Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Lunedì 28 settembre 2020

Il racconto della giornata di lunedì 28 settembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia diffusi oggi al concorso straordinario per 32mila docenti diventato argomento di discordia tra il PD e il Movimento 5 Stelle. Il premier Conte chiede una riforma del Reddito di Cittadinanza dopo aver confermato il non rinnovo di Quota 100 allo scadere dei 3 anni. Negli Stati Uniti i democratici vanno all’attacco di Trump dopo le rivelazioni del New York Times. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Oggi in Italia sono stati accertati circa 1.500 casi di coronavirus. Rispetto a ieri i nuovi positivi sono 272 in meno, ma scende anche il numero di tamponi, passati da 88mila a 51mila. Per il terzo giorno di fila la Regione con più casi individuati è la Campania. A livello nazionale sono state comunicate 16 morti, mentre i pazienti in terapia intensiva salgono a 264, 10 in più di ieri. I timori su un possibile aumento della diffusione del COVID nelle prossime settimane sono legati all’arrivo dell’influenza stagionale, che insieme alla pandemia potrebbe mettere sotto pressione il sistema sanitario. Renata Gili coordina il progetto di monitoraggio dell’influenza stagionale della Fondazione Gimbe:


 

Conte chiede una riforma del Reddito di Cittadinanza

(di Michele Migone)

Il felpato Giuseppe Conte ha recepito il monito post-regionali lanciato dal Pd e con grande cautela, come nel suo stile, ma con la chirurgica abilità politica che ha dimostrato di possedere, sembra volersi staccare dal declinante Movimento 5 Stelle per assecondare il cambio di passo chiesto da Nicola Zingaretti. In poco più di 24 ore, il Presidente del Consiglio ha prima messo in soffitta Quota 100 e poi ha annunciato una sostanziale riforma del Reddito di Cittadinanza. Se per il primo provvedimento, da tempo, si pensava all’archiviazione, per il secondo, il destino non era scontato. Ma, il pessimo risultato nelle regionali dei 5 Stelle e la guerra interna tra grillini, hanno così indebolito il Movimento da convincere Conte a mettere in discussione la riforma bandiera di Di Maio e company.
Non ci sarà alcuna forzatura da parte sua, Conte vuole evitare ogni scontro con i 5 Stelle, ma il messaggio è stato molto chiaro. Lanciato anche per rassicurare quegli imprenditori (e i loro giornali) che da tempo conducono una battaglia contro il Reddito di Cittadinanza. Se prima il rapporto con loro era all’insegna dell’antagonismo, ora il presidente del consiglio, lo vuole basato sul dialogo. Per navigare fino al 2023, le acque devono essere le più calme possibili. Quando poi Quota Cento e Reddito di Cittadinanza verranno toccati ancora non si sa. Per ora basta l’annuncio. Come per i Decreti Sicurezza. Sono i tre provvedimenti simbolo del suo primo governo. Che Conte, con accanto Salvini e Di Maio, aveva sempre rivendicato con forza. Ora, però, siamo in una diversa stagione politica. E Conte è il primo a voler far scordare la precedente.

Concorso straordinario per i docenti. Scontro PD-M5S sulle date

(di Anna Bredice)

Anche la scuola diventa argomento di discordia tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. Se la contrarietà dei sindacati al concorso indetto dalla ministra Azzolina per il 22 ottobre rientra nei rapporti e dinamiche tra governo e sindacati, è più difficile capire perché pubblicamente, senza minimizzare il livello di contrasto, i due alleati di governo si mettano a litigare su un tema che da settimane è all’ordine del giorno, la scuola.
La ministra Azzolina ha annunciato di voler indire il concorso per l’assunzione in ruolo di 32mila precari il 22 ottobre, era già pronta a pubblicare l’avviso sulla Gazzetta Ufficiale domani, un’unica prova con risposte aperte, da tenersi in date diverse entro fino novembre, ne seguirebbe subito dopo un altro per 46 mila docenti, e a questo sarebbero interessati circa 500 mila candidati. Una partecipazione enorme, un concorso atteso da anni, ma che per i tempi il PD e i sindacati contestano. Ci sarebbero troppi insegnanti impegnati a scuola, magari lontani dai luoghi di residenza, impossibilitati a partecipare, inoltre tutti quelli in quarantena o con sintomi COVID non potrebbero neppure entrare nelle aule. Due motivi per cui chiedono un rinvio ad esempio a Natale, anche perché, aggiungono, i nuovi docenti entrerebbero a scuola per insegnare a settembre del 2021, anche se risulterebbero assunti già da ora. Per il Partito Democratico, quindi, il concorso ora non risolverebbe i problemi enormi di mancanza di docenti che si sta verificando nella scuola. Dai 5 Stelle, però, si fa quadrato intorno alla loro ministra, che non intende rinunciare a questa data. Un braccio di ferro tra i due alleati, come se ne stanno verificando altri, dal Mes al reddito di cittadinanza: il Pd vuole imporre la sua agenda e i cinque stelle fanno fatica ad accettare.

USA, democratici all’attacco di Trump sul pagamento delle tasse

(di Roberto Festa)

I democratici sono all’attacco, dopo le rivelazioni del New York Times sulle tasse di Donald Trump. Alzi la mano chi paga più tasse di Trump, scrive in un tweet il leader democratico del Senato, Chuck Schumer. Trump, manco a dirlo, nega tutto e parla di fake news, di falsità totali. Lo scoop del Times, che ha analizzato due decenni di tax returns del presidente, fa alcune cose. Mostra che l’impero di Trump, lungi dall’essere florido, è in realtà gravato dai debiti. È proprio grazie alle forti perdite, e quindi a imponenti sgravi fiscali, che il presidente ha potuto pagare solo 750 dollari di imposte sul reddito nel 2016 e 2017, e nemmeno un dollaro per 10 dei passati 15 anni. Il report del Times rivela anche il ruolo di Ivanka, la figlia, che per sue altissime parcelle da consulente, ha aiutato a ridurre le imposte di famiglia. Infine, nell’inchiesta del Times c’è la prova che il presidente ha approfittato della sua posizione. Da quando è alla Casa Bianca, lobbisti, politici stranieri, diplomatici, hanno pagato profumatamente per soggiornare nei suoi resort. Detto questo, lo scoop del Times non rivela nulla di davvero illegale. Trump ha pagato poche tasse, in alcuni casi non ha pagato le tasse, non perché le abbia evase, ma a causa del suo declinante impero. Da questo punto di vista, le accuse dei democratici, che ora urlano al misfatto, potrebbero non avere effetti politici rilevanti su Trump.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/09/2022

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee

    Pubblica - 29/09/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 29/09/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 29/09/2022

  • PlayStop

    Germano Maifreda, Immagini contese. Storia politica delle figure dal Rinascimento alla cancel culture

    GERMANO MAIFREDA – IMMAGINI CONTESE. STORIA POLITICA DELLE FIGURE DAL RINASCIMENTO ALLA CANCEL CULTURE – presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 29/09/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/09/2022

    IL VOTO DEL SUD CHE ARGINA MELONI Con Marco Valbruzzi docente di Scienze Politiche all'università Federico II di Napoli e…

    Prisma - 29/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 29/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 29/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 29/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/09/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 29/09/2022

    Selezione musicale a cura di Giacomo Castiglioni

    Mono - 29/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 28/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/09/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 28/09/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 29/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di mercoledì 28/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 28/09/2022

    (12 - 203) Dove si scopre che domenica, giorno delle elezioni, pare che PornHub abbia fatto il massimo di accessi.…

    Muoviti muoviti - 29/09/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Verdena

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Verdena.

    Jack meets - 29/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 28/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/09/2022

  • PlayStop

    Uliano Lucas ospite di Ira Rubini

    Il celebre fotografo e fotoreporter Uliano Lucas è stato ospite a Cult per condividere alcune riflessioni sul ruolo dell’intellettuale oggi…

    Clip - 29/09/2022

  • PlayStop

    Uliano Lucas ospite di Ira Rubini

    Il celebre fotografo e fotoreporter Uliano Lucas è stato ospite a Cult per condividere alcune riflessioni sul ruolo dell’intellettuale oggi…

    Clip - 28/09/2022

Adesso in diretta