Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Lunedì 18 gennaio 2021

Conte alla Camera

Il racconto della giornata di lunedì 18 gennaio 2021 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia all’intervento di Giuseppe Conte alla Camera che ha dato il via alla prima richiesta di fiducia dopo l’apertura della crisi di governo, mentre per il PD un rimpasto non è più una possibilità così remota. I rallentamenti nella produzione del vaccino di Pfizer-BioNTech provoca una brusca frenata alla campagna vaccinale in Italia. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Tornano a risalire i posti occupati in terapia intensiva e nei reparti ordinari. È il più significativo dei dati odierni che vedono una sostanziale stabilità nel numero dei contagi e nelle vittime, sempre numerose.
Gli ingressi giornalieri in terapia intensiva sono 142, 41 i posti occupati in più. Restano 9 le regioni oltre la soglia critica del 30% di posti occupati da pazienti COVID. I pazienti nei reparti ordinari sono aumentati di 127 rispetto a ieri,
In totale sono 8.824 i test positivi, col tasso stabile al 5,6% che comprende anche i test rapidi, i morti sono 377, esattamente lo stesso numero di ieri.
Nel pomeriggio il presidente della regione Lombardia Fontana ha confermato che presenterà ricorso al Tar del Lazio contro l’inserimento in fascia rossa. Fontana ha spiegato che verrà contestato l’indice RT attribuito alla regione e che ne avrebbe determinato le misure di mitigazione più severe.
Qualora fosse accolto segnerebbe un precedente che metterebbe in discussione l’intero sistema per fasce studiato dal governo.
Intanto a Bergamo i magistrati che indagano sulla gestione della pandemia hanno confermato che il piano Pandemico dell’Italia fosse obsoleto, risalente al 2006. È quanto ha detto la procuratrice aggiunta Cristina Rota, dopo l’interrogatorio durato oltre 6 ore di Giuseppe Ruocco, segretario generale del ministero della salute. Rtuocco è stato sentito come persona informata dei fatti.

L’intervento di Giuseppe Conte alla Camera

(di Anna Bredice)

Sarà stata la tensione delle settimane di pre-crisi e trattative, ma Conte questa mattina alla Camera esprimeva interamente la tensione, il nervosismo, la necessità di reprimere la rabbia e l’irritazione, che in qualche modo poi ha espresso nella replica quando ha detto ai deputati distratti che a casa la gente voleva ascoltare. Sembrava al limite della sopportazione. Alla fine un intervento non all’altezza di quello forte, rivendicativo che fece al Senato con Salvini. Nei cinquanta minuti non ha mai citato Renzi, quasi una distanza sdegnata, ma tutto nasce da lui, e quindi parla di irresponsabilità di interessi personali di chi ha causato la crisi, fino a chiudere la porta e dire che ora inizia un’altra fase, ma quello che ha poi detto in aula è stato un lungo elenco di cose da fare e su questo ha chiesto l’aiuto dei parlamentari che chiama volenterosi, non più responsabili. Ma senza un progetto politico, almeno per ora, ha chiamato all’appello europeisti anti sovranisti, il confine è la Lega, tutto il resto sembra andar bene. Forse è questo che ha generato un po’ di delusione nei gruppi che lo appoggiano a cominciare dal PD. Dateci una mano, aiutateci, ha detto un presidente del Consiglio che vuole andare avanti a tutti i costi, quindi promette, magari, a chi entrerà il ministero dell’agricoltura. Si vedrà domani se l’intervento sarà uguale anche al Senato, oppure cambierà qualcosa, anche perché ad ascoltarlo in aula ci saranno Renzi e Salvini.

Il PD non esclude più un rimpasto di governo

(di Luigi Ambrosio)

Anche nelle previsioni del PD adesso un rimpasto, quantomeno, non è più impossibile anzi c’è chi lo vede come la via per uscire da una situazione che si è fatta non così semplice.
Sembrava filare tutto liscio a mezzogiorno, Conte parlava con sicurezza e si rivolgeva direttamente agli italiani. Quanti senatori domani con lui? 158? 159? Poi al pomeriggio si alza in aula il tessitore Tabacci e dice due parole: nuovo governo.
E Zingaretti ha iniziato a vedere, parole sue, una “strada strettissima” Se vuoi trattare con la DC promettere il proporzionale e appellarsi al bene comune non basta. Ecco perché da dentro al PD arrivano messaggi: la porta con Italia Viva non è del tutto sbarrata. Ipotesi che divide il partito ma che prende consistenza. Anche perché lo stesso presidente del consiglio faceva filtrare che al senato ci sono 155 o 156 voti. La sostanza, dietro il volare alto delle parole di Conte è un tatticismo esasperato e una trattativa spietata. Sembrava una crisi chiusa in fretta. “La situazione cambia di ora in ora” afferma invece adesso Zingaretti. Bentornati nella prima repubblica.

Frena la vaccinazione in Italia: mancano le dosi

Brusca frenata per la campagna vaccinale a causa dei rallentamenti nella produzione di Pfizer-BioNTech. Poco fa l’amministratore delegato di Pfizer ha fatto sapere che l’Italia avrà più dosi nel secondo trimestre. Ma questo non risolve il problema che le Regioni stanno affrontando: tra ieri e oggi infatti sono iniziati i richiami per i primi vaccinati ed in molte regioni italiane, per effetto dei tagli, i richiami saranno le uniche dosi somministrate per almeno una settimana.
Oggi l’Italia ha avuto 165mila dosi in meno di quelle previste da contratto. I tagli non saranno uguali per tutti, ma saranno decisi autonomamente dalla casa farmaceutica in base ad un algoritmo, ha fatto sapere la stessa Pfizer. Sono soltanto 6 le regioni che non avranno tagli. Le più penalizzate sono le Province di Trento e Bolzano che ne avranno rispettivamente il 60% e il 57,1% in meno, il -53,8% in meno in Friuli Venezia Giulia, il Veneto il 52,5%, la Sardegna la metà, e così via fino al 26,8% di taglio per la Lombardia ed un quarto per il Lazio. Abruzzo, Basilicata, Marche, Molise, Umbria e Valle d’Aosta sono le uniche senza tagli nella distribuzione. In pratica, fino al prossimo rifornimento che Pfizer ha promesso che tarderà solo di una settimana, l’Italia avrà disposizione circa 700mila dosi, i già vaccinati che necessitano di richiamo hanno superato il milione. Le regioni con la maggior quota di tagli hanno fatto sapere che da oggi effettueranno soltanto i richiami per non pregiudicare l’efficacia del vaccino. Zaia in Veneto ha detto che tra qualche giorno le dosi disponibili non saranno più sufficienti neppure per quelli. Nei giorni scorsi era stata fatta l’ipotesi di inoculare la prima dose ad un maggior numero di persone e ritardare i richiami, ipotesi subito saltata perché il vaccino perderebbe buona parte della sua efficacia. Un problema dunque molto serio per la campagna italiana, considerati i tempi degli altri due vaccini su cui Roma ha puntato. Quello AstraZeneca, all’esame delle autorità del farmaco il 29 gennaio su cui pesano ritardi dovuti ai vari problemi nella sperimentazione, e quello di Jhonson&Jhonson che non sarà pronto prima della fine di marzo. Insieme costituiscono quasi la metà dei 200 milioni di dosi previste per l’Italia. Il terzo vaccino per dosi previste, quello di Sanofi/Gsk, non arriverà prima della seconda metà dell’anno.

Organico COVID: i 70mila precari della scuola

(di Andrea Monti)

Si chiama “organico COVID”: circa 70mila lavoratori precari della scuola chiamati ad aiutare gli istituti ad andare avanti nell’emergenza. Nonostante siano passati mesi dall’entrata in servizio, una parte di loro non ha ancora ricevuto il primo stipendio.
Il problema non è nuovo, come altri che la pandemia ha fatto emergere o aggravato, dalle difficoltà del sistema sanitario alle diseguaglianze di genere. In questo caso il tema sono i ritardi nei pagamenti degli stipendi ai precari della scuola, una questione che si trascina quantomeno da anni. Stavolta fa più notizia perché a essere danneggiati sono insegnanti e bidelli chiamati a dare il loro contributo in piena pandemia, con contratti a termine che dovevano essere addirittura interrompibili in anticipo in caso di lockdown: una clausola cancellata solo lo scorso ottobre. Secondo il quotidiano la Stampa almeno metà dei lavoratori coinvolti non ha ancora incassato lo stipendio di novembre e almeno un quarto è messo persino peggio, non avendo ancora visto un euro. I motivi possibili sono più di uno e vanno da una sottostima iniziale dei soldi necessari a pagare queste persone – un errore dei ministeri dell’economia e dell’istruzione denunciato già a novembre dal sindacato Gilda – a problemi tecnici che hanno fatto slittare l’inizio di tutti i versamenti, tanto che a metà novembre nessuno di questi lavoratori aveva ricevuto un solo bonifico. Nell’attesa di una ripartenza delle procedure di pagamento, prevista in queste ore, ai precari resta solo un’altra speranza: che il proprio preside prenda esempio dall’annuncio arrivato una settimana fa da Alessandria, dove un dirigente scolastico si è detto pronto ad anticipare almeno 200 euro a ognuno dei propri lavoratori coinvolti.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 25/02/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/02/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 25/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 25/02/21

    Uno di Due di gio 25/02/21

    1D2 - 25/02/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l’armadillo - 25/02/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 25/02/21

    Ospiti Carota e Lodo dello Stato Sociale che raccontano i loro progetti solisti e Venerus intervistato sul suo disco Magica…

    Jack - 25/02/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay human - 25/02/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 25/02/21

    Europa, tra aiuti e vaccini. Non si parla d’altro nel vecchio continente: dei soldi del Recovery Plan e dei vaccini…

    Memos - 25/02/2021

  • PlayStop

    Giuseppe Martini, Regio People

    GIUSEPPE MARTINI - REGIO PEOPLE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/02/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 25/02/21

    ira rubini, cult, milano sanremo, l'ultima ruota, rita pelusio, duccio fabbri, doc squizo, louis wolfman, barbara sorrentini, davide steccanella, perché…

    Cult - 25/02/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 25/02/21

    Cominciamo lanciando uno sguardo dentro gli ospedali: raccontiamo due storie segnalateci dai nostri ascoltatori; medici di medicina generale e vaccini…

    37 e 2 - 25/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma - 25/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale - 25/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - 25/02/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 25/02/21

    Fino alle otto di gio 25/02/21

    Fino alle otto - 25/02/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 25/02/21

    Funk Shui 85 - Tracklist: ..1. PM Warson - In Conversation..2. The Bamboos - Ride On Time..3. The Allergies -…

    Funk shui - 25/02/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 24/02/21

    Jazz Ahead 113 - Playlist: 1. Aero,Timo Lassy/Teppo Makynen, Live Recordings 2019-2020, We Jazz Records, 2021..2. Calling James, Timo Lassy/Teppo…

    Jazz Ahead - 25/02/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 24/02/21

    con Barbara Sorrentini. - collegamento l'Istituto di Cultura Giapponese di Roma per parlare del festival cinematografico online JFF..- punto quotidiano…

    A casa con voi - 25/02/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 24/02/21

    Ora di punta di mer 24/02/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 25/02/2021

Adesso in diretta