human di gio 22/04/21

    Stay human - 23/04/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 22/04/21

    Quali segnali arrivano dalla Germania della grande transizione politica, del passaggio da Angel Merkel ai suoi eredi? Memos è tornato…

    Memos - 23/04/2021

  • PlayStop

    Tiziano Tussi, Storia senza memoria

    TIZIANO TUSSI- STORIA SENZA MEMORIA - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 23/04/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 22/04/21

    ira rubini, cult, marco cacciola, massimo menunni, legge delega spettacolo, fotografia sociale, casa delle donne, tiziana ricci, bergamo film meeting,…

    Cult - 23/04/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 22/04/21

    37 e 2 di gio 22/04/21

    37 e 2 - 23/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 22/04/21

    La giornata mondiale della terra con Stefano Caserini ed Emanuele Bompan. Novità del decreto Covid, microfono aperto . Che fine…

    Prisma - 23/04/2021

Adesso in diretta