Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Martedì 26 maggio 2020

Salvini Regione Lombardia

Il racconto della giornata di martedì 26 maggio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia diffusi oggi al voto odierno della Giunta per le immunità del Senato sul processo a Matteo Salvini per il caso Open Arms. In vigore a Milano l’ordinanza restrittiva firmata da Beppe Sala sulla vendita degli alcolici da asporto, mentre in attesa della riapertura delle sale cinematografiche viene inaugurato il nuovo cinema virtuale #IoRestoInSala. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Sara Milanese)

Ad una settimana dal vero allentamento del lockdown, il numero di nuovi contagi per coronavirus in Italia continua a diminuire, mentre cresce quello dei dimessi e guariti, che oggi sono 2.677.
Sono 78 le persone morte in Italia di Coronavirus nelle ultime 24 ore secondo la Protezione Civile, si tratta dell’incremento più basso dal 2 marzo scorso.
Di queste vittime 22 sono in Lombardia, cioè il 28,2% del dato nazionale. Cresce rispetto a ieri il numero di nuovi positivi, oggi sono 397, quasi cento in più di lunedì, ma si tratta di un dato legato anche all’aumento del numero di tamponi effettuati, che oggi sono quasi 58mila, ieri erano stati 35mila.
Con 159 nuovi casi la Lombardia resta la regione che registra più positivi, da segnalare però anche un aumento di casi in Piemonte, 86, e in Liguria, 53. Sono 5 le aree d’Italia dove non si sono stati nuovi positivi: Sardegna, Calabria, Molise Basilicata e Bolzano; mentre in 9 regioni non ci sono stati decessi.

Open Arms, la Giunta per le Immunità salva Salvini

(di Anna Bredice)

In mattinata i renziani nella Giunta per le immunità si astengono dal votare per il processo Open Arms a carico di Salvini, nel pomeriggio una renziana in Regione Lombardia diventa presidente, grazie ai voti del centrodestra, della Commissione di inchiesta sulla gestione dell’emergenza coronavirus. Alcuni ritengono che più di un caso si tratti di uno scambio di favori tra Lega e Italia viva, in realtà per altri non è così, sarebbe troppo sfacciato e diretto considerarlo solo uno scambio. La scelta dei renziani soprattutto al Senato di non partecipare al voto sembra continuare la strategia di logoramento di Italia viva nei confronti del governo: continuare a segnare la propria diversità in tutti i campi, dal processo a Salvini al coronavirus, ponendo richieste sempre nuove, arrivando a mostrarsi sempre determinanti quando poi si tratta di votare in aula al Senato. La scelta in mattinata dei tre senatori renziani di non partecipare al voto insieme alla maggioranza è arrivata all’improvviso, non ha influito direttamente sull’esito, la giunta ha bocciato il processo a Salvini con 13 voti contro 7, perché anche l’ex grillino Giarrusso e una senatrice cinque stelle hanno votato con il centrodestra.
È comunque un segnale di rottura di un fronte compatto nella maggioranza, per i renziani la responsabilità di aver sequestrato l’Open Arms con le persone a bordo è anche di Conte, il capo del governo di cui fanno parte. Quando si arriverà in aula ancora una volta, come è accaduto con il ministro Bonafede, tutti attenderanno cosa faranno i renziani, spostando su di loro l’ago della bilancia per far andare avanti il governo. In Lombardia la scelta di votare una renziana a capo della commissione sembra quasi una provocazione, il PD e M5S avevano candidato un altro presidente, tutto il centrodestra ha votato Patrizia Baffi di Italia viva, una commissione – dice il Pd – addomesticata, che non sembra avere la legittimità per indagare ciò che è accaduto nella Regione. I consiglieri della minoranza vorrebbero crearne una parallela.

Milano, l’ordinanza restrittiva per gli alcolici da asporto

(di Mattia Guastafierro)

Distanziati, mascherati e ora rigorosamente seduti. Solo così, da oggi e fino al 15 giugno, i milanesi potranno celebrare il rito, appena riconquistato, dell’aperitivo. Il sindaco Giuseppe Sala ha firmato l’ordinanza. Dalle 19 alle 7 del mattino i locali non potranno più vendere alcolici da asporto. Niente più passeggiate con il drink in mano, niente più birra seduti in piazza. Il motivo: evitare gli assembramenti con le scene della movida viste nei weekend. Eppure, l’atmosfera del tardo pomeriggio milanese all’Arco della Pace, una delle zone osservate speciali del Comune, è stata sonnacchiosa.
Solo verso le 19 sono arrivate più persone su Corso Sempione, fino a poco prima semi-deserto. I giovani ai tavolini, tutti distanziati. Non si sentono colpevolizzati o il capro espiatorio di una eventuale seconda ondata, ma abbandonati. “Siamo figli di nessuno“, dice uno di loro. “È normale che ci attacchino, tanto non ci difende nessuno“. Più che per la limitazione del loro diritto alla spensieratezza, sono preoccupati per il destino dei loro pub preferiti. Senza l’asporto, i locali dell’Arco della Pace rischiano di rivivere l’incubo del lockdown.
Il 70% dei nostri incassi proviene dall’asporto“, dice una titolare. Un altro racconta che i suoi tre dipendenti sono appena usciti dalla cassa integrazione. La loro giornata è stata tutta una corsa ad allestire i tanti tavoli all’aperto. E sarà così anche domani.

Al via il cinema virtuale #IoRestoInSala

(di Barbara Sorrentini)

In attesa della riapertura delle sale cinematografiche, prevista per il 15 giugno, ma ancora molto dibattuta per le precauzioni da adottare che porterebbero più costi che incassi, inaugura il nuovo cinema virtuale #IoRestoInSala.
Nata da un gruppo di esercenti di molte città di Italia, tra cui Lionello Cerri di Anteo Palazzo del Cinema di Milano, la piattaforma prende vita dall’esigenza di far uscire almeno una parte di quei film che in questi mesi di lockdown non ha trovato schermi per uscire.
L’inaugurazione del 26 maggio detta la linea di quella che sarà la programmazione delle prossime settimane e mesi. Il via con il film FAVOLACCE dei fratelli D’Innocenzo, vincitore dell’Orso d’Argento alla Berlinale, interpretato da Elio Germano e ambientato in una Roma periferica tra adolescenti vittime di un male di vivere esistenziale. Gli stessi registi saranno presenti online alle ore 20 per introdurre il film.
Nel progetto, l’idea è di mantenere attiva la piattaforma anche quando i cinema apriranno definitivamente; per ora in attesa di una soluzione da parte del Ministero dei Beni Culturali che al momento vede più probabili, in un primo tempo, le aperture delle arene estive.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 02/07

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 07/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 02/07 delle 07:14

    Metroregione di gio 02/07 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 07/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Best of Cult (22/06 - 26/06) (seconda parte)

    descrizione: I migliori momenti della settimana del quotidiano culturale di Radio Popolare in onda da lun a ven dalle 11,30…

    Gli speciali - 07/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 02/07

    Radio Session di gio 02/07

    Radio Session (Stay Human) - 07/02/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 02/07

    Responsabilità, cause, colpe della pandemia da Covid-19. Memos ne ha parlato con l’epidemiologo Paolo Vineis, dell’Imperial College London, co-autore di…

    Memos - 07/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 02/07

    Note dell'autore di gio 02/07

    Note dell’autore - 07/02/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 02/07

    Cult di gio 02/07

    Cult - 07/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 02/07

    Prisma di gio 02/07

    Prisma - 07/02/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di gio 02/07

    Favole al microfono di gio 02/07

    Favole al microfono - 07/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/07

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/07

    Rassegna stampa internazionale - 07/02/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 02/07

    Il demone del tardi - copertina di gio 02/07

    Il demone del tardi - 07/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 02/07

    Fino alle otto di gio 02/07

    Fino alle otto - 07/02/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 02/07

    Tracklist: 1. Vaudou Game - Tata Fatigué..2. Speedometer - Abuja Sunrise..3. Professor Wouassa - Yobale Ma..4. The Haggis Horns -…

    Funk shui - 07/02/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead 80

    Playlist: 1. Love and Love Again, Double Cut, Mappe, Parco Della Musica Records, 2017..2. Dreamscape, Roger Rota, Reality In Illusion,…

    Jazz Ahead - 07/02/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 01/07

    A casa con voi di mer 01/07

    A casa con voi - 07/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 01/07

    Ora di punta di mer 01/07

    Ora di punta – I fatti del giorno - 07/01/2020

Adesso in diretta