Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Lunedì 27 aprile 2020

Protezione Civile

Il racconto della giornata di lunedì 27 aprile 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia diffusi oggi ai nuovi chiarimenti sulla cosiddetta fase 2 mentre il premier Conte si prepara a raggiungere la Lombardia per incontrare il presidente della Regione Fontana, i sindaci e Confindustria. Nel Mondo, intanto, sono stati superati i 3 milioni di contagi e il premier britannico Boris Johnson, tornato pienamente operativo, scelta la strada della cautela. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Chiara Ronzani)

Oggi i morti per coronavirus sono stati 333, ieri erano 260. Un dato negativo. I nuovi casi accertati invece sono stati molti di meno: 1.739, ieri erano 2.324, questo significa quasi 600 in meno. Un dato positivo. Ma dobbiamo essere prudenti con i dati ricordando che si tratta di lunedì e che nel fine settimana, in particolare la domenica si processano molti meno tamponi. In Lombardia, per fare un esempio, sono stati meno della metà rispetto a venerdì. Quindi meno tamponi meno positivi. Ma anche riguardo ai decessi, abbiamo osservato che il lunedì sono più alti. In alcuni casi sappiamo che i morti del fine settimana vengono conteggiati all’inizio della settimana successiva.
Di sicuro possiamo osservare che la curva sia dei decessi sia dei nuovi casi è in discesa, seppure in alcune zone osservi un andamento altalenante.
È il caso della Lombardia e del Piemonte, che restano osservate speciali. Il Piemonte ha superato per numero di positivi la Emilia-Romagna, e diventa così la seconda regione più colpita. In Lombardia i morti sono stati 124, più del doppio di ieri, quando erano 56. Sempre elevato il numero di contagi in provincia di Milano. Però c’è una buona notizia. C’è una provincia, quella di Sondrio, dove non si è registrato nemmeno un nuovo caso.

Fase 2 con possibilità di nuovi lockdown

(di Anna Bredice)

Misure generalizzate, con un monitoraggio locale stretto. La linea per verificare che la fase 2 possa funzionare sarà questa. Il timore di tutti, che oggi il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Brusaferro ha espresso, è che rinascano nuovi focolai e se questo accadrà bisognerà, ha detto nella consueta conferenza stampa, intervenire subito per chiuderli. Come e con quali criteri lo stabilirà una nuova circolare che dovrebbe uscire entro giovedì. Lì verranno indicate le misure di monitoraggio, la questione dei tamponi e quali saranno i parametri per definire il livello di allarme.
Da quello che emerge dovrebbe essere dato da una relazione tra vari fattori – il numero nuovo di contagi, il sovraccarico degli ospedali, la capacità di eseguire i tamponi necessari – e quando arriveranno i risultati si deciderà se creare di nuovo un lockdown, ma localmente, la creazione in sostanza di una zona rossa, laddove la fase 2 portasse di nuovo all’aumento del numero dei contagi.
Tutto questo deve essere ancora definito in maniera dettagliata diventando così un dispositivo del Ministero da inviare alle Regioni nei prossimi giorni, è chiaro che sono quelle del Nord, in particolare la Lombardia ad essere maggiormente sotto osservazione. Dal Ministero della Salute si parla di interventi radicali per modulare provvedimenti localizzati, non si specifica chi li prenderà, ma sembra di capire che è il Ministero della Sanità che si assumerà la responsabilità di intervenire con un nuovo blocco della zona. Si partirà quindi con un decreto, come sempre, nazionale, ma dal 4 maggio l’osservazione e l’intervento cominceranno ad essere locale, e forse da lì se la curva dell’epidemia seguirà il corso di questi mesi inizieranno ad esserci scelte diverse per le diverse regioni, ma questa è una decisione che si prenderà molto più avanti.

Conte in Lombardia ad illustrare la Fase 2

(di Roberto Maggioni)

Il Presidente del Consiglio Conte arriva nelle prefetture di Milano, Bergamo e Brescia per spiegare al presidente della Regione Fontana, ai sindaci e a Confindustria cosa accadrà nella Fase 2 e soprattutto come.
Possiamo ipotizzare in particolare su due temi: le zone rosse territoriali e le informazioni quotidiane che ciascuna regione dovrà inviare al Governo, che sono le due novità che coinvolgono direttamente le Regioni e i territori di cui ha parlato Conte in conferenza stampa e inseriti nel decreto.
Conte si troverà di fronte i sindaci di centro-sinistra di Milano, Bergamo e Brescia, ma soprattutto l’avversario politico Fontana, che significa Matteo Salvini. E poi Confindustria Lombardia, che nella Fase 1 si è opposta all’istituzione delle zone rosse.
Conte dovrà spiegare che nella Fase 2 le zone rosse, se la situazione dovesse peggiorare, si faranno. È scritto nel decreto: se l’indice R con zero, vale a dire la diffusione del contagio, dovesse nuovamente salire sopra l’1, verranno adottati provvedimenti di chiusura: prima le zone rosse locali, poi eventualmente un nuovo lockdown.
Concetto ribadito dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro: “Individuare nuovi focali locali è fondamentale per potere intervenire in maniera radicale e predisporre zone rosse“. Ma per farlo serve la collaborazione dei territori, che in Lombardia significa anche e soprattutto Attilio Fontana, che ancora oggi, dalla riaperture delle Chiese alla richiesta di minori restrizioni, non ha mancato di fare opposizione al Governo usando l’emergenza COVID.

Il coronavirus nel Mondo: più di 3 milioni di contagi

(di Emanuele Valenti)

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è tornata a ricordare che non è il momento di abbassare la guardia nella lotta al coronavirus. La situazione è fuori controllo soprattutto in alcune regioni in Africa, Asia e America Latina. I contagi a livello mondiale hanno superato i tre milioni.
L’OMS ha anche ricordato che in queste settimane, per far fronte alla pandemia, sono stati sospesi altri vaccini per circa 13 milioni di persone.
La crisi da coronavirus continua ad avere anche ricadute sull’economia globale. In Francia c’è stato un aumento record nelle richieste di sussidi di disoccupazione, il consorzio franco-tedesco dell’aviazione – Airbus – ha detto che è stata messa in gioco la sua stessa sopravvivenza, il governo di Berlino sta valutando se limitare gli aiuti di stato alle imprese che non distribuiscono dividendi.
La Russia intanto ha superato la Cina per numero di contagi: 87mila casi contro gli 84mila di Pechino. Il governo cinese ha nuovamente negato di aver coperto le notizie sulla pandemia tra fine 2019 e inizio 2020. Nei giorni scorsi erano arrivate ancora critiche in questo senso da Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea. La Casa Bianca ha sospeso il quotidiano punto stampa, che dovrebbe riprendere nel fine settimana.

UK, Il ritorno di Boris Johnson

(di Daniele Fisichella)

Il Regno Unito dovrà aggiornare le proprie direttive entro il 7 maggio, oggi era chiaramente troppo presto per farlo e Boris Johnson ha voluto mandare il messaggio che dopo aver sconfitto il virus è di nuovo alla guida del Governo.
Il discorso di Boris Johnson è stato un appello a rimanere pazienti, a stringere i denti a continuare a sopportare la vita in lockdown.
Nonostante le pressioni sul Governo, tanto interne che dall’opposizione, a rendere noti i passi da seguire per allentare le misure che limitano la libertà di movimento, per Johnson non è ancora il momento di fornire ulteriori dettagli né tantomeno di promettere riaperture di negozi o attività commerciali.
I numeri del contagio sono in leggera discesa ed incoraggiano le autorità che la strada intrapresa è quella giusta, ma bisognerà continuare con i sacrifici, e soprattutto, ha lasciato intendere Johnson, prepararsi ad una lunga fase di “nuova normalità”: con spostamenti contingentati e fortemente regolati.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 05/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 19:50

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sab 05/12/20

    Guida nella Jungla di sab 05/12/20

    Guida nella Jungla - 12/05/2020

  • PlayStop

    Conduzione Musicale di sab 05/12/20

    Conduzione Musicale di sab 05/12/20

    Conduzione musicale - 12/05/2020

  • PlayStop

    On Stage di sab 05/12/20

    ira rubini, on stage, davide livermore, serata concerto scala 7 dicembre 2020, teatro delle selve, san maurizio d'opaglio, franco acquaviva,…

    On Stage - 12/05/2020

  • PlayStop

    Passatel di sab 05/12/20

    Passatel di sab 05/12/20

    Passatel - 12/05/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 05/12/20

    Pop Up di sab 05/12/20

    Pop Up Live - 12/05/2020

  • PlayStop

    Sidecar di sab 05/12/20

    Sidecar di sab 05/12/20

    Sidecar - 12/05/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 05/12/20

    I Girasoli di sab 05/12/20

    I girasoli - 12/05/2020

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 05/12/20

    Sabato Libri di sab 05/12/20

    Sabato libri - 12/05/2020

  • PlayStop

    Itaca di sab 05/12/20

    Itaca di sab 05/12/20

    Itaca - 12/05/2020

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 05/12/20

    Itaca Rassegna di sab 05/12/20

    Itaca – Rassegna Stampa - 12/05/2020

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 05/12/20

    Mash-Up di sab 05/12/20

    Mash-Up - 12/05/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 04/12/20

    Doppia Acca di ven 04/12/20

    Doppia Acca - 12/05/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 04/12/20

    con Andrea Cegna. - punto metro..- Roberto Codazzi, appena tornato da Santo Domingo, ci racconta la situazione da quelle parti..-…

    A casa con voi - 12/04/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 04/12/20

    Esteri di ven 04/12/20

    Esteri - 12/04/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta di ven 04/12/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/04/2020

  • PlayStop

    Follow Friday - La grande fuga

    lunga rassegna dei trending topic, tra cui spicca la sgridata di Augias a Salvini. Pip pop challenge estesa sulle più…

    Follow Friday - 12/04/2020

Adesso in diretta