Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Martedì 3 novembre 2020

governo conte DPCM novembre

Il racconto della giornata di martedì 3 novembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia alle ultime indiscrezioni sul nuovo DPCM ormai in dirittura d’arrivo e il caos del Click Day per il bonus Mobilità. A Milano la banda del buco ha tentato il colpo al Crédit Agricole di Piazza Ascoli e la Cassazione ha condannato l’ex senatore Denis Verdini a sei anni di reclusione nel processo per fallimento del Credito cooperativo fiorentino. Negli Stati Uniti è partita la lunga giornata elettorale, mentre l’ISIS ha rivendicato l’attentato di ieri a Vienna. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Oltre 28mila i nuovi positivi. L’aumento delle vittime torna ai livelli di inizio maggio: 353 in più rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva aumentano di 203 in un solo giorno, 8 regioni oltre la soglia critica. 1274 i nuovi ricoverati.
Ma governo e regioni stanno ancora trattando sul nuovo decreto, che dovrebbe entrare in vigore dal 5 novembre al 3 dicembre. Confermata la divisione in 3 fasce, ma si litiga su quali restrizioni. Sul piano nazionale, il cosiddetto coprifuoco sarà dalle 22 alle 5.
La Lombardia sarà zona rossa: oggi 6.800 nuovi positivi, 40 ricoverati gravi e 117 morti.

Il commento di Vittorio Agnoletto, medico e nostro collaboratore:


 

Le ultime indiscrezioni sul nuovo DPCM

(di Anna Bredice)

Il Dpcm con le nuove regole probabilmente arriverà in nottata, è ancora lungo il confronto con le regioni che hanno ascoltato le proposte del governo e ora tornano al tavolo, in videoconferenza, con i ministri per le loro osservazioni o contestazioni. Ciò che è uscito dalla bozza presentata dal governo intorno alle 17 di oggi, e che quindi potrebbe non essere quella definitiva, prevede per la fascia rossa, nella quale rientrerebbero Lombardia, Calabria, Piemonte, Alto Adige e Val D’Aosta, il divieto di spostarsi tra le regioni a zona rossa e anche all’interno dello stesso territorio, al di fuori dei comuni di residenza, se non per motivi di studio, lavoro e di salute. Una chiusura quindi piuttosto forte che potrebbe essere stata contestata dai presidenti di queste regioni, che hanno fatto capire nei giorni scorsi di non volersi assumere la responsabilità di chiusure drastiche per non risponderne di fronte alle proteste della popolazione, ma che comunque hanno cercato di resistere a restrizioni così forti. Sempre nella fascia rossa andrebbe a distanza anche la didattica delle medie, a partire dalla seconda. Poi ci sarebbero le fasce arancioni e verdi, nelle prime rientrerebbe la Puglia, Liguria, Veneto e Campania, anche se quest’ultima potrebbe passare alla rossa, nella verde ci sono tutte le altre che devono seguire le restrizioni presentate da Conte ieri in parlamento, didattica a distanza nei licei, trasporti pubblici al 50 per cento, e centri commerciali chiusi il fine settimana. La decisione di far rientrare una regione in una fascia piuttosto che in un’altra, o passare da una all’altra nel corso di questo mese ricade sul ministro della salute con monitoraggi settimanali. Il confronto quindi è in corso e si vedrà solo nella versione definitiva se il governo è riuscito a mantenere fermi i punti decisi, a cominciare da quel cosiddetto coprifuoco alle 22, già frutto questo di un compromesso dentro al governo.

Il caos del Click Day per il Bonus Mobilità

(di Diana Santini)

Stavolta non c’erano in ballo grosse cifre e neppure una platea sterminata. E invece l’imbarazzante rituale del click day, che è di per sé una promessa tradita, si è trasformato nella solita farsa italiana delle procedure completamente informatizzate, senza stare a scomodare kafka. L’appuntamento sulla piattaforma è per le 9, e puntuale alle nove la piattaforma saluta e dà appuntamento a tutti per le 10: complimenti, sei il 577.253esimo, resta in attesa. Il sito è di una lentezza esasperante, poco dopo va in tilt anche il sistema di identità digitale delle poste. Il tempo concesso a ciascuno è 20 minuti, che trascorrono inesorabili mentre sullo schermo la rotellina gira, poi smette, poi rigira. E poi ciao, rimettiti in coda. Gli sviluppatori si sono concessi anche una punta di sadismo: una torta che rappresenta i fondi stanziati che via via si assottigliano, ora dopo ora, mentre gli utenti si arrabattano tra autorizzazioni, errori di sistema, muri incomprensibili. Forse qualcuno pensa, nella situazione in cui siamo, stiamo a parlare di biciclette? Sì: primo, perché in primavera qualcuno ha convinto i cittadini che per fare la propria parte nel contrasto all’epidemia una bici era un buon primo passo. E per qualcuno, per la maggior parte di noi, quelle poche centinaia di euro investiti di tasca propria sono soldi, anche se non sono i miliardi dell’Europa. Secondo, perché se sette mesi di tempo non bastano a predisporre la distribuzione ordinata di quattro soldi (120 milioni per la precisione), forse la prossima volta è più equo ed efficace organizzare un lancio di banconote dagli aereoplanini, e chi ce la fa ce la fa, per tutti gli altri premio di consolazione: una bella promessa fuori tempo massimo che i soldi arriveranno, prima o poi.

La banda del buco in azione al Crédit Agricole di Piazza Ascoli

(di Claudio Jampaglia)

L’imprevisto che non si aspettavano era la fuga di una dipendente che ha dato l’allarme alla polizia vanificando forse mesi di preparazione. La banda del buco era entrata probabilmente stanotte nella filiale del Crédit Agricole di Piazza Ascoli, davanti a un incrocio della circonvallazione assai trafficato, tra Porta Venezia e Città Studi e forse aspettava il direttore per farsi aprire il caveau, ma il direttore li ha visti e ha urlato “una rapina” prima di prendersi un colpo in testa con il calcio di una pistola. A quel punto però una delle due impiegate era già fuggita e i rapinatori, 5 o addirittura 6 secondo le ricostruzioni, avevano i minuti contati. L’ultimo è fuggito svuotando un estintore prima di infilarsi nei cunicoli da cui la banda era arrivata. I poliziotti hanno provato a inseguirli. Nel mercato di zona settimanale, tra le bancarelle si spargeva intanto il panico con segnalazioni fasulle. Ma dei ladri nessuna traccia. Né nelle cantine dei palazzi adiacenti, né nella rete dei tombini della fognatura aperti e perlustrati dagli uomini del pronto intervento delle metropolitane milanesi. Con loro sono sparite diverse cassette di sicurezza ma se il colpo sia stato sventato o sia riuscito ancora non si sa.

Verdini condannato in Cassazione a 6 anni di carcere

L’ex senatore Denis Verdini è stato condannato a sei anni di reclusione dalla Cassazione nel processo per fallimento del Credito cooperativo fiorentino. L’ex senatore di Forza Italia e di Ala era già stato condannato a 6 anni e 10 mesi di reclusione in appello, la Cassazione ha ridotto la pena di quattro mesi per la prescrizione di alcuni reati. Secondo fonti della difesa, Verdini si è costituito nel carcere di Rebibbia a Roma.

USA, al via la lunga giornata elettorale

(di Roberto Festa)

Una giornata elettorale che potrebbe concludersi chissà quando ha preso il via, all’alba di questa mattina negli Stati Uniti. E ha preso il via nel mezzo di una crisi sanitaria che non accenna a concludersi. Stati come la Pennsylvania e il Michigan, stati contesi e fondamentali nel decidere queste elezioni, sono proprio quelli dove il Covid sta colpendo di più. Deborah Birx, che fa parte della task force sanitaria della Casa Bianca, ieri ha messo in guardia. Il virus sta entrando in una fase acuta, che richiede un approccio più aggressivo. Oltre 100 milioni di persone, come dicevate, hanno già votato, attraverso l’early voting e il voto per posta, e questo dà a queste elezioni un carattere del tutto diverso, eccezionale rispetto al passato. Da stamattina, in tutto il Paese, si registrano comunque file lunghe, ai seggi. Sono andato in un seggio di East Harlem, qui a New York, e la gente ad aspettare in coda era tantissima, anche gente in carrozzella, portata dagli ospedali: a dare il senso della passione e partecipazione che queste elezioni hanno comunque suscitato. In alcune città, tra cui New York, Los Angeles, Detroit, Atlanta, diversi esercizi commerciali hanno chiuso, o messo assi di legno davanti alle vetrine. Si temono proteste e incidenti, stasera, all’arrivo dei primi risultati. Donald Trump, intervistato poco fa da Fox News, è stato invece piuttosto moderato nei toni. La preoccupazione è che il presidente possa dichiarare la sua vittoria all’arrivo di primi, parzialissimi risultati. Trump invece ha detto: Dichiarerò la vittoria quando c’è la vittoria, se c’è la vittoria. Il presidente è apparso stanco, dopo il tour de force di tanti comizi nelle ultime ore della campagna elettorale. Se l’è presa con I giudici della Corte Suprema, che con una sentenza hanno permesso alla Pennsylvania di scrutinare I voti arrivati per posta anche tre giorni dopo la chiusura delle urne. Questo è il vero, grande punto interrogativo di queste elezioni. Come avverranno I conteggi, cosa potrà essere scrutinato, e le battaglie legali che in alcuni Stati, per esempio la Pennsylvania, potrebbero scatenarsi proprio sui conteggi. La possibilità concreta è che la battaglia sul voto continui per giorni, acuendo la crisi politica e accelerando una crisi costituzionale senza precedenti qui negli Stati Uniti.

Vienna, l’ISIS rivendica l’attentato

L’Isis ha rivendicato l’attentato a Vienna. Lo riferisce il Site, il sito internet che monitora i social e i media legati all’Isis. Sono oltre una decina le persone fermate in queste ore per accertamenti. Secondo le autorità austriache però l’attentatore avrebbe agito da solo. “Al momento non ci sono indizi sul fatto che possa esserci stato anche un secondo attentatore, oltre al giovane ventenne neutralizzato dalla polizia”. Ha dichiarato nel pomeriggio il ministro dell’Interno austriaco. Il killer Identificato come Fejzulai Kujtim, 20 anni di origini macedoni, era stato condannato a 22 mesi di carcere nel 2019 per aver tentato di recarsi in Siria per unirsi all’Isis, ma era stato rilasciato il 5 dicembre con anticipo visto che rientrava sotto il regime della tutela dei minori. Le vittime civili dell’attentato di ieri sera sono 4, 22 i feriti. Oggi a Vienna le scuole sono rimaste chiuse e i cittadini invitati a non uscire di casa e tra poco in tutto il Paese scatteranno le restrizioni per il COVID. A Vienna abbiamo raggiunto Susanna Bastaroli, giornalista del quotidiano Die Presse:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 21/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 20/05/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 21/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 21/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 21/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 21/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 21/05/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 21/05/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 21/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 21/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 21/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 21/05/2022

    Il Polo del Novecento di Torino ospita la mostra “Più moderno di ogni moderno. Le geografie di Pier Paolo Pasolini”;…

    Good Times - 21/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 21/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 21/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 21/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 21/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 20/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 20/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 20/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 20/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 21/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Franco La Torre

    Quarto incontro di “Lezioni di antimafia”. “Giustizia Memoria Diritti” è il titolo del ciclo ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino…

    Lezioni di antimafia - 21/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 20/05/2022

    Dove si cerca di capire quanto si parli nella bolla di ascoltatrici e ascoltatori della lotta Milan/Inter per lo scudetto.…

    Muoviti muoviti - 21/05/2022

  • PlayStop

    i Fantastici Tre

    Piantagioni s01e24

    Poveri ma belli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Piantagioni s01e23

    Piantagioni s01e23

    Poveri ma belli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 20/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 21/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Ratanà

    Ratanà mette in palio un Menù Degustazione senza pensieri per 2 persone. Disma e Al1 hanno intervistato il proprietario e…

    Clip - 20/05/2022

Adesso in diretta